none_o

Con l’introduzione dei mini bond, comincia a chiarirsi la strategia economica della lega per il futuro del paese.
L’Idea è quella di liquidare i crediti di imposta con titoli di credito, senza scadenza e interessi, invece che in valuta reale, cioè appioppare ai creditori, carta straccia, al posto del dovuto, in pratica trasferendo il debito dallo stato ai privati...

Migliarino
none_a
Arpat Toscana
none_a
Pubblica Assistenza Migliarino
none_a
Arpat Toscana
none_a
Le ragazze della squadra azzurra, ai mondiali in Francia, .....
Nel disegno dell'architetto Donati commissionato dalla .....
Sulla pista ciclabile aggiungo che finisce nel nulla, .....
Vecchiano, 28 giugno
none_a
Pisa, 21 giugno
none_a
San Giuliano Terme, 30 giugno
none_a
Pisa, 19 giugno
none_a
Tirrenia, 17 giugno
none_a
Prossima gita in bici della Fiab
none_a
Pontasserchio
none_a
Libero Culto
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Convocazione Assemblea Soci

    Ilo Circolo comunica che l' Assemblea ordinaria viene indetta in prima convocazione il 6 giugno ore 21,30, in seconda convocazioneil giorno 7 giugno alle ore 21,00 presso il Circolo Arci, via Mazzini 35.

    1) Relazione del Presidente

    2) Rendiconto annuale 2018

    Tutti i Soci sono invitati a partecipare.


  • Circolo ARCI Migliarino

      Partite Pisa A.C.

    Si avvertono i Soci che il Circolo trasmetterà in chiaro tutte le  partite dell'Associazione Calcio Pisa, sia in casa che in trasferta. Prossima partita Piacenza-Pisa domenica 30 settembre. 


  • ALLA CITTADINANZA DI MIGLIARINO

      04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30
    AVVISO DI ASSEMBLEA


    Il comitato A.S.B.U.C. di Migliarinoinvita tutti i cittadini della frazione a partecipare all’assemblea indetta presso la nuova sede ASBUC in via S. D’Acquisto n. 1 in Migliarino:     in prima convocazione per il giorno 30 Aprile 2018 alle ore 12.00,   in seconda convocazione per il giorno 04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30


Il c.t. Bertolini: "Difesa top"
none_a
Val di Serchio
none_a
«Come fa a essere italiana?»
none_a
Trofeo di S. Ubaldo di Petanque
none_a
Il Lonfo non vaterca né gluisce
e molto raramente barigatta,
ma quando soffia il bego a bisce bisce,
sdilenca un poco e gnagio s'archipatta.
È .....
CERCHIAMO UN TRATTORISTA CON ESPERIENZA ALLA GUIDA DELLE PRINCIPALI MACCHINE AGRICOLE.
AZIENDA AGRICOLA TENUTA ISOLA

DISPONIBILITA' FULL TIME
di Renzo Moschini
none_a
di Renzo Moschini
none_a
di Renzo Moschini
none_a
Progetto già inviato anche a Mipaaf, Regione e Comuni
MONTE SERRA: ORA UN PIANO STRAORDINARIO, COLDIRETTI PISA PRESENTA IL DOSSIER

1/10/2018 - 18:59

MONTE SERRA: ORA UN PIANO STRAORDINARIO, COLDIRETTI PISA PRESENTA IL DOSSIER
Progetto già inviato anche a Mipaaf, Regione e Comuni
 
Un piano straordinario per il Monte Pisano frutto della sinergia e della collaborazione tra pubblico e privato. E’ la proposta progettuale contenuta nel dossier, già inviato al MIPAAF, alla Regione Toscana ed ai Sindaci dei Comuni colpiti, elaborato da Coldiretti con il supporto tecnico scientifico di Greengea snc dopo l’incendio che ha devastato 1.400 ettari di bosco e circa quindicimila piante di ulivo, anche secolari, tra Calci, Vicopisano, Vecchiano e Buti.
Pesantissima la stima dei danni alle produzioni agricole e alle aziende che hanno perso oliveti, castagneti, arnie e mezzi sui Monti Pisani: circa 6milioni di euro. Secondo la principale organizzazione agricola occorrerà intervenire rapidamente per far ripartire le attività produttive, anche con interventi straordinari per il reimpianto delle coltivazioni.

Però, occorre – scrive Coldiretti nel dossier - aver presente che oltre ai costi necessari per ripristinare la produzione, andranno aggiunti i danni per le mancate produzioni. “La volontà – spiega Fabrizio Filippi, Presidente Coldiretti Pisa - è quella di intraprendere un percorso di progettazione integrata che sia però il frutto di nuove alleanze tra chi opera sul Monte con competenze diverse ma con l’esigenza di diventare complementari. Il nostro parere – prosegue Filippi - è che si debba partire riconoscendo il valore storico, ambientale e paesaggistico dell’olivicoltura e delle aree forestali del Monte senza tralasciarne le loro potenzialità produttive e tenendo conto di una serie di obiettivi concreti”.
 
Nel dossier Coldiretti cita questi obiettivi uno ad uno, partendo da tre aree principali che sono la gestione idraulico agraria, dell’olivicoltura e del bosco: il riassetto ed il risanamento idrogeologico dell’intero territorio; l’adeguamento strutturale delle aziende agricole esistenti ed il loro consolidamento come realtà imprenditoriali; il miglioramento della conduzione tecnica delle aziende e della commercializzazione del prodotto; la promozione del territorio, anche attraverso percorsi di formazione, valorizzando a pieno la Strada dell’Olio dei Monti pisani e avvalendosi del contributo che può venire dagli enti di tutela e promozione, a partire dall’olio extravergine di oliva e dal suo Consorzio; la conservazione dei muri a secco che sostengono i terrazzamenti e costituiscono il principale elemento di caratterizzazione del paesaggio montano; la protezione e la valorizzazione della filiera legno con un conseguente uso sostenibile della risorsa; l’ulteriore sviluppo delle potenzialità di turismo agro, ambientale, naturalistico.

“Il Piano – conclude Filippi – non può prescindere dalla necessità di migliorare e implementare il rapporto tra Enti pubblici e privati che vivono e lavorano sul Monte, attraverso la definizione di nuovi patti di collaborazione”.
 
Per informazioni www.toscana.coldiretti.it oppure pagina ufficiale Facebook

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: