none_o

Il 29 settembre è una data particolare. Non solo fa subito venire in mente la celebre canzone dell’Equipe 84 ma è anche il giorno del compleanno di Silvio Berlusconi (1936) e di Pier Luigi Bersani (1951). Sarà una combinazione ma proprio in questa data un noto ristorante viareggino della Marina di Levante organizza una “Cena con Corona”, nel senso del Fabrizio. Chi è interessato basta cercare in Internet....

I 10 anni della Voce
none_a
Compleanno
none_a
Il Diario di Trilussa
none_a
Le Parole di Ieri
none_a
. . . . . fai le mattie per davvero, oppure visto .....
E vorrei anche far riflettere anche tutti quelli che .....
. . . . . . . . . . . . . anche a Vecchiano . . . .....
Massimiliano Ghimenti
23 settembre alle ore 11:55 .....
#meteopisano #incendioserra
none_a
A cura di: Leonardo Debbia
none_a
Uno Sguardo dal Serchio
none_a
Rottamazione: era l'ora!
none_a
San Giuliano Terme, 30 settembre
none_a
San Giuliano Terme, 28 settembre
none_a
San Giuliano, 22-23 settembre
none_a
Arena Metato, 25 settembre
none_a
San Rossore, 22 settembre
none_a
ARCI Migliarino
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Cercasi operatori

    Il  Circolo ARCI Migliarino che gestisce la Ludoteca Comunale in versione estiva presso l'Oasi Dunadonda cerca personale qualificato per il perido di luglio e di agosto. Gli interessati possono inviare una mail alla posta del Circolo   arcimigliarino@gmail.com. Vedi sotto.


  • ALLA CITTADINANZA DI MIGLIARINO

      04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30
    AVVISO DI ASSEMBLEA


    Il comitato A.S.B.U.C. di Migliarinoinvita tutti i cittadini della frazione a partecipare all’assemblea indetta presso la nuova sede ASBUC in via S. D’Acquisto n. 1 in Migliarino:     in prima convocazione per il giorno 30 Aprile 2018 alle ore 12.00,   in seconda convocazione per il giorno 04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30


Io che ho spiegato le vele tutte finché la riva scompare,
esplorato ogni terra invisibile,
ogni visibile mondo, sfidato correnti, mostri marini, .....
Domani forse piove.
di Renzo Moschini
Una nuova fase ambientale anche per i parchi

13/9/2018 - 17:48



Una nuova fase ambientale anche per i parchi


Sul piano nazionale, europeo e mondiale tiene banco ormai una crisi ambientale che impone una rimessa a punto di politiche che evitino derive drammatiche di cui avvertiamo già segnali allarmanti. Accordi internazionali come quello di Parigi  segnano il passo, ministri dell’ambiente che si dimettono, denunce dell’ONU e molto altro ancora.
In questo contesto anche le politiche di tutela più innovative affidate ai Parchi e alle altre aree protette  come possiamo toccare con mano nel nostro paese, registrano serie difficoltà.

E diversamente da quanto si è sostenuto nella lunga e sconcertante discussione sulla legge di ‘riforma’ della 394, fortunatamente non approvata, il recente indagine del WWF apprezzata dal ministro dell’ambiente Costa, ha chiaramente documentato dove stanno e quali sono i guai dei nostri parchi. Solo il 30% dei parchi nazionali ha il piano,  il 35% manca del direttore, meno della metà ha il regolamento, molti sono commissariati da anni, il 17%  non ha esperti; biologi, agronomi e forestali, soldi specie le aree protette marine di cui solo il 15% del budget è dedicato alle azioni di conservazione.

D’altronde le aree protette marine dopo anni di chiacchere continuano a non essere veri parchi e mancano ancora in parchi come quello dell’Arcipelago Toscano. Tanto è vero che la  legge ‘sfasciaparchi’ prevedeva una loro ulteriore marginalizzazione e privatizzazione. Che questa grave situazione potesse dipendere dai limiti della legge 394 era ed è una balla anche se qualcuno lo pensa ancora. Ma chi ora non potendo continuare con questa solfa se la rifà con la burocrazia non vuole prendere atto che gli intoppi erano e continuano ad essere nella politica e non perché è troppa ma perché  sbagliata. Anche la burocrazia infatti fa più danni quando è la politica che non riesce a fare la sua parte come è avvenuto finora.
Ed è da qui che bisogna perciò ripartire con una intesa e collaborazione tra stato, regioni ed enti locali e ovviamente parchi.
E va fato, come ha scritto il presidente del Parco dell’Adamello Brenta in occasione del trentennale di quel parco ‘senza distinzione tra ‘dentro’ e ‘fuori’ le aree protette. E’ vero che lui riferiva al territorio montano, ma questo vale nella stessa misura in parchi come quello di San Rossore di cui abbiamo parlato anche in recente libro della Collana ETS.
Che non si tratti di un percorso facile è evidente come conferma la legge regionale sui parchi della regione Veneto –commentata severamente da Carlo Alberto Graziani del Gruppo di San Rossore- che contiene le ipotesi più sconcertanti come quella delle rappresentanza delle categorie in base anche alla consistenza delle proprietà, con irrilevanti rappresentanze ambientaliste e scientifiche, con il Presidente che non fa parte del Consiglio direttivo!
Quelli che si sono opposti a qualsiasi tipo di Conferenza nazionale dove ovviamente bisogna assumersi le proprie responsabilità senza trucchi e senza inganni, evitino di insistere visti anche i costi –come abbiamo visto- che questa irresponsabile posizione ha avuto e potrebbe continuare ad avere.
Renzo Moschini 
 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: