none_o


Guardati allo specchio! Il volto che vedi riflesso è il risultato di milioni di anni di evoluzione e riflette le caratteristiche più distintive, che utilizziamo per identificarci e riconoscerci.  E' il risultato che si è plasmato secondo i nostri bisogni, legati al mangiare, al respirare, alla vista, alla comunicazione.  Ma come si è evoluto nei millenni il volto che abbiamo, per arrivare a mostrarsi com' è oggi?

ARPAT Toscana
none_a
Conad City e Pubblica Assistenza di Migliarino
none_a
Arpat Toscana
none_a
Migliarino
none_a
Per chi non lo sapesse, da martedi il comune comincerà .....
Francesco T è Primo? ed Ultimo sono io!
Si perchè .....
Caro lettore, ho fatto anc'io quello che mi consiglia, .....
Caro Francesco T, lettore e scrittore del Forumm VdS. .....
Vecchiano, 26 aprile
none_a
Pisa, 28 aprile
none_a
Pontasserchio
none_a
FIAB-Pisa
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Per una Pasquetta partigiana
none_a
San Giuliano Terme
none_a
di Fabrizio Manfredi
none_a
CAMPIONI D’ITALIA!!! #W8NDERFUL!!!
none_a
Le squadre di Val di Serchio
none_a
Sogno San Giuliano:
none_a
Le squadre di Val di Serchio
none_a
Nel germoglio di un'amore
C'e' il sorriso
della vita
Ed il tremito dei sensi
Che prelude a nuovi voli

E' la
danza di una fiamma
Che accarezza .....
. . . . . . . . . . . . . . un fatto accaduto quando andavo ancora alle elementari e che ricordo ancora molto bene. . . . . . Ebbene nell'ultimo banco .....
di Renzo Moschini
none_a
di Renzo Moschini
none_a
Parco Regionale MSRM
none_a
Marina di Pisa, 19 gennaio
Grande teatro con Elisabetta Salvatori

14/1/2019 - 18:32

Grande teatro al Fortino, con Elisabetta Salvatori. Sabato 19 febbraio.

Pochi sanno di un soggiorno marinese del grande Dino Campana, con la sua compagna, poetessa anche lei, Sibilla Aleramo. Dino Campana è il poeta dell’eccesso: esistenziale e immaginativo.

La sua poesia è soprattutto vita, vita come sperimentazione del corpo, degli occhi, dei paesaggi.

Rappresentarla non è facile. Si rischiano l’estetismo o la banale superficialità.

Non è casuale che ci abbia provato Elisabetta Salvatori, artista di teatro di non comuni capacità, che dedica spesso i suoi lavori ai diversi. Diversi, perché portatori di una vocazione, di un destino, di un Daimon. Alcuni noti come Ligabue e Campana, altri semplicemente personaggi del popolo.

Sabato 19 gennaio, al Fortino, per il ciclo IncontriAMO Marina, Elisabetta Salvatori presente “Viola”, uno spettacolo teatrale di tragedia e poesia. La protagonista recita e canta, accompagnata da Matteo Ceramelli al violino e Fabrizio Calabresi al violoncello.

Le musiche sottolineano alcuni passaggi. Calibrate. Trasportano verso l’alto e in profondità, fluide ma con un rapporto a volte aspro tra violino e violoncello.

Viola.

La vita di Dino Campana raccontata da Elisabetta Salvatori , al Fortino il 19 gennaio.

 

Alle 20 cena di pesce, con cacciucco (20 euro, soci ARCI)

Lo spettacolo costa 3 euro (5 per chi non cena)

Prenotazione obbligatoria 050 36195.

Sconti per i soci Unicoop.


 

    
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: