none_o


Questa volta lo sguardo dello storico Gabbani si spinge molto più lontano dal solito, addirittura fino all'anno Mille, per raccontarci le complesse e appassionanti vicende del Castello e della Chiesa di Santa Maria, anche se i fatti maggiormente approfonditi sono quelli del 1800.Ancora una volta emerge prepotentemente la storia di questi luoghi e la sua ricchezza, secondo me non utilizzata adeguatamente sia nella fruibilità verso chi abita il territorio, sia per supportare uno sviluppo turistico ampiamente meritato per gli eccezionali contenuti, anche archeologici. 

. . . non mi angoscio, tranquillo. Smetto solo quando .....
Bada se io smetto, te smetti ar seguro, la indi per .....
Della tua liaison con la Moretti mi interessa il giusto, .....
. . . che era portavoce di Bersani, ho indirizzo .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
di Umberto Mosso
none_a
di Bruno Pollacci
Direttore dell'Accademia d'Arte di Pisa
none_a
Primo Levi#Auschwitz #PrimoLevi #ebrei #campidiconcentramento #giornatadellamemoria
none_a
di Bruno Pollacci
Direttore dell'Accademia d'Arte di Pisa
none_a
L'amore è amore
senza se e senza ma
Raggiungerlo
è l'aspirazione
più ambita
desiderata
sentita
a cui tende
ogni creatura. . .
pur essendo .....
BG. sono un nuovo abitante di migliarino
abito in via mazzini a meta tra il mobilificio e la chiesa . a qualsiasi ora la velocita sulla strada e'molto .....
Riceviamo e pubblichiamo una riflessione di Leonardo Debbia, un Cittadino
Incendio di un bosco. Cui prodest?

28/9/2018 - 22:56

Incendio di un bosco. Cui prodest?
 
 Non si è trattato di un mozzicone di sigaretta gettato via con noncuranza e senza alcun rispetto delle norme civili, sull'erba secca di un prato.
  Gli incendi che hanno devastato più di mille ettari di terreno sui Monti Pisani, divampando in pochi minuti su vari fronti, la cui larghezza si estendeva anche per alcuni chilometri, in punti diversi per tempistica e località, e spenti solo dopo quattro giorni di intenso lavoro per arginare la furia devastatrice del fuoco, non sono stati incendi qualsiasi.
 
“Perchè?”, continua a chiedersi la gente, dapprima incredula, poi arrabbiata, desolata, disperata, che ha visto i Canadair e gli elicotteri far la spola tra il fiume Arno, il lago di Massaciuccoli e le colline con acqua e schiumogeni contro le fiamme; mentre vigili del fuoco, poliziotti e volontari della Protezione Civile affrontavano fuoco e fumo, soccorrendo gli sfollati in fuga, anche loro con interventi a terra, tagliando piante e cespugli, pestando materialmente i tizzoni con gli stivali, usando accette, vanghe, estintori e quant'altro, i volti anneriti dal fumo, gli occhi  lacrimanti, i volti impregnati di sudore.
  Quando si parla di incendi, è estremamente difficile - secondo Legambiente, in una nota di qualche tempo fa - parlare di 'combustione spontanea' in un bosco, a causa della mancanza, in primo luogo, di calore.
  Gli incendi sono quasi sempre, al 99 per cento, di natura dolosa. E' la mano dell'uomo a scatenarli, o applicando l'antica consuetudine agropastorale, per procurarsi nuovi pascoli o, nel caso di contadini, per 'rigenerare' la fertilità del terreno.
  O – nella nuova consuetudine, frutto della 'civiltà' – a scopi speculativi legati all'edilizia.
  Ed ora, ultimo fattore, frutto della delinquenza, più o meno organizzata.
  Soltanto il 3 settembe scorso, la Regione Toscana pubblicava una registrazione di incendi redatta dall'Organìzzazione Antincendi Boschivi (AIB) in cui si parlava di soli 56 eventi dolosi nel solo mese di luglio di quest'anno; un numero – a detta della medesima nota - quasi dimezzato, rispetto allla media dello stesso mese per gli ultimi 5 anni (99 incendi).
  E quindi, si evidenziava con ottimismo una forte riduzione, per il 2018, delle superfici interessate da incendi (solo 16 ettari contro i 224 della media dell'ultimo quinquennio), un calo pari al 93 per cento.
  Ed ecco arrivare ora questa nuova emergenza.
  La buona notizia è che non ci sono state vittime. Non umane, almeno. Ma riguardo gli animali selvatici e d'allevamento, gli alberi e la vegetazione, si può parlare di un'ecatombe.
  La dinamica degli eventi, quali l'attesa e lo sfruttamento della presenza del vento, che ha contribuirto non poco sia alla diffusione che all'ostacolo delle operazioni di intervento, gli orari di inizio degli eventi, la collocazione dei focolai, tutto fa pensare ad un intendimento di incutere e diffondere nella popolazione il seme del senso di precarietà, di fragilità, della paura.
  Una nuova strategia del terrore, di cui questo Paese ha già sperimentato l'opera infame?
  Da questi episodi, è emerso fortunatamente anche qualcos'altro: scorrendo i social, ascoltando i commenti della gente comune, ci si rende conto che non c'è solo sgomento, ma anche, e soprattutto, partecipazione, comprensione, vicinanza. Affetto e amicizia, mi verrebbe da dire.  
  Voglia di reagire in positivo, comunque.
  E questo, forse, chi ha appiccato il fuoco non lo aveva messo in conto.
 
 
 
                                                                                              

Fonte: Leonardo Debbia
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri