none_o


Mi è capitato di leggere su FB un post di Massimo Cerri sulla situazione del lago di Massaciuccoli. Una specie di lettera del lago stesso che rievoca i bei tempi passati quando questo posto era zona di caccia, di pesca e di svago per tutti i vecchianesi. Altri post a commento confermano questa visione dell’abbandono di questo luogo ricordando, con una vena nostalgica, gli anni in cui non vi era nessun tipo di vincolo.

Massimiliano Angori Sindaco
none_a
Bagno degli Americani
none_a
di Antonio Mazzeo, consigliere regionale
none_a
. . . è il corvo. Invece i citrulli che minimizzano .....
. . . l'uccellaccio del malagurio? corvo o condor?
. .....
Molti sindaci, a mio avviso previdenti, hanno impedito .....
. . . del mestiere sono stati tratti in inganno da .....
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
CULTURA E SPETTACOLO a cura di Giulia Baglini
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Appello di Frei Betto
none_a
Vicopisano
none_a
Tirrenia, Bagno degli Americani
none_a
Marina di Pisa, 14 agosto
none_a
Tirrenia, 14-15 agosto
none_a
Molina di Quosa, 14 agosto
none_a
Molina di Quosa, 14 agosto
none_a
GIOVEDI 13 AGOSTO LA SESTA TAPPA
none_a
Pontasserchio, 7-8-9 agosto
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Nuova apertura


    Il Consiglio di Circolo Arci Migliarino è lieto di annunciare ai propri Soci la riapertura dei locali che avverrà il giorno 1 agosto con orario dalle ore 19 alla mezzanotte. Sabato e domenica compresi. L'orario potrà variare in caso di eventi. Informazioni su iniziative sulla pagina FB del Circolo.


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


Di Marlo Puccetti
none_a
#VecchianoSport #Calcio
none_a
di Marlo Puccetti
none_a
FC FORNACETTE CASAROSA
none_a
nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Segnalo il degrado/ pericolo del campanile della chiesa di Migliarino Pisano. Andrebbe, perlomeno, messo in sicurezza.
Provincia di Pisa
Tipicità: nei boschi di Rivalto (Chianni, Pisa)

28/12/2018 - 9:30

#mce_temp_url#
Redazione Virtuale <info@redazionevirtuale.it>
28 dic alle ore 09:21
Buongiorno,

Allego comunicato stampa COLDIRETTI relativo a rischio estinzione per il Marrone di Rivalto (Pisa). 

Corsa contro il tempo sulle colline pisane per salvare il marrone coltivato nei boschi attorno al borgo di Rivalto, frazione di Chianni (Pi), dall’estinzione. Tre quarti del totale di castagneti (circa 65 ettari) presenti nel comune di Chianni sono oggi abbandonati. Ci stanno provando, da alcuni anni e con buoni risultati, una manciata di produttori, giovani per lo più di buona volontà cresciuti a fianco di nonni e padri che amavano i castagneti ed attorno ai quali avevano costruito storie e miti che oggi tornano prepotenti e forti nel vocabolario degli abitanti di Chianni e dintorni.

L’obiettivo dell’Associazione Amici di Rivalto, così si chiama l’associazione impegnata in questa missione in collaborazione con Coldiretti, è rilanciare il Marrone per dare un futuro al borgo e al bosco ed iniziare un percorso per richiedere la Denominazione di Origine Controllata. La Dop.

Proprio come il Marrone del Mugello. Inserito tra gli ecotipi indicati per il marrone Pisano, il marrone di Rivalto è citato addirittura nei documenti del Medioevo. Protagonista ogni anno di una festa, che si tiene nel mese di ottobre e che richiama migliaia di presenze nel piccolo borgo, a rilanciarlo stanno contribuendo anche Coldiretti con la compartecipazione della Camera di Commercio di Pisa attraverso un’azione di promozione e conoscenza del prodotto fresco e trasformato. “Il marrone di Rivalto – spiega Fabrizio Filippi, Presidente Coldiretti Pisa – è una delle piccole eccellenze della nostra terra che se valorizzato e fatto apprezzare può diventare una integrazione importante al reddito di imprese agricole ed appassionati ed un ottimo veicolo di promozione per il territorio. Finalmente c’è una generazione di giovani che ha la generosità necessaria per recuperare i castagneti, curarli, raccogliere i frutti e realizzare una filiera che ne esalti il valore storico, organolettico ed alimentare”. 

Tra i giovani ci sono Giovanni Orlandini che ha iniziato il recupero dei castagneti di famiglia già nel 2012 e Jacob Costagli che inaugurato anche una prima linea di prodotti spalmabili a base di marrone. E’ attorno anche a loro che la speranza cresce. “Marrone di Rivalto – spiega Alessandro Fattorini, consigliere delegato alle attività produttive ed agricoltura del Comune di Chianni - significa tradizione, territorio e tipicità. Tradizione perché il marrone è citato sin dal 1400: era molto importante per il borgo.

Tutela perché il 50% del nostro comune è ricoperto da boschi. L’obiettivo è sottrarre il territorio boschivo all’abbandono e mitigare il rischio idrogeologico. Tipicità è il terzo elemento centrale nel nostro progetto di valorizzazione e promozione di questo particolarissimo prodotto”. Sognare la Dop non è più un tabu: “perché no – spiega Giacomo Costagli, produttore, agronomo ed imprenditore agricolo - La selezione che i produttori hanno fatto negli anni ha portato alla produzione di un ecotipo che è patrimonio del marrone pisano.

Con il recupero dei castagneti ed un conseguente aumento della produzione il nostro Marrone potrebbe ambire alla Dop”.

 

QUI PUOI GUARDARE IL VIDEO: 
















Fonte: Redazione Virtuale
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: