none_o

Con l’introduzione dei mini bond, comincia a chiarirsi la strategia economica della lega per il futuro del paese.
L’Idea è quella di liquidare i crediti di imposta con titoli di credito, senza scadenza e interessi, invece che in valuta reale, cioè appioppare ai creditori, carta straccia, al posto del dovuto, in pratica trasferendo il debito dallo stato ai privati...

Migliarino
none_a
Arpat Toscana
none_a
Pubblica Assistenza Migliarino
none_a
Arpat Toscana
none_a
Le ragazze della squadra azzurra, ai mondiali in Francia, .....
Nel disegno dell'architetto Donati commissionato dalla .....
Sulla pista ciclabile aggiungo che finisce nel nulla, .....
Vecchiano, 28 giugno
none_a
Pisa, 21 giugno
none_a
San Giuliano Terme, 30 giugno
none_a
Pisa, 19 giugno
none_a
Tirrenia, 17 giugno
none_a
Prossima gita in bici della Fiab
none_a
Pontasserchio
none_a
Libero Culto
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Convocazione Assemblea Soci

    Ilo Circolo comunica che l' Assemblea ordinaria viene indetta in prima convocazione il 6 giugno ore 21,30, in seconda convocazioneil giorno 7 giugno alle ore 21,00 presso il Circolo Arci, via Mazzini 35.

    1) Relazione del Presidente

    2) Rendiconto annuale 2018

    Tutti i Soci sono invitati a partecipare.


  • Circolo ARCI Migliarino

      Partite Pisa A.C.

    Si avvertono i Soci che il Circolo trasmetterà in chiaro tutte le  partite dell'Associazione Calcio Pisa, sia in casa che in trasferta. Prossima partita Piacenza-Pisa domenica 30 settembre. 


  • ALLA CITTADINANZA DI MIGLIARINO

      04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30
    AVVISO DI ASSEMBLEA


    Il comitato A.S.B.U.C. di Migliarinoinvita tutti i cittadini della frazione a partecipare all’assemblea indetta presso la nuova sede ASBUC in via S. D’Acquisto n. 1 in Migliarino:     in prima convocazione per il giorno 30 Aprile 2018 alle ore 12.00,   in seconda convocazione per il giorno 04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30


Il c.t. Bertolini: "Difesa top"
none_a
Val di Serchio
none_a
«Come fa a essere italiana?»
none_a
Trofeo di S. Ubaldo di Petanque
none_a
Il Lonfo non vaterca né gluisce
e molto raramente barigatta,
ma quando soffia il bego a bisce bisce,
sdilenca un poco e gnagio s'archipatta.
È .....
CERCHIAMO UN TRATTORISTA CON ESPERIENZA ALLA GUIDA DELLE PRINCIPALI MACCHINE AGRICOLE.
AZIENDA AGRICOLA TENUTA ISOLA

DISPONIBILITA' FULL TIME
di Renzo Moschini
none_a
di Renzo Moschini
none_a
di Renzo Moschini
none_a
Riflessione di Andrea Romano
Siamo arrivati al tentativo di riscrivere la storia

7/10/2018 - 12:49

   SIAMO ARRIVATI AL TENTATIVO DI RISCRIVERE LA STORIA

 

La nuova psicopolizia politica gialloverde ha diramato istruzioni aggiornate sul modo in cui gli studenti italiani dovranno correttamente avvicinarsi allo studio della Prima Guerra Mondiale.

Secondo le nuove indicazioni promulgate dalla maggioranza parlamentare Lega-Cinque Stelle quel conflitto non fu scatenato dal fallimento della diplomazia e dallo scontro tra nazionalismi, come eravamo abituati a studiare prima della nuova era inaugurata il 4 marzo 2018.

Così come d’ora innanzi nessuno potrà tracciare alcuna differenza tra patriottismo e nazionalismo, né osare ricordare che lo sforzo militare italiano nella Grande Guerra fu sostenuto dalla partecipazione di milioni di lavoratrici e lavoratori o tantomeno azzardarsi a tracciare una qualche forma di collegamento tra le conseguenze di quel conflitto e l’ascesa della dittatura fascista.
Queste idee, diffuse in qualunque manuale scolastico e patrimonio condiviso da molti decenni di qualsiasi rappresentazione delle ragioni e delle conseguenze della Grande Guerra, sono state censurate dalla maggioranza di governo che oggi ha orientato il voto della Camera dei Deputati sulle mozioni riguardanti la rievocazione della guerra del 15-18.


Il Partito Democratico, con una mozione a prima firma di Anna Ascani, aveva presentato un testo che invitata il governo a realizzare “iniziative didattiche relative alla memoria della Prima Guerra Mondiale” nello spirito di una riflessione sulle ragioni e sulle conseguenze del conflitto. Niente di sovversivo, per carità: una proposta più che equilibrata che riprendeva quanto la storiografia e la coscienza pubblica hanno assorbito ormai da tempo.

E dunque, per l’appunto, il ruolo distruttivo dei nazionalismi europei insieme alla distanza culturale e politica tra patriottismo ed etnonazionalismo, la centralità dei civili nello sforzo economico e produttivo insieme al collegamento tra la guerra e la crisi dell’Italia liberale e la successiva affermazione del fascismo.
Niente da fare.

Lega e Cinque Stelle, ancora una volta uniti in un’unica falange d’acciaio, hanno censurato tutte le parti sostanziali della mozione PD. Con il risultato di prefigurare iniziative didattiche che racconteranno la Prima Guerra Mondiale come conseguenza di eventi del tutto distanti dallo scontro tra nazionalismi (avremmo forse sottovalutato il ruolo della meteorologia?) e che descriveranno la successiva affermazione dei regimi fascisti come una serie di eventi scollegati da quanto era accaduto pochi anni prima nelle trincee e nelle società europee.
Non sia mai che un qualunque giovane studente, ancora ignaro dalle meravigliose ragioni gialloverdi, si spinga a pensare che milioni di suoi coetanei italiani ed europei furono uccisi un secolo fa dal conflitto tra quelli che oggi Salvini e Di Maio chiamano “sovranismi”.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




8/10/2018 - 14:08

AUTORE:
Remo La Barca

....forza Buo ......

Tentar non nuoce! Sarvini e di Maio possono tentà come fece Buo di Metato il tre di dicembre dell'/89 alle nove meno un quarto avanti cena e...ci perse anche la scommessa perchè disse; aspettate vì in casa, mettete a sfrigge mpopò d'aglio e sarvia nella padella grossa, io vado a da quattro retate alle cee li sotto i ponti, fra du' menuti torno con mezza 'assetta, gni si da una sciarbatina e se ne 'oce duottre chili e quell'artre si portano da Ugo sur Ponte e si facciamo da' una bottiglia d'Orvieto e due di vernaccia: vai, ma non abbiate furia, vado e torno e...ir tutto rimarrà nella storia.
...aspetta e spera, poi si fa sera, anzi buio strinto!

8/10/2018 - 12:50

AUTORE:
Dal Serchio

Ma secondo Romano i libri di storia li scrivono Salvini e Di Maio ? E gli storici si fanno imboccare da questi ? Forza....