none_o

 
Si chiama Tappeto del mondo ed è il frutto del lavoro di tantissime donne che hanno aderito all'iniziativa dell'associazione i Colori della Pace di Stazzema, ovvero realizzare un tappeto coloratissimo. 

. . . bello sbirciare in casa altrui, visto che la .....
Ci deve essere una interruzione sulle linee . Vedo .....
Ho raccolto qualche dichiarazione, difficile da pubblicare, .....
. . . è andato fuori dal seminato!
La direzione .....
Solidarietà
none_a
Incontrati per caso…
di Valdo Mori
none_a
"Io lo vedo così"
none_a
Incontrati per caso…
di Valdo Mori
none_a
Il Lonfo non vaterca né gluisce
e molto raramente barigatta,
ma quando soffia il bego a bisce bisce,
sdilenca un poco e gnagio s'archipatta.
È .....
CERCHIAMO UN TRATTORISTA CON ESPERIENZA ALLA GUIDA DELLE PRINCIPALI MACCHINE AGRICOLE.
AZIENDA AGRICOLA TENUTA ISOLA

DISPONIBILITA' FULL TIME
di Renzo Moschini
LA CACCIA AI PARCHI

13/1/2019 - 9:27

LA CACCIA AI PARCHI


Per anni come sappiamo ai parchi si è rimproverato il divieto di caccia. Oggi si è avviata invece la caccia ai parchi nessuna regione esclusa.           
E’ di questi giorni l’ennesima sortita del sindaco di Viareggio che dichiara; niente più soldi al parco. Quello di Pisa alcune bischerate le aveva riservate al concorso di direttore. Intanto a Piombino e dintorni si traffica su discariche senza carotaggi, Torri eoliche e altre robe con danni irreversibili per il suolo.
Sul piano nazionale si apprende invece che la presidenza dei Parchi nazionali la si vorrebbe affidare ai militari; dalle buche della Raggi ai Parchi. Sorvoliamo sulle nomine dei direttori che assumere per concorso come stabilisce la legge è evidentemente troppo complicato; vuoi mettere un bel commissariamento che dura quanto ti pare. Poi magari scopri che un assessore toscano che sulla gestione della fauna di bischerate ne ha collezionate un bel po’ collabora con Trento e Bolzano per la caccia al lupo. L’elenco sarebbe troppo lungo; dalle trivelle ai vari disastri ambientali
Che hanno investito anche alcuni dei nostri territori più pregiati dove in più d’un caso operano importanti parchi oggi in grave difficoltà e non solo perché hanno a che fare purtroppo con amministratori carnevaleschi.
Come Gruppo di San Rossore abbiamo fatto una proposta sulle politiche ambientali per poter finalmente confrontarci con le istituzioni che da troppo tempo risultano latitanti. E’ naturale che intendiamo partire dal nostro territorio pisano-toscano ma per coinvolgere anche gli altri territori alle prese con gli stessi problemi.
Ci auguriamo di riuscirci.
Renzo Moschini
 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: