none_o


Un nuovo studio della Grotta di Bajondillo (Malaga, Spagna), svolto da ricercatori spagnoli, giapponesi e statunitensi per conto dell’Università di Siviglia, ipotizza che gli esseri umani moderni (Homo sapiens), intorno ai 44mila anni fa, si siano sostituiti ai Neanderthal che vivevano in questo sito

Pubblica Assistenza Migliarino
none_a
Centro ASBUC a Migliarino (Vecchiano - Pisa)
none_a
SPORTERAPIA: Attività Fisica per tutti
none_a
Con Borgo di Pratavecchie
none_a
. . . . . . . . . . il comune e senti la solita puzza. .....
Chi gira per le frazioni di San Giuliano Terme sente .....
. . . cosa c'incastra Matteo Renzi tutte le volte anche .....
Magari però è solo la voglia finalmente di rivendicare .....
Lo zio Alceste
none_a
Pro Loco San Giuliano Terme
none_a
Libri
none_a
FIAB-Pisa
none_a
Alla stazione Leopolda
none_a
Vecchiano, 2 marzo
none_a
Pisaciclabilenotizie
none_a
L'arse argille consolerai.
none_a
Lunedi 25/2 Sala Gronchi SR
none_a
Carnevale di Viareggio
none_a
Pontasserchio, 17 febbraio
none_a
Pisa, 15 febbraio
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Partite Pisa A.C.

    Si avvertono i Soci che il Circolo trasmetterà in chiaro tutte le  partite dell'Associazione Calcio Pisa, sia in casa che in trasferta. Prossima partita Piacenza-Pisa domenica 30 settembre. 


  • Circolo ARCI Migliarino

      Cercasi operatori

    Il  Circolo ARCI Migliarino che gestisce la Ludoteca Comunale in versione estiva presso l'Oasi Dunadonda cerca personale qualificato per il perido di luglio e di agosto. Gli interessati possono inviare una mail alla posta del Circolo   arcimigliarino@gmail.com. Vedi sotto.


  • ALLA CITTADINANZA DI MIGLIARINO

      04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30
    AVVISO DI ASSEMBLEA


    Il comitato A.S.B.U.C. di Migliarinoinvita tutti i cittadini della frazione a partecipare all’assemblea indetta presso la nuova sede ASBUC in via S. D’Acquisto n. 1 in Migliarino:     in prima convocazione per il giorno 30 Aprile 2018 alle ore 12.00,   in seconda convocazione per il giorno 04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30


E poi fate l’amore.
Niente sesso, solo amore.
E con questo intendo
i baci lenti sulla bocca,
sul collo,
sulla pancia,
sulla schiena,
i .....
Senti questa, Chiube, che ti garba anche la tradizione popolare:

Gennaio mette 'a monti la purucca
Febbraio grandi e piccoli 'mbaucca
Marzo libera .....
di Renzo Moschini
none_a
di Renzo Moschini
none_a
di Renzo Moschini
none_a
Lo zio Alceste
Il racconto di Michele

7/2/2019 - 20:52

Lo zio Alceste


Nonostante gli avessero raccomandato la puntualità, Quinzio sarebbe arrivato più tardi del solito. Per lui la visita preserale allo zio Alceste, era diventata un appuntamento  importante, cui non avrebbe rinunciato per nessuna ragione, neppure per il compleanno di suo padre; era sicuro di dovere allo zio non solo la sua formazione culturale, più ancora una vera crescita interiore. Infatti già da tempo gli argomenti di conversazione si erano fatti più intimi, confidenziali e quel pomeriggio si preannunciava più interessante del solito.
Quel ragazzo, alla soglia dei diciannove anni, frequentava regolarmente quella casa ormai da otto anni. Aveva una cultura di cui andare orgoglioso. In famiglia non aveva trovato un grande supporto, era  fatta di formalismi e guidata da un padre arido e assente. Lo zio aveva capito che quel ragazzo doveva essere preparato ad affrontare il futuro e liberato dalla consolazione del pessimismo, semplicemente fortificando il suo carattere e predisporlo a conoscere e capire se stesso e il mondo degli altri. Voleva che Quinzio raggiungesse presto quella saggezza necessaria ad elaborare le delusioni, le cattiverie, la noia del vivere e tutte le altre ferite che specialmente nel corso della fase adolescenziale lo avevano sicuramente amareggiato e disorientato. Questo lavoro comportava una interpretazione dell'attualità quale risultato del nostro passato; analizzare criticamente ciò che è stato non significa solo ricostruire i fatti ma ripensare anche alle azioni che hanno dato origine al presente.  
Per questo Alceste  aveva iniziato a raccontare al nipote la vita, quella che si vive fuori, ma anche, la sua, quella che aveva nascosto dentro. La sua storia fatta di scelte, di esperienze, di errori che lo avevano portato ad essere quello che era. Quel raccontare rivelava tutta la sua ricchezza interiore, tanto che il nipote lo ascoltava meravigliato, commosso e assorto, in preda ad un groviglio di sentimenti e interrogativi diversi. Ascoltare lo zio, per Quinzio, era come leggere, ma il racconto orale aveva il vantaggio di avere risposte immediate a quello che eventualmente non fosse stato immediatamente comprensibile.
In  sintesi, lo zio, voleva guidare Quinzio nel difficile percorso emotivo che è la vita, per non sprecare tempo.
L'esperienza  di Alceste l'aveva portato a credere che avere vicino qualcuno che ti sostiene crea meno tensioni, più tranquillità e dunque più spazio per la riflessione. La realizzazione di sé è un processo continuo che non sempre va in porto. Passa attraverso percorsi densi di ostacoli, più spesso sconosciuti dentro i quali ci si può definitivamente perdere. Era questo che avrebbe dovuto fare, evitare che Quinzio si perdesse. In quel preciso momento della sua vita, era come se si trovasse in un paesaggio deserto, senza rassicurazioni, con il peso delle passioni e dei dubbi.
Anche Alceste aveva avuto certezze, in particolare, dal padre, un uomo di una dignità esemplare, ma anche da quelle persone che con la loro spontaneità e la loro semplicità gli avevano trasmesso concetti di etica, forse anche un livello spirituale da cui sembrava uscisse con chiarezza lo scopo di vivere.  
Poi era venuta la scuola che aveva completato una formazione ai cui quell’allora ragazzo era già predisposto con la sua insaziabile voglia di conoscenza. Per la verità l'appagamento a tutte le sue richieste arrivò dal professore di filosofia. Una classica figura di insegnante liceale, ormai alle soglie della pensione, che trasmetteva modernità o meglio sapeva interpretare il presente del futuro. Esponeva con chiarezza cristallina concetti rendendoli accessibili e quasi utilizzabili per la sua esistenza.

In quei momenti la vita sembrava un percorso accettabile e gioioso. Le interrogazioni altro non erano che conversazioni a cui tutti partecipavano dando contributi personali, spesso   risolutivi. Presto negli studenti era nata la curiosità di sapere dove avrebbero portato quelle ore svolte con entusiasmo perché sembravano il rimedio ai loro dubbi e a quelli del mondo.

Aveva reso felici quei ragazzi. Procurava loro attimi in cui tutto sembrava diventare eterno, si fermava il tempo per far posto ad una pienezza d’animo che sembrava infinita. Bisogna dirlo, era stato fortunato. Poi era arrivata la passione dello scrivere e della ricerca per lo scrivere che lo avevano aiutato a lenire le sue pene. Chi scrive, Alceste ne era convinto, non lo fa solo per sé ma per tutti coloro che non hanno il coraggio di aprirsi perché è un po' come spogliarsi di fronte ad una moltitudine.

Poi era affascinato dalle parole, dal loro suono, dall'alchimia consolatoria che sprigionano e che nasce dai meandri dell'inconscio, insomma dal loro incantesimo e dalla loro magia.

Le parole danno vita al pensiero, le idee sono astratte, esse sono reali ed hanno il potere di evocare e di far rivivere, in chi le ascolta, l'esperienza altrui, quasi fosse la propria. Se scelte in modo appropriato, le parole sanno rendere felici, diminuiscono lo sforzo intellettuale, chiarificano le nozioni e fanno rivivere emozioni e sentimenti.
Quinzio ascoltava e sentiva che, lentamente, l’adolescenza lasciava il posto alla maturità, senza portarsi dietro alcuna impurità.

 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




17/2/2019 - 11:20

AUTORE:
Lettorino

Mi aspettavo che Quinzio, alla fine, tirasse fuori una pistola e facesse fuori Alceste!!
Sarebbe stata una bella fine del racconto.