none_o


Mi è capitato di leggere su FB un post di Massimo Cerri sulla situazione del lago di Massaciuccoli. Una specie di lettera del lago stesso che rievoca i bei tempi passati quando questo posto era zona di caccia, di pesca e di svago per tutti i vecchianesi. Altri post a commento confermano questa visione dell’abbandono di questo luogo ricordando, con una vena nostalgica, gli anni in cui non vi era nessun tipo di vincolo.

di Antonio Mazzeo, consigliere regionale
none_a
di Antonio Mazzeo, consigliere regionale
none_a
Massimiliano Angori Sindaco
none_a
Non serve firmarsi, basta anche uno pseudonimo per .....
Nel programma elettorale del mio partito, il PD c'era .....
Buongiorno Alessandro e buongiorno a tutti i lettori .....
Dico soltanto, che per ostentare e compiacersi della .....
Giovedì 13 agosto, alle ore 12 a Coltano
none_a
Sinistra Civica Ecologista
none_a
Sant' Anna di Stazzema, Eros Tetti (Europa Verde Toscana)
none_a
Rafforzare il legame caccia-agricoltura
none_a
CascinaOltre
none_a
Per Forza Italia: Roberto Sbragia
none_a
Vincenzo Marini Recchia
none_a
di Giancarlo Lunardi
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
CULTURA E SPETTACOLO a cura di Giulia Baglini
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Appello di Frei Betto
none_a
Marina di Pisa, 14 agosto
none_a
Tirrenia, 14-15 agosto
none_a
Molina di Quosa, 14 agosto
none_a
Molina di Quosa, 14 agosto
none_a
GIOVEDI 13 AGOSTO LA SESTA TAPPA
none_a
Pontasserchio, 7-8-9 agosto
none_a
Marina di Pisa, 7-8-9 agosto
none_a
Tirrenia, 8-9 agosto
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Nuova apertura


    Il Consiglio di Circolo Arci Migliarino è lieto di annunciare ai propri Soci la riapertura dei locali che avverrà il giorno 1 agosto con orario dalle ore 19 alla mezzanotte. Sabato e domenica compresi. L'orario potrà variare in caso di eventi. Informazioni su iniziative sulla pagina FB del Circolo.


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


#VecchianoSport #Calcio
none_a
di Marlo Puccetti
none_a
FC FORNACETTE CASAROSA
none_a
Dai monti al mare
none_a
nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Segnalo il degrado/ pericolo del campanile della chiesa di Migliarino Pisano. Andrebbe, perlomeno, messo in sicurezza.
di Renzo Moschini
Il Pd Toscano e la gestione dell’ambiente

1/9/2018 - 12:50

Il Pd Toscano e la gestione dell’ambiente

 

Le politiche ambientali in Toscana hanno segnato storicamente varie fasi importanti anche sul piano nazionale. Ma l’ambiente è anche tra le cause non secondarie delle ripetute e recenti sconfitte elettorali del Pd e giocherà un ruolo chiave anche nel prossimo voto regionale.
Ecco perché non può non preoccupare la sconcertante  discussione(?) sul nuovo segretario regionale del Pd. Noi già nelle precedenti elezioni regionali liquidammo l’assessora Marson in omaggio a chi,  anche in importanti istituzioni toscane, di pianificazione ambientale proprio non voleva sentir parlare. Ed alcuni autorevoli esponenti del Pd, che stanno ancora trafficando sul nuovo segretario regionale, si sbizzarrirono con  insulti e sbeffeggiamenti nei confronti di prestigiose personalità nazionali che avevano legittimamente criticato certe scelte. Si trattava delle cave delle Apuane e del suo parco clandestino ancora oggi. Della costa della Versilia, delle  coste livornesi e della Maremma e di molto altro ancora. Ci si aggiunga l’inspiegabile ridimensionamento delle province e l’invenzione della fascia ampia dove i comuni si sono spersi.
D’altronde non possiamo dimenticare che proprio in Toscana il referendum, che qui ebbe la sua cabina di regia, tra i suoi obbiettivi aveva, come ripeterono tante volte Renzi e la Boschi ma anche Gelli, quello di ‘punire’ le regioni. Che oggi, pur non essendo per fortuna passato il referendum, hanno più compiti di gestione diretta ,ad esempio delle province,  ma minori competenze istituzionali e legislative.

Anche la nostra presenza nel Santuario dei cetacei nonostante Schettino, la Carta di Livorno brilla sempre più per l’assenza, mentre l’On Simona Bonafè      europarlamentare è relatrice delle nuove direttive per il Parlamento europeo su questi temi.                                                                                                                                                                                                                                                  
E qui emerge chiaramente la contraddizione che la politica ambientale del Pd -e non a partire da Renzi, che pure ci ha messo del suo- e cioè che politiche ambientali efficaci specie se in presenza di leggi importanti e valide possono essere attuate e rispettate solo se le istituzioni dallo stato agli enti locali riescono a collaborare, perché la leale collaborazione costituzionale questo significa; operare insieme e non in competizione. Il referendum infatti a questo mirava; riportare allo Stato competenze già decentrate per una gestione federalistica che non ha mai visto la luce. E qui che anche leggi importanti e valide; suolo, inquinamento, paesaggio, parchi, coste fino all’ultima sugli ecoreati hanno impattato –pagandone il prezzo- in un centralismo che il Pd ha rilanciato a partire dal Governo Monti.
L’elenco degli effetti negativi di questa politica anche in Toscana è  fin troppo ricco; da Peretola ai rifiuti, dagli insediamenti costieri ad una gestione della fauna che fa acqua da tutte parti. Sugli effetti elettorali inutile ripetersi. Eppure di questo non si discute in nessuna sede regionale e provinciale, se non appunto tra capi bastone e caminettari per piazzare il più amico.
Perché fosse chiaro che qui sta il passaggio chiave del Pd a Pisa, in Toscana e in Italia ho voluto scrivere un breve  biografia dove ho cercato di riepilogare criticamente questo percorso non solo toscano, che rischia di finire in una crisi irreparabile.

Fonte: Renzo Moschini
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: