none_o

 

 

 

 


Qui si parla un po’ della app "Immuni". Scaricarla o non scaricarla? Questo è il problema. Comunque il mio amico Massimo, che è saggio e previdente, l’ha scaricata. Qui ci si diverte anche un po’ con Face App. Senza problemi.

Buona estate!

Per i cinguettii mi riferivo semplicemente ai tweet .....
Egr. Nicche sei passato dall'onestà intellettuale .....
Siamo perfettamente d'accordo che il governo deve "tagliare .....
Coloro che oggi non vogliono usare le risorse del M. .....
Italia dei Valori
none_a
“Le critiche e le offese sono cose ben differenti”
none_a
CascinaOltre su Geofor
none_a
Associazione “Amici di Pisa”
none_a
di Giovanni Greco coordinatore CascinaOltre
none_a
Lettera aperta del consigliere comunale LEGA
none_a
di Pino Vincenzo su un articolo di Mario Lavia
none_a
Dimissioni Fabrizio Cerri - tempo scaduto
none_a
Libri.
none_a
Incontrati per caso..
di Valdo Mori
none_a
le Eccellenze italiane dello spettacolo”
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
di
Bruno Pollacci
none_a
FIAB-Pisa
none_a
San Giuliano Terme, 5 luglio
none_a
Cascina, 4 luglio
none_a
Tirrenia, 4 luglio
none_a
Villa di Corliano, 29 giugno
none_a
Pontasserchio, 28 giugno
none_a
Marina di Pisa, 26 giugno
none_a
  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


  • Circolo ARCI MIgliarino

      Chiusura del Circolo

    Il Circolo ARCI Migliarino comunica ai propri soci che il bar resterà chiuso dalla data odierna (10.3) fino al 3 di aprile 2020. La riapertura sarà condizionata dalle disposizioni successive riguardo alla diffusione della malattia in ambito nazionale.


Dai monti al mare
none_a
camp estivi
none_a
di Marlo Puccetti
none_a
BRUNO FIORI, PRESIDENTE PISA OVEST
none_a
nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Segnalo il degrado/ pericolo del campanile della chiesa di Migliarino Pisano. Andrebbe, perlomeno, messo in sicurezza.
Migliarino Auditorium ASBUC
Doppio colpo per Migliarino oggi

20/9/2018 - 8:27


 Una giornata che inaugura la nuova stagione e che speriamo accontenti il Paese.  

Debra ne sembra convinta!

 

MIGLIARINO. Ogni bel gioco dura poco, recita un vecchio adagio. Venerdì 21, alle 20 e 30, l'ASBUC ospita l'ultimo appuntamento del Bianchi e Neri Piano Fest Tuscany, la rassegna di Sandro Ivo Bartoli che anche quest'anno ha raccolto il plauso di un vasto ed entusiastico pubblico.

«Ne sono molto felice – dice il maestro – soprattutto perché dopo venerdì sparirò dalle scene locali per un po': mi aspetta una serie di impegni, grandi e piccoli ma tutti cari, che mi farà viaggiare in su e in giù per l'Europa. Ma ci pensi? La gioia di affrontare il mondo dopo aver salutato la mia gente? Non è mica un privilegio da poco...»

Ne parla spesso, Sandro, dei privilegi: quello di lavorare con la Musica, con i grandi Maestri del passato, quello di trovare tanta gente straordinaria lungo la sua strada,

«In fondo ognuno è a modo suo straordinario. Basta ascoltarlo. Come la Musica. Io sono un uomo ordinario che si è trovato a vivere una vita straordinaria, ed anche questo è un privilegio»

Venerdì ha intitolato il concerto “Arabeschi e ghirigori Romantici”, un omaggio all'Ottocento musicale: Schumann, Debussy, Čajkovskij e l'amato Liszt: 

«Il titolo è stata la cosa più facile di questo programma che mi ha fatto dannare – dice – perché ogni anno è la stessa cosa: ci vuole il “gran finale”, il “crescendo rossiniano”, ma Rossini lo avevo già fatto l'anno passato... Schumann e Debussy hanno scritto “arabeschi”, musica soave e deliziosa, forse un po' fuori dalle righe ma molto bella. Debra (la violinista canadese Debra Fast, compagna di Bartoli sul palco e nella vita) farà ascoltare la meravigliosa Serenata Melancolica di  Čajkovskij – una della cose più belle che il maestro russo abbia partorito – e poi sì, chiuderò io con un paio di cose del mio amato Franz: sai, qualche mese fa c'è stato un po' di scalpore perché pare che Liszt abbia dato il primo recital per pianoforte solo non a Londra, come precedentemente creduto, bensì a Pisa. Siccome il Bianchi e Neri è nato per celebrare le origini toscane del pianoforte, come potevo passare una notizia così? Il mio, dunque, sarà un modesto omaggio a questo maestro che adoro, e che a Pisa passò diverso tempo. Suonerò una Leggenda e il Grosses Konzertsolo, il “gran solo da concerto” che il dedicatario originale (Adolf Henselt, uno dei più grandi virtuosi di pianoforte dell'Ottocento) dichiarò ineseguibile e che toccò proprio a Liszt dimostrare il contrario. Vedi? Ogni pezzo ha una sua storia, una sua “personalità”, e a me tocca il privilegio di farli rivivere...».  

Al Bianchi e Neri Piano Fest, ogni concerto è seguito da squisite degustazioni di prodotti culinari e questa volta sarà lo chef Massimo Rutinelli a deliziare i palati del pubblico:  

«Non ho idea di che cosa abbia preparato, e preferisco non saperlo, tanto Massimo farà miracoli, con la sua “Pasta dei Miracoli”». 


“Arabeschi e ghirigori romantici”, ultimo appuntamento del Bianchi e Neri Piano Fest Tuscany, va in scena all'auditorium Asbuc di Migliarino Pisano venerdì 21 alle 20,30.

Ingressi 25 e 20 Euro (cena e concerto, in prevendita presso Tabaccheria Cerqua, Migliarino, ed Edicola Tabacchi Baglini, Vecchiano). Riduzioni per under 18, over 65, soci Unicoop Firenze.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




20/9/2018 - 9:22

AUTORE:
Chery

La salute del corpo e dello spirito dovrebbe procedere sempre in tandem perché l'uno è fautore del benessere dell'altro, invece succede talvolta che le gambe non riescono a seguire i bisogni dell'anima così il corpo diventa rigido e pesante mentre l'anima sempre più leggera e svolazzante...
La musica è talmente salvifica che riesce a ridare ritmo alle membra intorpidite, a rianimare la mente affaticata o prostrata e a risvegliare il cuore facendolo palpitare.
E allora?...non resta che partecipare!