none_o


Era nata per sosta di preghiera ai pellegrini che si recavano a Roma, poi per santificare la processione del Corpus Domini che dalla chiesa di San Ranieri vi si recava a messa e a festeggiare la giornata con bancarelle di dolciumi e  “coperte” per merenda sugli “aguglioli”. Poi, per la cattiva strada che aveva preso la bella strada, tutto si dissolse lentamente fino a che un gruppo di migliarinesi si diedero da fare per chiuderne il transito...

. . . . . . . . . . . . l'epidemia corona virus, .....
. . . si perchè di bullismo se ne parla solo se succedono .....
Quasi tutti conoscono il detto "chi rompe paga ed i .....
. . . o a Migliarino martedì?
Adnkronos Salute
none_a
Libri
none_a
Il sito degli "ARTISTI PISANI SCOMPARSI" per una significativa memoria culturale
none_a
Come Steve McCurry e l'afghana dagli occhi verdi nel 2002
none_a
di Marlo Puccetti
none_a
Le squadre di Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Per gli atleti pisani 19 medaglie
none_a
Le squadre di Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Se fossi nata albero sarei cresciuta molto, almeno spero,

invece sono corta e mingherlina e accrescere è un mistero.

Mi è stata tolta l'occasione .....
Buongiorno, abito in Via Paganini a Colignola, quotidianamente percorro le strade bianche nelle vicinanze fino ad arrivare ad Asciano, lungo i condotti. .....
Le Parole di Ieri
Da Trinca a Trombare

28/5/2018 - 17:22

TRINCA
Lett: TRINCA.
La trinca è una [forte legatura fatta con passate successive e sovrapposte, usata in ambito marinaro]. E’ presente in lingua italiana anche il significato normalmente usato in dialetto: nuovo di trinca come a dire nuovissimo, [appena legato] (quindi sempre collegato alla legatura).
In dialetto perde questo riferimento sia alla marina sia alla legatura e rimane come indicativo di una cosa nuova di zecca.
Trincare, come verbo, ha il significato di bere assai e con avidità.
 
TRINCHETTA
Lett: nc.
In italiano trincetto è una lama d’acciaio, il trinchetto è l’albero della nave più vicino alla prua.
Trinchetta o gambetta invece in dialetto è lo sgambetto, o gambetto: [mossa dell’allungare un piede tra le gambe di chi cammina per farlo cadere].
Gnorante, m’è fatto trinchetta!” : Cattivo, mi hai fatto lo sgambetto!
Anche in questo caso il dialetto dimostra la sua superiorità espressiva rispetto alla lingua italiana. La lingua parlata infatti, a differenza della scritta, non ha l’obbligo di soggiacere a rigide regole e sintassi  ma può scaturire in maniera spontanea, riuscendo sempre a rendere in modo più efficace il senso della situazione.
 
TROIAIO
Lett: TROIAIO. [Ammasso di cose sudice, di spazzatura].
Ignota è l’origine della parola, alcuni ipotizzano derivata da porcus troianus, che era una specie di porchetta ripiena. In italiano ha in ogni caso il significato di scrofa e di malafemmina.
In dialetto troiaio indicava certamente un ammasso di cose sudice, ma anche un lavoro mal fatto, una cosa non perfetta, qualcosa fatto male, per forma e/o per funzione.
Troiaio  era usato anche per indicare una persona infida, maligna, falsa ed anche una donna infedele ed una puttana.
Troione era una variante che si riferiva alle prostitute quando si voleva usare nei loro confronti un termine dispregiativo.
Esiste infatti una scaletta di termini più o meno offensivi per indicare chi esercita questo mestiere, che sono scelti a seconda del loro intimo significato:
passeggiatrice e lucciola (escort, moderno ndr) sono quasi dei vezzeggiativi e non contengono forti elementi di condanna morale,  prostituta è  il termine che possiamo considerare neutro, puttana ha già un certo significato dispregiativo che si accentua con i termini di bottino, budello, maiala e, appunto, troia e troione.
 
TROMBARE
Lett: TROMBARE.
I significati italiani del verbo sono stati già riportati (vedi sopra la voce Topa).
In dialetto indicava l’atto sessuale compiuto da individui di sesso diverso ed era il termine di gran lunga più utilizzato in Toscana, diventato ormai lemma di utilizzo nazionale.
E’ termine volgare ed è proprio per questo motivo che spesso viene utilizzato in films e spettacoli, anche se non ambientati nella nostra regione.
Un altro termine meno volgare, anch’esso abbastanza adoperato nella nostra regione è pipare [it. fumare la pipa], probabilmente derivato da un altro vocabolo toscano, pipo o pipi, usato per indicare il pene, l’organo genitale maschile.
Sul verbo trombare il Giorgi Graziano riferì un curiosa declinazione francese:
Je trombe, tu trombe, il trombe,
nous trombons,
vous trombez,
ils pipent  (verbo irregolare)

 

FOTO. Centenario delle Figlie della carità 1958

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: