none_o

Percorrere la via Traversagna dal monte fino a Migliarino andando lentamente e guardandosi intorno può essere molto istruttivo. La prima cosa che salta agli occhi è la maleducazione di noi cittadini. Spazzatura ovunque. La maggior quantità è ammassata sotto il ponte che spassa oltre la Barra. Un cumulo di rifiuti fra cui frigoriferi e mobili vetusti che non sono passati per la Geofor.

Il Diario di Trilussa
none_a
LIBRI
none_a
Personaggi
none_a
I 10 anni della Voce
none_a
. . . . . . . . . . . . ricordo che il virus del " .....
oggi sono stato a santa anna di Stazzema ho partecipato .....
. . . . . . . . . . . . . inorgoglisce è nella fantasia, .....
Quello che mette in difficoltà il nostro paese, creando .....
Volterra-domenica 19 agosto
none_a
Tirrenia,14 agosto
none_a
Marina di Pisa, 10 agosto
none_a
Palaia, 10 agosto
none_a
Tirrenia, 7 agosto
none_a
Calci, 12 agosto
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Cercasi operatori

    Il  Circolo ARCI Migliarino che gestisce la Ludoteca Comunale in versione estiva presso l'Oasi Dunadonda cerca personale qualificato per il perido di luglio e di agosto. Gli interessati possono inviare una mail alla posta del Circolo   arcimigliarino@gmail.com. Vedi sotto.


  • ALLA CITTADINANZA DI MIGLIARINO

      04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30
    AVVISO DI ASSEMBLEA


    Il comitato A.S.B.U.C. di Migliarinoinvita tutti i cittadini della frazione a partecipare all’assemblea indetta presso la nuova sede ASBUC in via S. D’Acquisto n. 1 in Migliarino:     in prima convocazione per il giorno 30 Aprile 2018 alle ore 12.00,   in seconda convocazione per il giorno 04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30


Io che ho spiegato le vele tutte finché la riva scompare,
esplorato ogni terra invisibile,
ogni visibile mondo, sfidato correnti, mostri marini, .....
Dopo l’ultimo consiglio comunale abbiamo finito di capire chi sono i consiglieri di minoranza. Incapaci, ignoranti egocentrici. Il tema ponte si discute .....
Verso le elezioni comunali Pi
Olivia Picchi si presenta

15/5/2018 - 13:21

Vi devo dire una cosa che vi stupirà, immagino. Ha stupito anche me.

Mi candido a consigliere comunale alle prossime amministrative di Pisa, il 10 giugno.
Lo so, lo so... “È una follia” “non serve a niente” “l’antipolitica” “ma come ti viene in mente” “che pensi di fare?”.L’unica critica che non mi farete, spero, è quella di voler conquistare una “poltrona”: è il momento peggiore per fare politica, nel PD, oggi, anzi direi che non c'è nulla da guadagnarci e d'altro canto io vivo del mio lavoro.

Sono circa 20 anni che lavoro. Ho uno studio avviato di consulenza del lavoro, tributaria e fiscale e una società di elaborazione dati iscritta alla Cna di Pisa, insomma, ne ho molte da fare senza complicarmi la vita ma così ci sono nata, non posso farci molto. Io stessa ho avuto in questi mesi molte perplessità, momenti di crisi, scarsa convinzione.E' però la “cosa pubblica” la mia passione ho partecipato e partecipo alla vita associativa e politica da molti anni.

Giovanissima ho fatto il vicesindaco a Lari dove mi sono occupata di sociale e sanità oltre che di lavori pubblici e protezione civile, più tardi il consigliere provinciale a Pisa, sono stata in segreteria dei Ds prima e del Pd dopo, mi sono sempre battuta per le cause in cui credevo, ho vinto e ho perso tante volte. Da qualche anno mi sono dedicata esclusivamente al mio lavoro e non ci pensavo proprio più, sinceramente, a un impegno diretto.
Poi mi sono detta che non potevo restare a guardare e che non si può invocare un cambiamento se non siamo disposti a spendersi in prima persona e farne parte. E' una scelta scomoda adesso? Non mi importa, ma la ritengo utile quanto non mai.
Vengo da una piccola realtà dove ti suonano il campanello alla porta di casa per parlarti del lampione o del progetto che l’associazione delle donne immigrate vuol realizzare insieme alle scuole e alla proloco. I problemi della Pisa di oggi sono molti, nel rispetto di una città complessa, ma non sono legati solo alle difficoltà economiche o alla gestione dei flussi migratori.
Manca quel legame fra cittadini, associazioni ed istituzioni che ti fa sentire parte di una comunità e partecipe di un “qualcosa” di più grande e utile per tutti.
Manca la città dove una donna può essere tranquilla per strada, tra le mura di casa, una città dove la politica costruisca una radicata cultura del rispetto.
Manca quel sentirci “nostra” la città, prendercene cura, fare un piccolo gesto per abbellirla, fosse anche raccogliere una carta a terra.
Quando si smarrisce il senso comune, quando si perde il dialogo e la condivisione, tutto rimane più difficile, anche le cose banali.
Se dovessi dire cosa manca a Pisa, con uno slogan da campagna elettorale, direi: manca Pisa, quella che io ho conosciuto molti anni fa da studente Universitaria, quella dove sono cresciuta come cittadina, quella che Roan A. Johnson definisce “la più bella città del mondo” dove si arrivava per realizzare un sogno, quella città dove si vive bene, punto.
Non sono abituata a fornire “soluzioni” precotte: nessuno, da solo, può averle. Mi interessa di più la parte di ascolto, perché in ogni quartiere ci sono esigenze diverse e solo andandoci e parlando con chi lo vive si possono trovare proposte sensate. Io voglio andare lì, in quei luoghi, da quelle persone.
Vorrei contribuire a ricostruire una comunità civile e politica.
Non risolvo i problemi del mondo ma so fare e voglio fare questo. Se vi va datemi una mano, diffondete la voce, ditelo ad amici e familiari e - soprattutto - fatemi sapere cosa c’è da fare.
La Picchi, lo sapete, c’è.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: