none_o

Mi verrebbe istintivamente di dire che i controlli sono inesistenti. Ma ripensandoci dico: magari fossero inesistenti, sarebbe meglio!         Sono infatti inesistenti i controlli tesi a far rispettare i limiti di velocità, quelli sì che sono COMPLETAMENTE INESISTENTI, mentre purtroppo esistono invece, ma OGNI TANTO, controlli che servono quasi esclusivamente a fare cassa da parte delle amministrazioni. E ve lo dimostro sùbito....

Metato - Pubblica Assistenza
none_a
Pubblica Assistenza Migliarino
none_a
Migliarino - Pubblica Assistenza
none_a
Soccorso Alluvionale
none_a
. . . . . . . . . . . . ICI, IMU, Condoni, Cartelle, .....
Un conto è dire, un conto è fare.
Questi parlano, .....
Oggi il professor Panebianco scrive un magistrale .....
. . ma unti viene mai annoia a stammi ghietro?

buon .....
Piante e giardini
none_a
Teatri della Resistenza
none_a
Concorso di Poesia
none_a
con Fulvio Pisani Guida Ambientale Escursionistica
none_a
San Giugliano Terme, 2 dicembre
none_a
Orzignano, 23 novembre
none_a
Pisa
none_a
"Terre di Pisa".
none_a
FIAB-Pisa
none_a
Invito alla lettura
none_a
  • Teatro del Popolo 26 ottobre

      Sulla mia pelle film di A. Cremonini

    È prevista, via Skype, una rappresentanza della famiglia Cucchi.

     

  • ASSEMBLEA ASBUC

      giovedì 4 ottobre, ore 21


    Si avvicina il giorno dell’assemblea pubblica per far sì che venga rinnovato il Comitato di amministrazione dei beni di uso pubblico di Migliarino con votazione Domenica 28 ottobre, presso l’Auditorium ASBUC- Via S. D’Acquisto 1.


Campionato provinciale di seconda categoria
none_a
Giovanissimi B girone A
none_a
Pontasserchio
none_a
#VecchianoSport #Karate
none_a
Io che ho spiegato le vele tutte finché la riva scompare,
esplorato ogni terra invisibile,
ogni visibile mondo, sfidato correnti, mostri marini, .....
Cerco ragazza / signora per la gestione di un appartamento In Penia di Canazei . Il lavoro consiste nel gestire check in/ out -pulizie cambio lenzuola .....
Renzo Moschini - O.Giorgetti
Aree interne e coste non solo in Toscana

11/8/2018 - 20:57

Aree interne e coste non solo in Toscana

 
In un recente libro della Collana editoriale sulle aree naturali protette dell’ETS  (Valore ambientale tra risorsa e bellezza paesaggistica) a cura di Oreste Giorgetti, muovendo dall’esigenza di rilanciare in un contesto regionale e nazionale il ruolo del Parco di San Rossore, abbiamo incentrato questa riflessione critica sul rapporto appunto tra aree interne e costa.

L’abbiamo fatto raccogliendo l’appello di Cervellati che ha definito area metropolitana questo ambito, ma non nel senso istituzionale vigente, alle prese peraltro ancora con troppi problemi. Qui area metropolitana sta appunto a significare quella connessione tra due ambiti territoriali che neppure la pianificazione dei parchi e delle aree protette è finora  riuscita a stabilire. E non ci riferiamo ovviamente solo a quelle realtà –troppe- dove il piano è rimasto nei cassetti.

Abbiamo valutato criticamente che anche in realtà come quella del parco di San Rossore, dove il piano – un buon piano- è stato approvato presto e in significativa misura attuato, questa esigenza oggi non è meno incalzante. Anche quello di valido ed efficace che è stato fatto oggi non basta. E non basta anche per implicazioni istituzionali derivanti dal destino delle Comunità montane dalla marginalizzazione  dei piccoli comuni, dal ridimensionamento delle province e delle competenze delle stesse regioni che oggi, non casualmente, sono tornate a chiederne un rafforzamento allo stato a partire proprio dall’ambiente.
Il libro grazie ai contributi di molti autori rodati ed esperti offre uno spaccato aggiornato di questa realtà critica del Parco di San Rossore ( Versilia, Massaciuccoli), ma anche di altre situazioni –pensiamo alle Apuane o all’Arcipelago Toscano- dove territorio e attività produttive a terra come a mare, è ben lontano da essere risolto.
Sono temi che un altro recente libro AREE INTERNE -Per una rinascita dei territori rurali e montani- a cura di Marco Marchetti, Stefano Panunzi, Rossano Pazzagli Prefazione di Enrico Borghi, Ed. Rubbettino, affronta sul piano nazionale. L’Università del Molise con i suoi importanti Centri Studi è divenuta ormai un punto di riferimento nazionale sui problemi a suo tempo definiti felicemente dell’osso e della polpa.

 

Oggi, come sottolinea Pazzagli, ‘l’azzeramento del fondo ordinario alle comunità montane e il trasferimento della competenza delle aree montane alle Regioni hanno di fatto cancellato il sistema della governance della montagna’senza prima attendere una trasformazione compiuta degli enti della montagna e quindi senza creare le premesse per un reale sviluppo’. Il tutto ha creato,come  possiamo facilmente vedere, non pochi problemi alle stesse aree protette e non solo ovviamente in Toscana di cui parlammo proprio in San Rossore, in occasione della presentazione del libro citato all’inizio, con l’assessora regionale all’ambiente Fratoni.

Lì convenimmo, infatti, che come aveva posto con forza Cervellati, avremmo dovuto rimettere mano a questa riflessione coinvolgendo le istituzioni, ma anche le Università. Esigenza che il libro sulle Aree interne conferma, per cui  crediamo che dovremmo cercare anche quei raccordi interregionali e nazionali politico-istituzionali, ma anche culturali e scientifici che negli anni si sono sbiaditi. Basta pensare ai vari Centri studio promossi in varie regioni dal Piemonte alle Marche, dalla Toscana alla Sicilia, dalla Liguria  alla Lombardia al Trentino, di cui è rimasto poco o nulla se non le tante chiacchere sull’urgenza di rinnovare la legge sui parchi su cui sono state scaricate tutte le colpe di una politica sbagliata o latitante che sarebbe ora di rimettere sui giusti binari.

Fonte: Renzo Moschini - Oreste Giorgetti
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: