none_o


 La notizia è di pochi giorni fa e ha lasciato a bocca aperta il grande pubblico; ma non gli addetti ai lavori.  Uno studio del Centro tedesco Helmholtz per la ricerca oceanografica GEOMAR, di Kiel, pubblicato sulla rivista Science Advanced, fa sapere che il nostro Etna, il vulcano più grande d'Europa, sta scivolando lentamente nelle acque dello Ionio....

Vecchiano: Percorsi Partecipativi
none_a
Invito
none_a
Teatro del Popolo Migliarino 26 ott.
none_a
Migliarino - Pubblica Assistenza
none_a
Applicati, leggi meglio. Sono daccordo con loro per .....
. . . morire in conoscenza sia il miglior viatico per .....
Bomba I
bomba II
e giggetto pupazzo perfetto

ASPETTIAMO .....
Tiri in ballo me, ma fai cilecca. La risposta "nel .....
I luoghi dell'eccellenza gastronomica
none_a
Associazione La Voce del Serchio
none_a
Ass. La Voce del Serchio
none_a
Uno Sguardo dal Serchio
none_a
Parrocchia Madonna dell'Acqua
none_a
Circolo Il Fortino di Marina di P.
none_a
Fiab Pisa
none_a
San Giuliano, 21 ottobre
none_a
Palaia
none_a
ASBUC Migliarino, 19 ottobre
none_a
  • Teatro del Popolo 26 ottobre

      Sulla mia pelle film di A. Cremonini

    È prevista, via Skype, una rappresentanza della famiglia Cucchi.

     

  • ASSEMBLEA ASBUC

      giovedì 4 ottobre, ore 21


    Si avvicina il giorno dell’assemblea pubblica per far sì che venga rinnovato il Comitato di amministrazione dei beni di uso pubblico di Migliarino con votazione Domenica 28 ottobre, presso l’Auditorium ASBUC- Via S. D’Acquisto 1.


Pontasserchio
none_a
Pappiana
none_a
COMUNICATO MIGLIARINO VOLLEY 1984
none_a
ASD PISA BOCCE
none_a
Io che ho spiegato le vele tutte finché la riva scompare,
esplorato ogni terra invisibile,
ogni visibile mondo, sfidato correnti, mostri marini, .....
Il giorno sabato 22 ottobre, dalle ore 9 alle ore 12, a San Giuliano Terme, in Piazza Italia,
GAZEBO LEGA . . . per un'iniziativa veramente interessante .....
di Renzo Moschini
Le rappresentanze nei parchi

8/10/2018 - 13:38


Le rappresentanze nei parchi

 

La polemica sul concorso promosso dal Parco di San Rossore rischia di confondere ulteriormente le cose sul ruolo degli enti di gestione delle nostre aree protette.
La contestazione del Sindaco di Pisa riguarda infatti l’assenza di una rappresentanza dell’ampio territorio comunale che deriverebbe dalla nomina di un direttore non pisano, tanto più grave in presenza di un presidente versiliese.
Ora come dovrebbe essere chiaro anche ad un profano, il direttore non rappresenta alcun particolare territorio di un parco, ma il parco da qualsiasi comune o regione egli provenga. Il parco nazionale del Circeo ha un direttore pisano che è stato anche amministratore del nostro parco.

L’attuale direttore del Parco dell’Arcipelago Toscano viene dalla Liguria. Il nostro vecchio direttore è attualmente direttore al parco nazionale delle Foreste Casentinesi. In ogni caso la protesta del nostro sindaco sulla rappresentanza comunale sorvola sul fatto che il comune ha un suo rappresentante nel consiglio del parco nominato però dalla passata amministrazione. La nuova giunta come possiamo verificare anche dalle cronache  sta rimediando a situazioni analoghe sostituendo in molti organismi ed enti  i vecchi rappresentanti con i propri.
A questo punto però la vicenda può e deve aiutarci a riflettere sul punto di crisi a cui è giunto nel paese il tema delle rappresentanze negli enti di gestione dei parchi sia nazionali che regionali. Una crisi che prende le mosse dal ministro dell’ambiente Prestigiacomo quando proclamò che lo Stato non avrebbe più potuto  sostenere i suoi parchi, ai quali avrebbero dovuto pensare i privati che per farlo però dovevano poter attingere da interventi anche non compatibili con un’area protetta. Per questo con la nuova legge che avrebbe dovuto più che modificare manomettere la 394, negli enti di gestione furono liquidate le rappresentanze scientifiche, ridimensionate quelle ambientaliste e marginalizzate quelle istituzionali per far posto alle categorie, cacciatori inclusi. Insomma il ruolo istituzionale dei parchi veniva pesantemente mortificato oltre che finanziaramente penalizzato. Oggi è da qui che bisogna ripartire dopo che sono già state quasi liquidate  le province, le comunità montane e si volevano ‘punire’ pure le regioni con il referendum, insomma riaffidare allo stato un responsabilità che tagli fuori  del tutto le comunità locali da una serio ed efficace governo del territorio e dell’ambiente. Rifarsela con i direttori non basta davvero.
Renzo Moschini
 
 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: