none_o

Ho assistito ad una interessante conversazione riguardo al problema della manifestazione novax del 20 giugno scorso. Qualche offesa è passata, qualche frase di troppo a mio giudizio è scappata ma certo è difficile esimersi dal classificare e definire una tale sconsiderata presa di posizione. L’articolo di giornale che riporta il fatto va giù duro e titola “La vittoria degli imbecilli: il 41% degli italiani non vuole vaccinarsi contro il Covid 19”.

Sono l'autore del libro "Litoralis" edito nel 2001, .....
Ci disse il prof. Raffaello Nardi: volete andare al .....
Come mai nel VIDEODRONE di Bocca di Serchio non è .....
. . . . . . . . . . . . . . . non capisco i virologi .....
di Bruno Pollacci
none_a
Incontrati per caso..
di Valdo Mori
none_a
Libri.
none_a
Incontrati per caso..
di Valdo Mori
none_a
Maigret sulle Mura
none_a
Tirrenia
none_a
Pisa, 9 luglio
none_a
Pontasserchio, 10 luglio
none_a
Molina di Quosa, 11 luglio
none_a
Bagno degli Americani
none_a
di
Bruno Pollacci
none_a
FIAB-Pisa
none_a
  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


  • Circolo ARCI MIgliarino

      Chiusura del Circolo

    Il Circolo ARCI Migliarino comunica ai propri soci che il bar resterà chiuso dalla data odierna (10.3) fino al 3 di aprile 2020. La riapertura sarà condizionata dalle disposizioni successive riguardo alla diffusione della malattia in ambito nazionale.


FC FORNACETTE CASAROSA
none_a
Dai monti al mare
none_a
camp estivi
none_a
di Marlo Puccetti
none_a
nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Segnalo il degrado/ pericolo del campanile della chiesa di Migliarino Pisano. Andrebbe, perlomeno, messo in sicurezza.
di GIUSEPPE TURANI | 03/10/18
LA TOMBA DEI GRILLINI

3/10/2018 - 8:40

LA TOMBA DEI GRILLINI
Sarà il reddito di cittadinanza: non  ci sono soldi e è una cosa ingestibile, troppo complicata. (Laura Castelli)


Difficile dare torto al quotidiano” Libero” quando scrive che il mitico reddito di cittadinanza sarà la tomba dei grillini. È quasi sicuro.
Ma, prima, conviene segnalare un paio di fatti. Avevano detto, con voce stentorea, che non sarebbero mai arretrati di un millimetro. Invece sembra che abbiano già, deciso che lo sforamento al 2,4 per cento del Pil vale solo per il 2019. Poi si scende al 2 per cento.
Il secondo fatto riguarda la famosa festa sul balcone: per la prima volta una finanziaria per il popolo.

Bene, era una balla colossale: la nota aggiuntiva del Def, che là si stava festeggiando, non c’era e non c’è ancora adesso, a una settimana di distanza. C’era solo la decisione di sforare fino al 2,4 per cento, poi frasi sconnesse con numeri scritti a matita. Ma questo è il governo del cambiamento: roba da scolari poco diligenti di terza media.
Ma torniamo al reddito di cittadinanza, altro elemento che viaggia nella nebbia.


1- Per ora si sa che sono stati stanziati 10 miliardi. In realtà 8 perché due vanno per potenziare i centri di impiego. I centri di impiego, che dovrebbero fornire tre occasioni di lavoro ai richiedenti il reddito di cittadinanza, oggi non sono in grado nemmeno di indicare la strada per piazza Verdi ai turisti. Quindi vanno potenziati, una buona occasione per assumere qualche migliaio di amici grillini. Tanto da fare ci sarà pochissimo, quasi niente.


2- Solo Di Maio (che non conosce nemmeno la matematica elementare) pensa che con 8 miliardi si possa dare un reddito mensile di 780 euro a sei milioni di persone. Chiami suo cugino, rifacciano i conti insieme e vedranno che non è possibile.


3- Ricontare. 780 euro al mese sono poco meno di 10 mila euro all’anno a testa. Con 8 miliardi a disposizione, quella cifra può essere data a meno di un milione di persone: tutto qui. I sei milioni di beneficiari restano nell’immaginario di Di Maio. L’alternativa, per dare qualcosa ai sei milioni di “poveri” è di dare loro 4,26 euro al giorno. Ma vedo forconi alzarsi minacciosamente da Roma in giù.


4- Ma non è finita. Salvini, ovviamente, strepita: prima gli italiani, solo gli italiani. Allora si vorrebbe stabilire che a questo reddito hanno diritto solo quelli che risiedono qui da almeno dieci anni. La Corte costituzionale, anche durante la pennichella pomeridiana, boccerebbe questa cosa in dieci minuti, all’unanimità. Così come non esiste modo per escludere (povero Salvini) i 70-80 mila rom che faranno domanda: sono cittadini italiani da sempre, sono poveri, e quindi hanno diritto.


5- Infine, Laura Castelli (ma mia zia Luisa sarebbe stata più brava) sta cercando di costruire una macchina pazzesca. Niente contanti, ma solo supporti elettronici. E solo per comprare roba rigorosamente italiana da negozianti italiani (esclusa tutta la grande distribuzione). Il salmone, quindi, no. E nemmeno la pasta, se il grano non è tutto italiano (e non lo è).

L’atroce macchina informatica che la Castelli dovrebbe mettere a punto (ma non la vedremo mai, sono sicuro) dovrebbe controllare che non ci siano truffe: se un negozietto di Volpedo vende un salmone e accetta il pagamento con il reddito di cittadinanza, la Finanza (mandata dalla occhiuta Castelli) piomba lì e succede un casino.
Solo degli autentici dementi potevano immaginare di passare le giornate a controllare, una per una, le spese minute dei pensionati poveri, negozietto per negozietto, dalle Alpi alla Sicilia.
Il reddito di cittadinanza, insomma, in gran parte non ci sarà (e spunteranno i forconi).

Dove ci sarà, crollerà sotto il ridicolo.

La Castelli esiliata in Papuasia.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: