none_o

 

 

 

 


Qui si parla un po’ della app "Immuni". Scaricarla o non scaricarla? Questo è il problema. Comunque il mio amico Massimo, che è saggio e previdente, l’ha scaricata. Qui ci si diverte anche un po’ con Face App. Senza problemi.

Buona estate!

. . . . . . . . . . . . . . . non capisco i virologi .....
Per i cinguettii mi riferivo semplicemente ai tweet .....
Egr. Nicche sei passato dall'onestà intellettuale .....
Siamo perfettamente d'accordo che il governo deve "tagliare .....
Noi di Uniti per Calci non ci stiamo
none_a
di GIUSEPPE TURANI-IL GUERRIERO MANCATO
none_a
Causò dimissioni del sindaco Vignali di Parma, dopo 10 anni
none_a
Italia dei Valori
none_a
“Le critiche e le offese sono cose ben differenti”
none_a
CascinaOltre su Geofor
none_a
Associazione “Amici di Pisa”
none_a
di Giovanni Greco coordinatore CascinaOltre
none_a
Incontrati per caso..
di Valdo Mori
none_a
Libri.
none_a
Incontrati per caso..
di Valdo Mori
none_a
le Eccellenze italiane dello spettacolo”
none_a
Tirrenia, 7-10 luglio
none_a
di
Bruno Pollacci
none_a
FIAB-Pisa
none_a
San Giuliano Terme, 5 luglio
none_a
Cascina, 4 luglio
none_a
Tirrenia, 4 luglio
none_a
Villa di Corliano, 29 giugno
none_a
Pontasserchio, 28 giugno
none_a
  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


  • Circolo ARCI MIgliarino

      Chiusura del Circolo

    Il Circolo ARCI Migliarino comunica ai propri soci che il bar resterà chiuso dalla data odierna (10.3) fino al 3 di aprile 2020. La riapertura sarà condizionata dalle disposizioni successive riguardo alla diffusione della malattia in ambito nazionale.


FC FORNACETTE CASAROSA
none_a
Dai monti al mare
none_a
camp estivi
none_a
di Marlo Puccetti
none_a
nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Segnalo il degrado/ pericolo del campanile della chiesa di Migliarino Pisano. Andrebbe, perlomeno, messo in sicurezza.
none_o
Il racconto di Duccio

24/10/2018 - 12:11

                                            Paura di amare
 
 
            Quel martedì pomeriggio, dopo la lezione pomeridiana, nell’aula non era rimasto nessuno. Raccolse le sue cose e, prima che arrivasse il bidello per la consegna del videoproiettore, raggiunse la finestra che si affacciava sul vasto cortile e sull’altura che la sera ingoiava il sole. Il cielo si era abbuiato senza nessun preavviso, ma un raggio di luce sembrava lottare dietro alla fila dei cipressi sulla cresta del colle. Le sembrava di specchiarsi nel suo animo. Si. Era infelice!
            La sera prima aveva conosciuto, ad una cena, un paleontologo, Duccio, che l’aveva colpita nel momento in cui le aveva aggiustato, sulle spalle, il giacchetto cadente. Non volle farci caso perché ora pensava che se avesse ancora condiviso i suoi sentimenti con gli uomini poi loro si sarebbero approfittati della sua sincerità. In quel modo reprimeva sul nascere i turbamenti e metteva tutto il suo impegno perché il fuoco della passione rimanesse come un vulcano spento. Poi pensò che un vulcano sopito fosse contro natura.
            Che cosa avrebbe dovuto fare? L’accudimento di Duccio l’aveva conquistata insieme al suo parlare diretto e gentile. Si stava sgretolando la prosaica corazza con cui si proteggeva? Lo stimolo di lasciarsi andare a quella follia era enorme, ma il solo pensiero di amare concretamente un uomo la faceva rabbrividire. Non riusciva ad eseguire il ruolo della donna innamorata. Da tempo, ormai, era chiusa in quel suo mondo dove l’unico amico era il desiderio insoddisfatto e dove l’amore era soltanto un’ombra. Un mondo creato dalla sua paura di non essere riamata e dell’abbandono che ancora bruciava e chiedeva spiegazioni.
            Aveva avuto l’orgoglio di dire basta e scomparire, ma ancora il pensiero di Filippo le creava un conflitto interno.
            Ora c’era Duccio, che le dava un forte turbamento, si disse che doveva ascoltare il suo cuore, ma in quel momento le sembrava un messaggio molto complicato da decifrare e poi Duccio avrebbe saputo soddisfare il suo bisogno di essere abbracciata, consolata, accarezzata, sostenuta, rispettata ed essere baciata in modo vero? O sarebbe finita di nuovo nel niente rincorrendo chi non le avrebbe mai dato quello che desiderava con tutta se stessa?
            Si. Era infelice!
            Per lei la felicità era arrivare al traguardo dei sogni. Ma aveva notato che ogni volta che raggiungeva un obiettivo e si trovava al culmine della felicità, durava poco, spesso anche solo qualche ora. Non accettava che fosse un qualcosa destinato a finire e piuttosto di godere l’euforia di quell’istante o di un tempo definito, era pronta a rinunciare.
            Ormai dalle finestra vedeva solo il buio. Rifletteva. Arrivò alla conclusione che la felicità dura un attimo e dunque per avere un tempo felice bastava totalizzare una serie più lunga possibile di attimi. 
            Si allontanò dalla finestra, salutò il bidello e uscì. 
            Aveva deciso di accettare l’invito di Duccio.
 
 
 
 
 
 
 
 
           

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




27/10/2018 - 14:01

AUTORE:
De la fia!

Quei due pioppini in mostra nella mano del Chiube, ormai sfioriti e spampanati, ma che dovevano essere floridi carnosi ed appetibili...mi ricordano quelle belle ragazze, orgogliose e un po' altezzose che a forza di tirarsela tanto si sono ritrovate, forse lor malgrado, appassite scontente e molto insoddisfatte...a fare i conti con un invecchiamento solitario che le ha rese aride irrealizzate e piene di rimpianti.
Mi fanno pena, e molta, perché è mancato loro quel coraggio o quell' incoscienza che spinge i giovani a buttarsi nelle scelte...mai facili, che tutti ci siamo trovati ad affrontare...salvo ripensamenti pentimenti e dubbi postumi infiniti e intrisi di malinconia.
Ho sempre invidiato quella sicurezza spavalda che io non ho avuto in dote, ma per fortuna nemmeno quella pericolosa diffidenza che impedisce di spiccare il libero volo nel momento propizio.