none_o


Guardati allo specchio! Il volto che vedi riflesso è il risultato di milioni di anni di evoluzione e riflette le caratteristiche più distintive, che utilizziamo per identificarci e riconoscerci.  E' il risultato che si è plasmato secondo i nostri bisogni, legati al mangiare, al respirare, alla vista, alla comunicazione.  Ma come si è evoluto nei millenni il volto che abbiamo, per arrivare a mostrarsi com' è oggi?

Conad City e Pubblica Assistenza di Migliarino
none_a
Arpat Toscana
none_a
Arpat Toscana
none_a
Migliarino
none_a
Per chi non lo sapesse, da martedi il comune comincerà .....
Francesco T è Primo? ed Ultimo sono io!
Si perchè .....
Caro lettore, ho fatto anc'io quello che mi consiglia, .....
Caro Francesco T, lettore e scrittore del Forumm VdS. .....
Vecchiano, 26 aprile
none_a
Pisa, 28 aprile
none_a
Pontasserchio
none_a
FIAB-Pisa
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Per una Pasquetta partigiana
none_a
San Giuliano Terme
none_a
di Fabrizio Manfredi
none_a
CAMPIONI D’ITALIA!!! #W8NDERFUL!!!
none_a
Le squadre di Val di Serchio
none_a
Sogno San Giuliano:
none_a
Le squadre di Val di Serchio
none_a
Nel germoglio di un'amore
C'e' il sorriso
della vita
Ed il tremito dei sensi
Che prelude a nuovi voli

E' la
danza di una fiamma
Che accarezza .....
. . . . . . . . . . . . . . un fatto accaduto quando andavo ancora alle elementari e che ricordo ancora molto bene. . . . . . Ebbene nell'ultimo banco .....
di Renzo Moschini
none_a
di Renzo Moschini
none_a
Parco Regionale MSRM
none_a
Roma, manifestazione sindacale
D’Alema in piazza con l’ossessione anti Renzi

10/2/2019 - 18:14

               D’Alema in piazza con l’ossessione anti Renzi

D’Alema si gigioneggia nel corteo col suo sarcasmo rettiliano, Damiano provoca dicendo che la manifestazione sindacale dimostrerebbe che occorre “derenzizzare” (ha detto proprio cosi’ l’ossesso compulsivo), Zingaretti completa il trio dicendo che il corteo sindacale da’ ragione alla sua linea sul “congresso del Pd che deve voltare pagina”.
Quale pagina? In che senso? La pagina di Renzi ovviamente.
Forse questi tre hanno confuso le date: si manifestava ieri e contro il governo Conte, Salvini e Di Maio. Non due anni fa e contro il governo del Pd. Si manifestava ieri e con i tre sindacati uniti. E non due anni fa e in una manifestazione di Landini, Camusso e della sola Cgil contro il governo del Pd.
Si manifestava ieri contro il il reddito di cittadinanza, quota 100, la decrescita e per le opere (sfilavano perfino gli imprenditori del “si alle trivelle”, che difendono la ricerca di gas e petrolio in Emilia) e non due anni fa a sostegno del populismo di sinistra dei 5 Stelle.
La manifestazione sindacale di ieri riscatta “moralmente” tutte le manifestazioni sbagliate, isolate suicide della Cgil di duecanni fa che pompavano le opposizioni ai governi del Pd. E sostenevano la linea assistenziale e di decrescita dei 5 Stelle. L’hanno sospinta al governo. E in solo 8 mesi ci ha portato alla recessione e al disastro dell’occupazione che cala, degli investimenti cancellati e dell’austerita’ che si approssima.
Altro che gigionarsi alla manifestazione di ieri. Hanno preso fischi per fiaschi.

Hanno sbagliato data della manifestazione.

Dovrebbero, Zingaretti, D’Alema e la sinistra del Pd, con Landini e Camusso, chiedere scusa per l’abbaglio preso, per le illusioni covate e le sciocchezze dette sui 5 Stelle.

Invece.

Si utilizza persino la manifestazione che li smentisce sulla linea che hanno avuto e su cui hanno costruito il congresso (attaccare i governi del Pd, “derenzizzare” – che parola sovietica – il partito per allearsi con i 5 Stelle) per lanciare un messaggio di divisione, di vendetta, di restaurazione dell’antico.
Cadono le maschere, cade l’ipocrisia dell’unità: chi parla di “voltare pagina”, di derenzizzare il Pd, prepara nuove scissioni. L’unità di cui parla Zingaretti è quella dei “derenzizzati”.

E cioè: riammettere in casa gli avversari di ieri (chi ha fatto persino una scissione per indebolire il Pd) e costringere a lasciare chi ha, invece, creduto nel progetto del Pd, del riformismo e della modernizzazione (oggi sovieticamente bollati come “renziani” da cui liberarsi).
La Repubblica (da sempre la madrina del vecchio Pd pre-renziano) li ha definiti (i cosiddetti renziani) un “virus” da cui liberarsi. Che laici! Che linguaggio liberale, civile e democratico! È Zingaretti, dunque, l’annuncio ufficiale che il Pd si approssima (con lui) a nuove divisioni.
Chi non lo desidera ha una carta soltanto: non dare la maggioranza a Zingaretti e fare vincere chi, come Giachetti e Ascani, rappresenta il vaccino contro il vero virus: lo scissionismo della eterna, rissosa, faziosa e antica sinistra, corrosa dall’ideologismo e dal massimalismo che le hanno impedito il governo sempre.
O meglio fino al 2013: fino a quando un ragazzo scapestrato, ambizioso, ma determinato e riformista, li ha, per la prima volta, portati al governo per 5 anni di fila.

E facendo al governo bene. Molto bene. Quei due governi li rimpiangeremo per chissà quanto tempo. ‬



Fonte: LibertaEguale
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




10/2/2019 - 19:39

AUTORE:
Filettolino

O è sbagliato il titolo o è sbagliato il testo. Di D' Alema non c'è traccia, nemmeno un virgolettatino, nulla. La guerra è interna al Pd, e da come butta finirà in caciara. In marcia ( en marche ) ?