none_o


Proseguiamo il percorso annunciato nel presentare questa serie di articoli, arrivare a dare una immagine precisa e approfondita della realtà della vita delle comunità rurali dell'800 nel territorio di Vecchiano.E così, dopo aver presentato la storia e l'albero genealogico della famiglia Salviati e in modo più completo la vita di Scipione Salviati, il Padrone nel senso più completo del termine, entriamo quello che è il cuore del lavoro di Franco Gabbani, la descrizione della vita sociale e il ruolo in ogni evento della famiglia dominante.

Massimiliano Angori
none_a
Lunedì 6 dicembre dalle 18 al @Teatro del Popolo di Migliarino
none_a
Massimiliano Angori
none_a
Massimiliano Angori
none_a
Accusarono Renzi di aver dato 10 miliardi (gli 80 euro) .....
Draghi, in consiglio dei ministri, ha proposto un .....
. . . . . . . . . . ovvero i giornalisti seri e bravi .....
Il PD del vescovo Letta ha tolto la tari alla chiesa, .....
....Ci siete? Proviamo ad aprire quella porta e ad incontrarci?
Mandateci un messaggio e noi organizzeremo un incontro.

C’è un’idea strana che aleggia su Migliarino, una sorta di profezia, a Migliarino non c’è niente e non succede niente.Siamo sicuri che a Migliarino non ci sia nulla? Proviamo a fare un inventario...

Vecchiano è Voilontariato
#tantifiliunasolamaglia


“Il gioco serio del teatro”

Vecchiano è volontariato
#tantifiliunasolamaglia

L'associazione culturale La Voce del Serchio ospite del giornale online da cui è nata

di Riccardo Ricciardi
none_a
di Anna Ferretti e Michele Passarelli Lio (Coordinatori Provinciali)
none_a
di Renzo Moschini
none_a
I Consiglieri di Vecchiano Civica
none_a
Comitato Comunale di Italia Viva Pisa
none_a
di
Vincenzo Marini Recchia
none_a
Di Alberto Maggi
none_a
di Davide Faraone IV
none_a
Renzi e Toti lanciano il partito di Draghi: per il Colle salgono le quotazioni di Marcello Pera
none_a
Montacchiello (PI)
none_a
Marina di Pisa, 10-12 dicembre
none_a
ARCI Migliarino e CSEN S.Andrea in P.- 12 dicembre
none_a
Circolo ARCI Migliarino
none_a
Marina di Pisa, 3 dicembre
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Squadre di calcio Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Seduto al freddo e piove neve
Ma non ti nota quella gente
Con quello sguardo cerchi aiuto
Tu sei per loro inesistente
Mentre tu geli fra il cartone
Passan .....
Buongiorno, stamattina anche complice il forte vento e' caduto un palo della luce stradale in via d'ombra zona largo tazio Nuvolari, solo il "caso" a fatto .....
Pisa
Personale Liceo Dini su Moschea

28/1/2019 - 15:40

Cinquantatrè tra docenti e personale ATA del Liceo scientifico Ulisse Dini di Pisa hanno firmato la lettera, qui di seguito copiata, per sostenere il diritto della comunità islamica a costruire la moschea e per argomentare perché le ragioni addotte dal comune non convincono.
Per il gruppo di docenti e personale ATA del liceo Dini di Pisa
Leila d'Angelo
----------------------------------------------------------------------------------------------------

Come italiani, come laici, come credenti, come cittadini di Pisa, vogliamo manifestare la nostra solidarietà alla comunità islamica della nostra città, a cui viene pretestuosamente negata la possibilità di edificare il proprio edificio di culto, dopo un lungo periodo in cui la comunità si è riunita per pregare  prima, per molti anni, in un garage in pieno centro storico proprio dietro il Comune, e infine più recentemente in un’area periferica del quartiere Porta a Lucca, sotto un capannone nell’area del Centro sportivo universitario.
Negli anni scorsi, una parte della destra cittadina aveva già cercato di indire un referendum per impedire alla comunità islamica di Pisa di realizzare una moschea, con propri fondi, su un terreno regolarmente acquistato, proprio vicino al capannone dove i nostri concittadini si recano ora temporaneamente per il culto.
Anche la campagna elettorale delle ultime amministrative è stata fatta all’insegna della promessa di impedire la costruzione della moschea.
Adesso che quella parte politica è al governo della città di Pisa, si tenta di mantenere l’avventata promessa accampando il pretesto  che vi sia l’improvvisa necessità di un parcheggio proprio sul terreno acquistato dalla comunità islamica. 
Non abbiamo trovato nei resoconti della stampa o di chi ha partecipato all’assemblea cittadina del 14 gennaio scorso, convocata dal Sindaco,  argomenti soddisfacenti da parte sua e dell’assessore Dringoli a sostegno di tale necessità. Né il sindaco né l’assessore hanno fugato il timore del contenzioso infinito che seguirà all’esproprio del terreno e che lascerà l’area nel degrado attuale.
Anche a voler ammettere la necessità di nuovi parcheggi proprio in quella zona, è ben strano che non sia stata individuata per l’esproprio un’altra area più vasta, di ben 22.000 metri quadri, contro i 6500 del terreno di proprietà della comunità islamica. Quest’area è proprio di fronte, sull’altro lato di via del Brennero,  in una zona che peraltro nel Piano regolatore è destinata al verde pubblico e al parcheggio.
L’argomento della congestione del quartiere, dove già si svolge il mercato e dove si trova anche lo stadio, ci sembra altrettanto capzioso.  Vogliamo ricordare che l’afflusso per il culto non si sovrapporrebbe all’afflusso dei giorni di mercato e a quello degli incontri calcistici, perché molto semplicemente avverrebbe in giorni diversi: la preghiera dei fedeli è il venerdì.  
Pensiamo piuttosto all’argomento implicito che è stato sottaciuto in questa occasione, ma che è la vera ragione per cui si ostacola la costruzione della moschea. Una parte politica della nostra città ha fomentato e ora vuole cavalcare  una avversione cieca verso una collettività religiosa che viene percepita come estranea e ostile.  
Lo slogan che più spesso sentiamo ripetere da questa parte politica è “prima gli italiani”. Ebbene, tra coloro che chiedono di costruire la moschea molti sono italiani e italiane. Perché questi nostri connazionali, compatrioti si sarebbe detto una volta, non debbono avere un luogo in cui pregare come ce l’hanno gli altri, oltre ai Cattolici? I Valdesi, gli Ebrei, i Testimoni di Geova, i Mormoni: per ognuna di queste comunità di credenti c’è o c’è stato a Pisa un luogo di culto ufficiale e riconosciuto.
La coesione sociale, il riconoscimento e il rispetto delle differenze tra le comunità presenti in città sono importanti proprio per salvaguardare la sicurezza sociale che la parte politica al governo della città spesso invoca.


Leila Lisa d'Angelo
docente di matematica
Liceo Scientifico 'Ulisse Dini' - Pisa
Gilda degli Insegnanti - Pisa













Fonte: Leila d'Angelo
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri