none_o


A Pisa quest'anno ricorre il settantacinquesimo Anniversario della Liberazione da parte delle truppe alleate (2 settembre 1944): settantacinque anni non sono ancora un tempo remoto, tuttavia è esperienza comune che molti pisani - giovani e meno giovani per non parlare di quelli “d’adozione” - sembrano aver gettato nel dimenticatoio collettivo le memorie dei loro nonni.

Arpat Toscana
none_a
Migliarino
none_a
Pubblica Assistenza Migliarino
none_a
Sistena Nazionale per la Protezione dell'Ambiente
none_a
. . . . . . . . . . . . anco i cinque stelle esultavano .....
In democrazia rappresentativa è così; una volta si .....
Conquistata dopo 24 anni l'ex roccaforte rossa.
Grande .....
. . . . . . . . . . . dai redattori agli scrivani .....
Pontasserchio, 31 marzo
none_a
Tempo di Fiera = tempo di TORTE
none_a
FIAB-Pisa
none_a
Pisa, 31 marzo
none_a
Capodanno pisano
none_a
Marina di Pisa
none_a
Pisa Libreria Feltrinelli 29 marzo
none_a
Cinema Lumiere
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Partite Pisa A.C.

    Si avvertono i Soci che il Circolo trasmetterà in chiaro tutte le  partite dell'Associazione Calcio Pisa, sia in casa che in trasferta. Prossima partita Piacenza-Pisa domenica 30 settembre. 


  • Circolo ARCI Migliarino

      Cercasi operatori

    Il  Circolo ARCI Migliarino che gestisce la Ludoteca Comunale in versione estiva presso l'Oasi Dunadonda cerca personale qualificato per il perido di luglio e di agosto. Gli interessati possono inviare una mail alla posta del Circolo   arcimigliarino@gmail.com. Vedi sotto.


  • ALLA CITTADINANZA DI MIGLIARINO

      04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30
    AVVISO DI ASSEMBLEA


    Il comitato A.S.B.U.C. di Migliarinoinvita tutti i cittadini della frazione a partecipare all’assemblea indetta presso la nuova sede ASBUC in via S. D’Acquisto n. 1 in Migliarino:     in prima convocazione per il giorno 30 Aprile 2018 alle ore 12.00,   in seconda convocazione per il giorno 04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30


Val di Serchio
none_a
2018/2019 fase interprovinciale.
none_a
Pappiana
none_a
Pisa Beach Soccer
none_a
Nel germoglio di un'amore
C'e' il sorriso
della vita
Ed il tremito dei sensi
Che prelude a nuovi voli

E' la
danza di una fiamma
Che accarezza .....
. . . . . . . . . . . . . . un fatto accaduto quando andavo ancora alle elementari e che ricordo ancora molto bene. . . . . . Ebbene nell'ultimo banco .....
di Francesco Tagliente
Calcio e violenza

30/12/2018 - 11:13


Calcio e violenza – Il prefetto Tagliente: “Chiamare ultras i violenti significa riconoscerli e danneggiare il mondo del tifo”


Tagliente: “Definire violenti ultras significa riconoscerli e danneggiare il mondo del tifo che è e deve rimanere una risorsa del mondo del calcio, dei tifosi e del Paese”.
Fulvio Bianchi il giornalista di Repubblica oggi nella sua rubrica “spy calcio” affronta il tema del calcio e della violenza valutando criticamente l’idea del ministro Matteo Salvini di convocare i capi ultras al Viminale. Non ha senso – scrive Fulvio Bianchi – dare voce e visibilità agli ultras violenti anche se molti politici, anche di sinistra, sono sovente cascati in questa trappola. Speriamo che Salvini ci ripensi: basta che chieda a chi sa, a chi si occupa di questo problema così complesso, intricato, dalle mille sfaccettature. Non lontano dall’ufficio del ministro d’altronde c’è l’Osservatorio sulle manifestazioni sportive: uno dei padri fondatori, Francesco Tagliente, ha parlato ieri, parole di saggezza, da chi conosce il problema a fondo.


Il prefetto Francesco Tagliente ieri nel corso di una intervista al TG5 delle 20 ha parlato delle dinamiche di certe forme di violenza da stadio. Abbiamo chiesto al prefetto di chiarire ulteriormente il suo pensiero per i nostri lettori.
Ecco le parole del prefetto Tagliente ai microfoni di SportPaper: E’ difficile, molto difficile – ha esordito Tagliente – capire le dinamiche di certe forme di violenza. Ci sono varie concause che spesso non hanno nulla a che vedere con il calcio. Quindi definire questi violenti ultras significa riconoscerli e danneggiare il mondo del tifo che è e deve rimanere una risorsa del mondo del calcio, dei tifosi e del Paese.
Tra le concause la leva principale è la follia caratterizzata da odio viscerale con ritorsioni ad affronti reali o ritenuti tali. In alcuni ambienti c’è poi la leva economica della vendita di gadget, droga e ancora dei biglietti lì dove la complicità di qualcuno lo consente.

Raramente le animosità per ideologie di destra o sinistra sono sfociate in incidenti violenti.
Per quanto riguarda la gestione della violenza da aggressività istintiva o da follia da stadio – ha detto il prefetto Tagliente – penso alla necessità di un nuovo tipo di prevenzione.

Alla tradizionale prevenzione strutturale degli impianti con le diverse aree di sicurezza e alla prevenzione ambientale per circoscrivere le animosità tra le tifoserie a ironia e sfotto, bisogna aggiungere la prevenzione sociale che chiama in causa tutti gli attori e non solo il mondo del calcio, le Autorità e le forze di polizia.
Penso alla personalità di alcuni soggetti indifferenti rispetto agli ammonimenti e al pericolo come nel caso dei pluri daspati.
Ho sperimentato con successo i risultati delle audizioni dei daspati da parte di psicologi. A Roma – ha proseguito Tagliente – nel 2012 attraverso il “riascolto” dei soggetti “daspati” da parte degli psicologi della Polizia di Stato, è stato valutato positivamente l’effetto rieducativo del provvedimento, tanto da ritenere in alcuni casi possibile la revoca o la riduzione della durata del divieto.

Al di là della strategia di prevenzione e contrasto bisogna tornare a riflettere come gestire i pluridaspati.
Forse – ha detto ancora l’ex numero uno dell’Osservatorio – è opportuno ora domandarsi se il problema sia solo di polizia ovvero se sia sufficiente fermarsi al daspo o se non si debba andare oltre per capire cosa c’è oltre alla spia del daspo.

Per la gestione dell’aggressività, il daspo risulta senza ombra di dubbio una misura efficace ma come punto di partenza per capire se ci sia necessità di gestire eventuali fragilità psicologiche o vere e proprie situazioni di psicopatologia da valutare con l’ausilio di specialisti della psicologia e della psichiatria.

Capire come l’impulso violento di un uomo in certi contesti ambientali si può trasformare in un mostro omicida – ha concluso Tagliente – non è compito solo della Polizia.

Fonte: Di Daniele Amore
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: