none_o

Mi verrebbe istintivamente di dire che i controlli sono inesistenti. Ma ripensandoci dico: magari fossero inesistenti, sarebbe meglio!         Sono infatti inesistenti i controlli tesi a far rispettare i limiti di velocità, quelli sì che sono COMPLETAMENTE INESISTENTI, mentre purtroppo esistono invece, ma OGNI TANTO, controlli che servono quasi esclusivamente a fare cassa da parte delle amministrazioni. E ve lo dimostro sùbito....

Metato - Pubblica Assistenza
none_a
Pubblica Assistenza Migliarino
none_a
Migliarino - Pubblica Assistenza
none_a
Soccorso Alluvionale
none_a
. . . . . . . . . . . . ICI, IMU, Condoni, Cartelle, .....
Un conto è dire, un conto è fare.
Questi parlano, .....
Oggi il professor Panebianco scrive un magistrale .....
. . ma unti viene mai annoia a stammi ghietro?

buon .....
Piante e giardini
none_a
Teatri della Resistenza
none_a
Concorso di Poesia
none_a
con Fulvio Pisani Guida Ambientale Escursionistica
none_a
San Giugliano Terme, 2 dicembre
none_a
Orzignano, 23 novembre
none_a
Pisa
none_a
"Terre di Pisa".
none_a
FIAB-Pisa
none_a
Invito alla lettura
none_a
  • Teatro del Popolo 26 ottobre

      Sulla mia pelle film di A. Cremonini

    È prevista, via Skype, una rappresentanza della famiglia Cucchi.

     

  • ASSEMBLEA ASBUC

      giovedì 4 ottobre, ore 21


    Si avvicina il giorno dell’assemblea pubblica per far sì che venga rinnovato il Comitato di amministrazione dei beni di uso pubblico di Migliarino con votazione Domenica 28 ottobre, presso l’Auditorium ASBUC- Via S. D’Acquisto 1.


Campionato provinciale di seconda categoria
none_a
Giovanissimi B girone A
none_a
Pontasserchio
none_a
#VecchianoSport #Karate
none_a
Io che ho spiegato le vele tutte finché la riva scompare,
esplorato ogni terra invisibile,
ogni visibile mondo, sfidato correnti, mostri marini, .....
Cerco ragazza / signora per la gestione di un appartamento In Penia di Canazei . Il lavoro consiste nel gestire check in/ out -pulizie cambio lenzuola .....
Uno sguardo dal monte
La Torre Segata

7/8/2018 - 16:22


La "Torre dell'aquila" o "Torre segata" fa parte di un più ampio gruppo di fortificazioni situate nella zona attraversata dal confine tra Pisa e Lucca. Alcuni pilastri in pietra che ne segnavano la posizione sono tutt'ora presenti lungo la via che porta alla torre. La struttura, alta più di 20 m con inusuale pianta esagonale, è sopravvissuta solo dal lato lucchese; la leggenda vuole che i pisani abbiano demolito la parte di torre dalla loro parte del confine, pur di non condividerne il possesso con i vicini. Fu costruita nel 1264 entrando a far parte delle torri di avvistamento realizzate dai pisani dopo aver conquistato le fortezze lucchesi di Castiglione e Cotone proprio sui monti di Filettole. La torre fu poi riconquistata dai lucchesi, forse aiutati dal conte Ugolino, nel 1275 quando “scendendo dal colle di Filectoro fecero terra bruciata fino alla Madonna di Castello” di Vecchiano.


Per arrivare in bici il mio navigatore indica la via del Cancellino, una stradina sterrata che parte alla fine della via Traversagna quando questa arriva al monte. Si fa la prima curva a sinistra e poi invece di seguire la strada asfaltata si va a diritto sul monte,. E’ una via romana, costruita per arrivare ad una cava di pietra situata poco avanti e come tutte le cose romane è fatta per durare. E’ infatti molto sconnessa perché realizzata con grosse pietre, una strada senza risparmio di materiali come i loro ponti che durano da duemila anni mentre i nostri di cemento non arrivano a 60 e poi devono essere chiusi per manutenzione prima che crollino. Si segue sempre la strada per un paio di chilometri fino al cartello che indica un divieto di accesso per proprietà privata. Il cartello è messo per contrastare gli atti vandalici e le ruberie ma non per chi semplicemente passa con la bici (grazie Schiofi!) e si arriva ad un cumulo di pietre che segna il confine fra Pisa e Lucca. La strada ora è cementata e si continua in leggere pendenza verso Filettole fino ad un bivio. Qui si prende a sinistra e si continua per la strada, prima asfaltata con qualche tornante, poi si entra nel bosco fino alla torre. Questa purtroppo è nascosta dalla vegetazione e non è stato possibile fotografarla da lontano per vedere tutta la sua imponenza. E’ anche un po’ inquietante perché domina dall’alto in maniera un po’ spettrale con tutti gli arbusti secchi che la circondano. A me ha fatto questa impressione anche se la gita è stata molto interessante.

 

Foto. Le belle foto sono d'archivio

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




19/8/2018 - 11:31

AUTORE:
DON BAIRO

Peccato che l'episodio sia riportato nella bibbia e che il re fosse Salomone, ma vabbuò, per lo standard della rete va bene lo stesso

9/8/2018 - 9:09

AUTORE:
Mara&Meo

Considerando che i Lucchesi sono profondamente conservatori e tendono indiscutibilmente a fare tesoro di tutte le loro "cose", immagino la sofferenza nel veder demolire metà torre...a questo proposito mi viene in mente la storia di quella mamma, nell'antica Roma, a cui un'altra puerpera aveva sottratto il suo bambino mentre lei dormiva perché il suo neonato era morto nel sonno.
La poveretta si trovò a fronteggiare la "ladra" finché furono portate entrambe davanti al re e lui, dopo aver ascoltato la squallida vicenda, ordinò di dividere il bambino con la spada per poi darne metà a ciascuna delle contendenti.
A questa orribile soluzione una delle due mamme disse: Vi prego lasciate che il bambino possa vivere...consegnatelo a lei!
Allora il re senza ombra di dubbio disse: Non può essere che lei la vera madre, ridatele il suo bambino!