none_o

 “C’è qualcosa che devo dire alla mia gente, in questo nostro procedere verso la giusta meta: non dobbiamo macchiarci di azioni ingiuste. Cerchiamo di non soddisfare la nostra sete di libertà bevendo dalla coppa dell’odio e del risentimento. Io ho un sogno. Che bambini neri e bambine nere, potranno prendere per mano bambini bianchi e bambine nere, come fratelli e sorelle. IO HO UN SOGNO OGGI.”..

Con Borgo di Pratavecchie
none_a
Auguri di Buone Feste
none_a
Migliarino-Pubblica Assistenza
none_a
Metato - Pubblica Assistenza
none_a
Senza animosità, le segnalo che la famosa commissione .....
. . . . . . . . . . . . . . i nostri governanti . .....
La fonte più autorevole che lei cita è il commissario .....
. . . . . . . . . . Gigino, ultras della curva e .....
Libri
none_a
FIAB-Pisa
none_a
"Nati per leggere" a San Giuliano
none_a
Piante e giardini
none_a
Pontedera, 25 gennaio
none_a
Milano 25/27 Gennaio 2019
none_a
ARCI Migliarino
none_a
Il Teatro nel magazzino
none_a
Marina di Pisa, 19 gennaio
none_a
Fiab Pisa
none_a
Circolo Il Fortino
none_a
Pisa, 12-13 gennaio
none_a
  • di Umberto Minopoli

      Perché votare Giachetti-Ascani

  • Circolo Arci Migliarino

      NUOVA GESTIONE LOCALE BAR

    Il Circolo ARCI Migliarino lancia una Manifestazione pubblica di Interesse finalizzata alla ricerca di un gestore del locale bar del Circolo in scadenza marzo 2019. Gli interessati possono rivolgersi direttamente ai consiglieri oppure inviare una mail alla posta del Circolo:  arcimigliarino@gmail.com.
    Scadenza delle domande: 31 gennaio 2019.


Migliarino
none_a
Promozione Sportiva CSI, ACSI, UISP, CSA
none_a
CSI -Centro Sportivo Italiano-
none_a
La quarta tappa a Viareggio
none_a
Ancora dormi accanto a me
ogni sera più di dieci lustri ormai,
stringi la mia mano nella tua
vuoi essere sicura amore mio,
che ti sono accanto .....
Il 24 gennaio alle ore 18 presso il Centro Salute di San Giuliano Terme in Largo Shelley, verrà presentato il libro Strumenti di counselling in Analisi .....
di Renzo Moschini
none_a
Fai-Cisl
none_a
di Renzo Moschini
none_a
San Giuliano Terme
Gioco d’azzardo, costi sociali, degrado della società

11/5/2018 - 17:51

 
Con l'occasione della presentazione del libro edito da AVVISO PUBBLICO sul gioco d’azzardo, Franco Marchetti, Vicesindaco di San Giuliano, fa il punto sulla situazione nell'ambito comunale.
 
"Lose for life (perdere sempre ) è il titolo del libro, una ricerca a più voci sui disastri e la dipendenza causata dal gioco d’azzardo.
 
Un giro di affari che oggi arriva ai 96 miliardi coinvolge tutti gli strati sociali in particolare i più disagiati.
 
Da dopo il 1992, quando lo stato decise di ampliare e liberalizzare il gioco per fare cassa siamo arrivati ad una situazione fuori controllo con danni sociali enormi.
 
Rimanendo in toscana a luglio del 2017 sono stimati in oltre 20.000 i giocatori. Tenendo conto che in media per ogni giocatore, sono coinvolti circa 7 persone per un totale di 140.000 persone.
 
Le persone che hanno chiesto aiuto nei 14 centri distribuiti nella regione sono 1400 , con costi sociali notevoli.
 
Spesso discutendo di questi aspetti pare che le nostre realtà non siano coinvolte fin tanto che la realtà stessa non viene violentemente sbattuta in faccia. 
 
Allora guardiamo i dati nel nostro comune, prosegue Marchetti.
 
A San Giuliano ci sono 141 tra AWP e VLT  macchinette di ultima generazione.

Nel 2016 le giocate complessive sono state di 10,95 milioni, per una spesa di 5.033380,60 , nei primi mesi del 2017 siamo a 2747022,19 per una spesa procapite sempre nel 2016 di 188,82€ .

 

Nei primi mesi del 2017 siamo a 102,05 di spesa procapite. 
I soldi persi nel gioco nei primi sei mesi del 2017 sono 1620960€ negli apparecchi, giochi numeri 159.337€, ippica 242866€, lotterie 445664€, lotto 151562€, virtuali 30811€.
 
Il 47% dei giocatori sono indigenti, sono coinvolti anche bambini dagli 8 anni in su, molti dei quali manifestano problemi di vario genere.
 
Come dicevamo la media è di quasi 200 euro ma appunto come diciamo è una media.

Questo significa che la spesa procapite è molto più alta in chi gioca divenendo una dipendenza vera.
 
Nel nostro comune in quasi tutti i locali pubblici, circoli compresi, è possibile giocare d’azzardo, creando difficoltà  enormi.

 
Facendo una stima molto empirica, ma che poi andrà approfondita, dei quasi 2 milioni di euro complessivi di aiuti che spendiamo per i sociale, una  parte risarcisce le perdite da gioco e permette alla famiglie di avere un minimo di sostentamento.
 
Non abbiamo elementi e strumenti per controllare, e purtroppo le regole “legali” non permettono controlli più stringenti. 
Dati di questa natura sono anche il sintomo di un profondo disagio che una parte rilevante della nostra società vive.

 
Il gioco viene visto come un investimento, come l’extrema ratio per molte persone, sperando in con un colpo di fortuna per uscire dalla situazione nella quale vivono. 
Il gioco d’azzardo cosi come viene svolto oggi è uscito da quell’alveo che era stato fino a prima del 92, gioco di rischio ma ponderato. 
I vari governi che si sono succeduti dal 92 ad oggi hanno enormi responsabilità, pensavano che una scorciatoia di questo tipo aumentava le entrate erariali senza porsi il problema delle conseguenze.
 
Oggi qualcosa si sta muovendo, la legge regionale Toscana prova a porre dei limiti all’espandersi del gioco d’azzardo.

Importante ma non basta, ci vogliono diverse azioni combinate, lo stato centrale dovrebbe rivedere le leggi in modo più restrittivo, dovrebbero essere aumentati gli aiuti alle famiglie che si trovano in difficoltà, aumentando le risorse agli enti locali ed ai servizi socio sanitari, riconoscere le buone pratiche ed incentivare chi decide a togliere le macchinette dai vari locali pubblici.
 
Ma la cosa che diviene fondamentale è il rapporto coi ragazzi fin dalle scuole, perché per quanto si possa fare, se i ragazzini possono navigare senza controllo alcuno, nemmeno dei genitori, fin dalla piu tenera età diviene poi difficile mantenere livelli certi di legalità.
 
Cosi come diviene importante - conclude Marchetti - riprendere un confronto con le associazioni del tempo libero per tornare ad essere presenti nei luoghi di aggregazione, reimparando a stare insieme e ridivenire comunità.

Questo è l’impegno al quale ognuno, che a vario titolo opera nella società, è chiamato a dare il suo contributo.. e’ finito il tempo della sola denuncia o dare le colpe agli altri dei disagi propri."

 
 

 

 
 

 
 

 
 

 
 

     
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: