none_o


Un nuovo studio della Grotta di Bajondillo (Malaga, Spagna), svolto da ricercatori spagnoli, giapponesi e statunitensi per conto dell’Università di Siviglia, ipotizza che gli esseri umani moderni (Homo sapiens), intorno ai 44mila anni fa, si siano sostituiti ai Neanderthal che vivevano in questo sito

Pubblica Assistenza Migliarino
none_a
Centro ASBUC a Migliarino (Vecchiano - Pisa)
none_a
SPORTERAPIA: Attività Fisica per tutti
none_a
Con Borgo di Pratavecchie
none_a
. . . . . . . . . . il comune e senti la solita puzza. .....
Chi gira per le frazioni di San Giuliano Terme sente .....
. . . cosa c'incastra Matteo Renzi tutte le volte anche .....
Magari però è solo la voglia finalmente di rivendicare .....
Lo zio Alceste
none_a
Pro Loco San Giuliano Terme
none_a
Libri
none_a
FIAB-Pisa
none_a
Alla stazione Leopolda
none_a
Vecchiano, 2 marzo
none_a
Pisaciclabilenotizie
none_a
L'arse argille consolerai.
none_a
Lunedi 25/2 Sala Gronchi SR
none_a
Carnevale di Viareggio
none_a
Pontasserchio, 17 febbraio
none_a
Pisa, 15 febbraio
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Partite Pisa A.C.

    Si avvertono i Soci che il Circolo trasmetterà in chiaro tutte le  partite dell'Associazione Calcio Pisa, sia in casa che in trasferta. Prossima partita Piacenza-Pisa domenica 30 settembre. 


  • Circolo ARCI Migliarino

      Cercasi operatori

    Il  Circolo ARCI Migliarino che gestisce la Ludoteca Comunale in versione estiva presso l'Oasi Dunadonda cerca personale qualificato per il perido di luglio e di agosto. Gli interessati possono inviare una mail alla posta del Circolo   arcimigliarino@gmail.com. Vedi sotto.


  • ALLA CITTADINANZA DI MIGLIARINO

      04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30
    AVVISO DI ASSEMBLEA


    Il comitato A.S.B.U.C. di Migliarinoinvita tutti i cittadini della frazione a partecipare all’assemblea indetta presso la nuova sede ASBUC in via S. D’Acquisto n. 1 in Migliarino:     in prima convocazione per il giorno 30 Aprile 2018 alle ore 12.00,   in seconda convocazione per il giorno 04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30


E poi fate l’amore.
Niente sesso, solo amore.
E con questo intendo
i baci lenti sulla bocca,
sul collo,
sulla pancia,
sulla schiena,
i .....
Senti questa, Chiube, che ti garba anche la tradizione popolare:

Gennaio mette 'a monti la purucca
Febbraio grandi e piccoli 'mbaucca
Marzo libera .....
di Renzo Moschini
none_a
di Renzo Moschini
none_a
di Renzo Moschini
none_a
di Mario Lavia
Caro Giannini, stai attento ai virus

5/2/2019 - 0:10

                        Caro Giannini, stai attento ai virus

Non va mai bene niente: perché deridere il tentativo di costruire una linea politica in grado di ribaltare la situazione?

Ispirati a Gino Bartali, c’è tutta una schiera di giornalisti per i quali è tutto sbagliato, tutto da rifare. Non va mai bene niente.

E per il Pd comunque vada sarà un insuccesso. Il “corpo” della sinistra è comunque carne disfatta, il suo cervello muffa da laboratorio, i suoi leader sonnambuli incurabili.

La montagna incantata dove malati in lite fra loro cercano invano una luce è una Spoon river delle idee gloriose della sinistra che fu: e non c’è verso di rianimarle. Giammai l’uomo solo al comando: fa troppo piazza Venezia o anche solo hotel Raphael. Giammai la competition delle primarie, fa rito tribale nel quale i dirigenti si scornano. Giammai un cenno di slittamento a sinistra, fa troppo oldfashioned. Giammai apertura a destra, sa di inciucio. Ah, ci vorrebbe un Gramsci (buono per tutte le citazioni), un Berlinguer (ma quante gliene dicevano, che era lento, che era chiuso, che era scostante, pure che era un venduto ai preti e al capitalismo). Non avete capito? Stiamo parlando di un certo giornalismo di sinistra, quello che si sente sempre immune da colpe e responsabilità e sempre lesto a ad alzare il ditino e impugnare la matita rossa e blu. Di questa schiera giornalistica Massimo Giannini è probabilmente il più bravo, il più acuto. Molte cose che scrive sono vere, tante analisi condivisibili.
Il problema è che fra social e tv tutto viene incredibilmente esagerato come quando si proiettano le ombre sui muri. E’ un dannato virus che, ci permettiamo di dire, ha colpito Giannini.

Ma non bisognerebbe perdere il senso delle proporzioni. Perché attaccare così violentemente la Convenzione del Pd  (si chiama così, non mi pare una tragedia e lascerei stare Kafka) che si è tenuta ieri?

Si cerca di fare qualcosa, diamine. Un appuntamento formale dove però si è anche parlato di politica: unico partito in Italia che lo fa, e in diretta streaming. Ma non va bene nemmeno questo. “Il Pd si contorce, urla, fibrilla”, scrive Giannini: vero, c’è parecchia incazzatura (si perdoni il francesismo), per la ragione che lo stesso Giannini indica in premessa e cioè che in giro “c’è una frizzante arietta di Weimar”. Il povero Pd si agita sforzandosi di immaginare come impedire che quell'”arietta” diventi infine mefitica e addirittura letale per la nostra democrazia. Perché di questo si tratta. Per ragioni storiche su cui sarebbe lungo soffermarsi, la sinistra – e dunque il Partito democratico – è più allenata di altri nell’avvertire la minaccia della reazione. Mentre altri non esitano a percorrere scorciatoie identitarie e scissionistiche da 2%, i Democratici tentano in tutti i modi di tenere il campo nel tempo terribile che vede i progressisti all’angolo in tutto il mondo, e tenerlo non per una mera ragione di testimonianza ma per costruire una rivincita storica. E’ un “virus”, questo?
Questa rivincita va certamente riempita di idee e messaggi nuovi. La mozione degli affetti non basta, ma da mo’ (direbbe il personaggio di Fantastichini in Ferie d’agosto). Siamo certi che i discorsi di ieri di Zingaretti, Martina e Giachetti non cambieranno le sorti del mondo: ma perché sfotterli? Stanno cercando di costruire una linea di opposizione – non è quello che reclamano tutti i giorni quelli di “e allora il Pd?” – e ciascuno di loro porta qualche brandello di verità. Ma chi “pensa ad altro”, Massimo? Con una battuta, direi che si pensa persino “troppo”, accumulando messaggi e documenti che alla fine non ci si raccapezza. La critica vera è una e una sola: stare un anno senza un leader e gruppo dirigente è stata veramente una follia.

Comunque, ci siamo quasi.
La scelta verrà compiuta non nel segreto di una stanza ma davanti al Paese, insieme a un sacco di gente. Quelli che criticano le primarie sono quelli che per anni hanno attaccato i Comitati centrali. Fate pace. Nessuno – dico nessuno – sta apprezzando il fatto che nel momento più critico del rapporto fra cittadini e politica il Pd porta nei suoi circoli quasi 200mila persone a votare.

Ai gazebo andranno centinaia di migliaia di persone. Il “corpo martoriato” del Pd, carissimo Massimo, magari si riprenderà e saranno altri “corpi politici”, alimentati in questi anni dal populismo giornalistico-televisivo, a deperire. Vuoi vedere che alle Europee il “corpo Pd” sarà più in salute del “corpo M5s”? E chissà che scriverai, allora.

Fonte: Mario Lavia per Democratica.it
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: