none_o

Riprendiamo con piacere la ricerca di storie e leggende del nostro territorio. Dopo Villa Alta e Ripafratta, approfondiamo questa volta i misteri dei fantasmi della Villa di Corliano.Sono numerose le ipotesi sui fenomeni paranormali che si manifesterebbero a Corliano; la  leggenda più conosciuta è quella del fantasma di Teresa Scolastica della Seta Gaetani Bocca che, secondo tradizione, si manifesterebbe solo nelle notti di luna piena...

Arpat Toscana
none_a
Alma Pisarum choir
none_a
Convocazione Assemblea ordinaria Soci
none_a
ARCI Migliarino-Sabato 18
none_a
Quando si mostra un simbolo, sia religioso che laico, .....
mostrare un rosario che la falce e il martello
Vorrei sottoporre all'attenzione dei lettori di questo .....
Ma perché un fate una bacheca e ci schiodate dentro .....
Uno sguardo dal Serchio
none_a
POSTE ITALIANE: a poste vita il PREMIO GOVERNANCE
di capital finance
none_a
A cura di Maini Riccardo
none_a
Libri ed altro
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Convocazione Assemblea Soci

    Ilo Circolo comunica che l' Assemblea ordinaria viene indetta in prima convocazione il 6 giugno ore 21,30, in seconda convocazioneil giorno 7 giugno alle ore 21,00 presso il Circolo Arci, via Mazzini 35.

    1) Relazione del Presidente

    2) Rendiconto annuale 2018

    Tutti i Soci sono invitati a partecipare.


  • Circolo ARCI Migliarino

      Partite Pisa A.C.

    Si avvertono i Soci che il Circolo trasmetterà in chiaro tutte le  partite dell'Associazione Calcio Pisa, sia in casa che in trasferta. Prossima partita Piacenza-Pisa domenica 30 settembre. 


  • ALLA CITTADINANZA DI MIGLIARINO

      04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30
    AVVISO DI ASSEMBLEA


    Il comitato A.S.B.U.C. di Migliarinoinvita tutti i cittadini della frazione a partecipare all’assemblea indetta presso la nuova sede ASBUC in via S. D’Acquisto n. 1 in Migliarino:     in prima convocazione per il giorno 30 Aprile 2018 alle ore 12.00,   in seconda convocazione per il giorno 04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30


Nel germoglio di un'amore
C'e' il sorriso
della vita
Ed il tremito dei sensi
Che prelude a nuovi voli

E' la
danza di una fiamma
Che accarezza .....
Per una grande unità antifascista in Italia e in Europa

Mai come oggi dal dopoguerra si presenta in Italia e in Europa un così agguerrito e composito .....
di Renzo Moschini
none_a
Dal 24 al 26 maggio
none_a
di Renzo Moschini
none_a
di Renzo Moschini
ALL’AMBIENTE SERVE UNA POLITICA NON UN CONTRATTO

9/6/2018 - 12:11

ALL’AMBIENTE SERVE UNA POLITICA NON UN CONTRATTO


Le prime sortite governative sull’ambiente confermano un dato di fondo; manca un disegno, progetto, programma complessivo comunque vogliamo definirlo. Va aggiunto a scanso equivoci che già il passato governo e parlamento non avevano le carte in regola come in molti, anche della maggioranza, avevano denunciato a più riprese a partire dal Referendum.
Le prossime ed imminenti elezioni amministrative ne aggiungeranno sicuramente di nuovi a cui sarà bene cominciare a pensare da subito. Avendo chiaro che ad affrontare finalmente nel verso giusto le cose non deve pensarci solo chi vince. A noi infatti non è bastato e sarà bene evitare perciò di prendere altre scoppole.
Veniamo al merito. Il limite di fondo, possiamo dire strategico, è che nonostante alcune importanti leggi che in ambiti diversi avevano avviato politiche di pianificazione  non più settoriale come i bacini, il paesaggio, le aree protette, le coste, le comunità montane che avevano specie dopo la istituzione delle regioni comportato quella integrazione stato, regioni, enti locali che aveva posto su un piano di parità i diversi livelli istituzionali. Insomma lo stato non aveva più quella supremazia centralistica che aveva relegato in una condizione di subalternità regioni ed enti locali. Ma è proprio qui che quanto aveva stabilito il Titolo V del 2001 è andato via via passando dall’intesa al parere delle regioni ed enti locali in barba alla Conferenza Stato regioni.
Un recentissima sentenza del 2018 della Corte ha censurato questa riappropriazione centralistica  sconfitta al Referendum riproposta per molti versi dalla Riforma Madia. Sentenza che è stata definita un tagliando dopo 15 anni che ci fa capire più di tante polemiche e discorsi a vanvera da dove
bisogna ripartire che si tratti di politiche di tutela e parchi, di bacino, di santuario dei cetacei, di piani costieri. Insomma che si tratti di TAV, di piste d’aeroporto, di inceneritori devi ricondurli a livelli di governo del territorio che oggi –vedi area vasta- risultano sempre più vaghi e indefiniti avendo ridotto le competenze delle province in molti casi ricondotti a gestioni amministrative regionali. Così abbiamo regioni – quelle che Renzi e la Boschi volevano ‘punire’ con il Referendum- con minori competenze legislative è più uffici  burocratico-amministrativi.
E’ urgente perciò ristabilire quella leale collaborazione senza la quale continuerà a mancare un governo del territorio e dei beni comuni sempre più a rischio.
E’ quanto chiediamo al nuovo ministro  dell’ambiente che ho visto è apprezzato giustamente per il lavoro avviato sugli ecoreati -una ottima legge- che come altre però è ancora ignorata da troppi.
Renzo Moschini
 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




9/6/2018 - 13:22

AUTORE:
Cittadino Italiano

.... il generale/ministro (si dice) abbia aperto gli occhi da due anni(?) sulla terra dei fuochi.
Meglio tardi che mai. Ora si spera che faccia di più (più in senso positivo) per l'ambiente Italiano degli ultimi ministri/ambientali civili Orlando e Galletti.