none_o

Riprendiamo con piacere la ricerca di storie e leggende del nostro territorio. Dopo Villa Alta e Ripafratta, approfondiamo questa volta i misteri dei fantasmi della Villa di Corliano.Sono numerose le ipotesi sui fenomeni paranormali che si manifesterebbero a Corliano; la  leggenda più conosciuta è quella del fantasma di Teresa Scolastica della Seta Gaetani Bocca che, secondo tradizione, si manifesterebbe solo nelle notti di luna piena...

Arpat Toscana
none_a
Alma Pisarum choir
none_a
Convocazione Assemblea ordinaria Soci
none_a
ARCI Migliarino-Sabato 18
none_a
mostrare un rosario che la falce e il martello
Vorrei sottoporre all'attenzione dei lettori di questo .....
Ma perché un fate una bacheca e ci schiodate dentro .....
l'unica certezza è la sentenza che dice che il comune .....
Uno sguardo dal Serchio
none_a
POSTE ITALIANE: a poste vita il PREMIO GOVERNANCE
di capital finance
none_a
A cura di Maini Riccardo
none_a
Libri ed altro
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Convocazione Assemblea Soci

    Ilo Circolo comunica che l' Assemblea ordinaria viene indetta in prima convocazione il 6 giugno ore 21,30, in seconda convocazioneil giorno 7 giugno alle ore 21,00 presso il Circolo Arci, via Mazzini 35.

    1) Relazione del Presidente

    2) Rendiconto annuale 2018

    Tutti i Soci sono invitati a partecipare.


  • Circolo ARCI Migliarino

      Partite Pisa A.C.

    Si avvertono i Soci che il Circolo trasmetterà in chiaro tutte le  partite dell'Associazione Calcio Pisa, sia in casa che in trasferta. Prossima partita Piacenza-Pisa domenica 30 settembre. 


  • ALLA CITTADINANZA DI MIGLIARINO

      04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30
    AVVISO DI ASSEMBLEA


    Il comitato A.S.B.U.C. di Migliarinoinvita tutti i cittadini della frazione a partecipare all’assemblea indetta presso la nuova sede ASBUC in via S. D’Acquisto n. 1 in Migliarino:     in prima convocazione per il giorno 30 Aprile 2018 alle ore 12.00,   in seconda convocazione per il giorno 04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30


Nel germoglio di un'amore
C'e' il sorriso
della vita
Ed il tremito dei sensi
Che prelude a nuovi voli

E' la
danza di una fiamma
Che accarezza .....
Per una grande unità antifascista in Italia e in Europa

Mai come oggi dal dopoguerra si presenta in Italia e in Europa un così agguerrito e composito .....
di Renzo Moschini
none_a
Dal 24 al 26 maggio
none_a
di Renzo Moschini
none_a
di Umberto Minopoli
“ il lavoro si difende lavorando”.

11/11/2018 - 11:52


14 ottobre 1980/10 novembre 2018: 38 anni.

Eppure una forte analogia. Sono due date in cui Torino ha mandato un messaggio all’Italia. Che poi cambia le cose.

 

Nell’ottobre del 1980 la “manifestazione dei 40.000” (il numero che divenne il simbolo della giornata lo fissò’ una dichiarazione di un severo e autocritico Luciano Lama), spontanea, interclassista, di cittadini e lavoratoti ( quadri, impiegati e dirigenti della Fiat) piego’ e sconfisse l’estremismo e il massimalismo sindacale che, invece di trattare con la Fiat ( in profonda crisi di vendite), minacciava l’occupazione della fabbrica, col pericolo del suo tracollo.

Berlinguer, condizionato da una parte della Cgil antiriformista ( come la Camusso di oggi anti Tav) soffio’ sul fuoco del massimalismo e dell’estremismo sindacale. Lama, erede di Di Vittorio, ne soffri’. Voleva trattare e salvare il lavoro. I sindacati erano prigionieri delle posizioni estremiste nelle loro rappresentanze in fabbrica ( dove poi si scopriranno presenti terroristi e fiancheggiatori delle Brigate Rosse). Senza simboli di partito e senza confini di ceto, classe, categoria o professioni, una manifestazione imprevista, enorme, auto convocata, di popolo, il 14 Ottobre, marciò a Torino dietro uno slogan: “ il lavoro si difende lavorando”. L’estremismo perse ( anche nel Pci di Berlinguer che l’aveva titillato).

Il sindacalismo riformista di Lama vinse.

I sindacati ripresero a trattare e la Fiat non tracollo’. Il lavoro vinse. La manifestazione “Si Tav” di ieri ha molto di analogo ( oltre le ovvie differenze”. Ma, soprattutto una analogia: ancora una volta contro il massimalismo anti industriale e anti produttivo (che nel 1980 voleva cancellare la fabbrica polmone del paese e, nel 2018, vuole cancellare una grande opera che da’ occupazione e crescita) mette in piazza le ragioni del lavoro contro quelle del parassitismo, dei sussidi di cittadinanza, della decrescita, infelice e reazionaria.

Torino, ieri come nella “marcia dei 40.000 del 1980” ha risollevato le ragioni dei riformisti contro quelle degli estremisti. A me, che ho l’età’ per ricordare il 14 ottobre dell’80, riporta in alto le ragioni del cuore: l’immensa figura di un grande leader riformista e sindacalista, Luciano Lama.

Ma a tutti gli italiani e ai giovani di oggi Torino torna a ricordarci, con la manifestazione di ieri, la grande verità dello slogan della marcia dei 40.000 del 1980: “ il lavoro si difende lavorando”.

I populisti e gli estremisti, ancora una volta saranno battuti.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




13/11/2018 - 23:45

AUTORE:
LdB..

Signor Minopoli, alcune domandine per lei. Sarei curioso di sapere su che basi poggia la sua tesi per cui chi è a favore della Tav è un riformista e per lo sviluppo, mentre chi è contrario è un massimalista estremista e populista . Saprà di certo che la Tav al momento è già costata oltre 1 miliardo di euro. Secondo il Cipe l' opera doveva costare 8,6 miliardi, già siamo passati a più di 9 e ancora non siamo a nulla.
Va detto anche che dall'inzio dei lavori ( 2012) al 2017 è stato ultimato solo il 14 % di tutto il progetto : tunnel geognostico ( quello che serve a raggiungere il tracciato vero e proprio della Tav ) e alcuni tunnel per le prese d' aria. Ci sono voluti 5 anni per scavare 7 km di tunnel, considerando che il tunnel vero e proprio sarà di 57 km, così a spanne dovrebbero volerci circa 20 anni per finirlo, se si scava da ambo le parti. Secondo i governi precedenti i lavori dovevano terminare nel 2028, qui le previsioni sono di circa 10 anni di più. Però io sono un massimalista, quindi posso sbagliare, e le vengo incontro : secondo la Telt, la società a capo del progetto Tav, la fresa che scava il tunnel viaggia ad un ritmo di 14 mt al giorno, ponendo che lavori 365 gg, dovrebbe scavare circa 5 km annui, questo porta il termine dei lavori a 11/12 anni, sempre che tutto vada bene. Se i lavori ripartono nel 2019, verso il 2030/31 potrebbero finire. Ma a quel tempo, tralasciando i costi, l' opera sarà ancora utile ? Ecco, le chiedo, porsi queste domande è da populisti ?
Vorrei dirle anche due parole sulla famosa marcia dei “ 40.000 “ di cui lei ha parlato facendo un parallelismo, per me parecchio forzato, con la marcia pro Tav della settimana scorsa.
Quella marcia fu promossa da un caporeparto Fiat, Luigi Arisio, che insieme ad altri, quadri e dirigenti, decisero di sfilare per Torino contro lo sciopero che durava da 35 giorni. Tralascio il fatto che secondo la questura i manifestanti erano circa 12.000, anche se fu preso per buono, figuratevi dagli organizzatori, quello che disse Luciano Lama.
Ma come si arrivò a quello scontro non si dice ?
L' 8 maggio 1980 Fiat propose la cassa integrazione per “ solo “ 78.000 dipendenti , per 8 gg., misura poi ritirata per inizio di trattative sindacali.
Il 5 settenbre Fiat anniunciò la Cig per 24.000 dipendenti, 22mila operai, per 18 mesi. Dopo una settimana di trattative, l' 11 settembre altra uscita Fiat : licenziamento per 14.000 lavoratori.
A quel punto i Consigli di Fabbrica dichiararono lo sciopero di tutti gli stabilimenti e picchettaggio ai cancelli, dove la mattina del 26 si presentò anche Enrico Berlinguer. Riprese, in qualche modo, le trattative, furono ritirati i licenziamenti e stabilita la cassa integrazione fino al 31/12, per 24.000 lavoratori. Il problema fu che quella misura colpiva anche tutti i rappresentanti dei lavoratori ( TUTTI ), di qui il nuovo sciopero che portò poi ai fatti che sappiamo.
Secondo lei, quei lavoratori lottavano per chiudere la Fiat o per il lavoro ?
Ps. : nel settembre 1979 al Fiat licenzio 61 operai sospettati di essere,come dice lei, fiancheggaiori delle Br. Solo 4 furono condannati, per violenza in fabbrica, per gli altri le accuse furono dichiarate prive di fondamento.
Nel 1994 ci fu, a Torino, un' altra grande manifestazione, a seguito di nuovi annunciati licenziamenti e Cig per migliaia di lavoratori, fra cui 3800 impiegati, quelli per intendersi che fecero la marcia dei 40 mila, ironia della sorte fra quelli c' erano anche i due figli di Arisio.
Buona serata.

12/11/2018 - 13:56

AUTORE:
Umberto Minopoli

La novità nella situazione politica italiana e’ l’opposizione: affidata ad un protagonismo da basso, allo spontaneismo, alla rabbia e all’indignazione di settori sociali, singole cittadine e cittadini, pezzi di popolo reale. Questi cittadini sono incuranti delle pesantezze, dei non possums dei partiti di opposizione ( PD e Forza Italia), delle loro debolezze, remore ideologiche, burocratismi da professionisti della politica. Il governo perde di credibilità, e diviso, manifesta tutti i pericoli del suo assurdo e distruttivo programma, dello sfascio, dell’anti sviluppo, anti industrialismo, decrescita. E questi due partiti, il Pd e Forza Italia, stanno a baloccarsi su quesiti assurdi, subalterni, suicidi: l’uno, il Pd, sfoglia la margherita sulla idiozia di una alleanza con i 5 Stelle; l’altro, Forza Italia, insegue il sogno di Salvini che sbarca I grillini e prende in carica loro. Entrambi i partiti di opposizione, facendo così’, si estraniano dalla realtà del paese. Dove le basi e le ragioni dell’opposizione al governo sono più larghe dei due partiti ed esterne ad essi. Se n’è’ accorto Renzi. Che mostra più fiuto dei burocrati del Pd. E che sposta il baricentro dell’azione politica dei riformisti della sinistra: dal Pd alla società. Renzi si smarca dalla lotta interna al PD ( che e’ surreale, astratta, politicista, senza contenuti percepibili). Finora il confronto congressuale del PD aveva come contenuti due motivi, entrambi distruttivi ma percepibili: la liquidazione di Renzi e il delirio dell’alleanza con i 5 Stelle. La Leopolda prima e la prova vergognosa di 6 mesi dei grillini al governo hanno sepolto, bruciato e liquidato entrambe le illusioni del Pd non renziano: di Renzi il Pd non può fare a meno e dei 5 Stelle, come alleato futuro, non e’ più ( per fortuna) il caso di parlarne.
L’agenda, il senso, l’utilità del congresso del PD, a questo punto, e’ tutta da ridefinire. Fa bene Renzi, dunque, a spostare l’attenzione: dalla lotta interna all’opposizione nella società. L’idea della Leopolda di costruire iniziative sociali, culturali unitarie, comitati civici senza marchi di partito, aperti a chi si oppone al governo ma senza steccati di partito, ideologie vetuste, steccati politicisti e’ molto più attuale, necessaria e utile dello spettrale, rissoso e vuoto confronto di correnti nel PD ( e in Forza Italia). Che logora l’opposizione nel momento più critico e di maggior discredito del governo.
Un assurdo. I riformisti e chi oggi intende ribellarsi al populismo facciano altro: si mobilitino e si organizzino.