none_o

Il 29 settembre è una data particolare. Non solo fa subito venire in mente la celebre canzone dell’Equipe 84 ma è anche il giorno del compleanno di Silvio Berlusconi (1936) e di Pier Luigi Bersani (1951). Sarà una combinazione ma proprio in questa data un noto ristorante viareggino della Marina di Levante organizza una “Cena con Corona”, nel senso del Fabrizio. Chi è interessato basta cercare in Internet....

I 10 anni della Voce
none_a
Compleanno
none_a
Il Diario di Trilussa
none_a
Le Parole di Ieri
none_a
IN RISPOSTA A CICCIO

CANTIERIZZAZIONE E CRONOPROGRAMMA .....
Per qualcuno è finita la pacchia delle lamentele . .....
. . . . . . . . . . . . . appelli di persone " disperate .....
Premetto che non intendo criticare e polemizzare e .....
A cura di: Leonardo Debbia
none_a
Uno Sguardo dal Serchio
none_a
Rottamazione: era l'ora!
none_a
Tecnologia e robotica
none_a
San Giuliano Terme, 28 settembre
none_a
San Giuliano, 22-23 settembre
none_a
Arena Metato, 25 settembre
none_a
San Rossore, 22 settembre
none_a
ARCI Migliarino
none_a
Migliarino Biodanza ASBUC
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Cercasi operatori

    Il  Circolo ARCI Migliarino che gestisce la Ludoteca Comunale in versione estiva presso l'Oasi Dunadonda cerca personale qualificato per il perido di luglio e di agosto. Gli interessati possono inviare una mail alla posta del Circolo   arcimigliarino@gmail.com. Vedi sotto.


  • ALLA CITTADINANZA DI MIGLIARINO

      04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30
    AVVISO DI ASSEMBLEA


    Il comitato A.S.B.U.C. di Migliarinoinvita tutti i cittadini della frazione a partecipare all’assemblea indetta presso la nuova sede ASBUC in via S. D’Acquisto n. 1 in Migliarino:     in prima convocazione per il giorno 30 Aprile 2018 alle ore 12.00,   in seconda convocazione per il giorno 04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30


Io che ho spiegato le vele tutte finché la riva scompare,
esplorato ogni terra invisibile,
ogni visibile mondo, sfidato correnti, mostri marini, .....
Domani forse piove.
La Pagina di Michele
"Emozioni"

4/7/2018 - 19:06



Un ragazzo assennato, con rigidi principi, molto sensibile. Qualità che, però, non gli lasciavano dimenticare la vita neppure per un istante.
            Anche quella mattina mentre si specchiava, per capire quale abbigliamento avrebbe dovuto scegliere per un giorno così importante, era intento a meditare sul susseguirsi degli incontri, degli abbandoni, degli amori, dei dolori e sulla realtà dell’incerto equilibrio che caratterizza le relazioni  umane.
            Con quelle riflessioni era interessato a dare una motivazione all’esistenza umana perché in essa si aspettava ci fosse nascosto il segreto della felicità.  
            Allo scopo dedicava il suo tempo libero alla ricerca di fonti d’ispirazione per i suoi ragionamenti, i libri. Un luogo in cui trovava sicurezza e dove gli sembrava di poter raggiungere la sua meta. Leggeva con voracità, era come allontanarsi dalla realtà, come trovare un’oasi di pace, come se tutto iniziasse in quell’attimo. Si sentiva stretto in quell’abbraccio che ancora nessuna donna gli aveva dato.
            Tutto questo se lo portava dentro, ben nascosto. A nessuno aveva confidato la sua intimità, ma ad un occhio attento non poteva sfuggire la sua tristezza.
            Il suo cuore era tormentato sia per il forte senso della morale che per la spaventosa ferita aperta dalla separazione dei genitori. Forse era stato quello il suo problema: una adolescenza interrotta e ora la mancanza di un amore, o meglio di quegli stimolanti turbamenti che ti introducono nell’avventura dell’esistenza. Lui voleva partire dalla emozioni e dunque le aspettava, ma non le cercava. Aveva paura di essere ferito e poi lasciato morire, ma in amore ci vuole coraggio.
            Intanto aveva studiato. Stamani a soli ventiquattro anni si sarebbe laureato e almeno per quel momento avrebbe voluto allontanare i suoi pensieri per far posto alla gioia di quel meritato traguardo.
            Uscì con l’approvazione della nonna che gli aveva detto di essere perfetto. Nel suo borsello Calvin Klein aveva messo la tesi e una bottiglietta di acqua frizzante. Era preparatissimo e la sua emozione sarebbe stato stupire la commissione, come del resto successe.
            Nel corridoio, che portava all’aula magna, fu circondato da amici e parenti. C’erano tutti, anche una cugina che non vedeva da anni. Con lei una ragazza che, dopo l’abbraccio della cugina, si presentò dicendo che fra poco si sarebbe laureata e quindi era interessata a vedere come si sarebbe svolto l’esame finale. Gli dette la mano e strinse la sua con forza, quasi a trasmettergli energia per quel delicato lavoro e poi  un abbraccio di conforto.
            In quel preciso istante avvertì il naturale aroma e la morbidezza della sua pelle e gli parve di entrare in un altro mondo. Come fosse stato strappato dalla sua soggettività per andare alla deriva verso quella ragazza. Le avrebbe voluto dire spudoratamente ti amo per fissare nel tempo un punto irrevocabile di eternità.
            Quella mattina la vita gli aveva riservato una sorpresa. Inaspettatamente si era allontanata la solitudine. Sentì che non avrebbe voluto perdere quell’emozione, sicuramente data dall’amore e  sentì che la paura, questa volta, non gli avrebbe fatto paura.
 
Michele Baglini

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: