none_o


Bellissimo scritto il precedente, anche se (visione solo mia personale) ci vedo un po’ di politica nella penna.

C’è in paese uno scrittore, sì certo, politico anche lui, ma che insieme alla fede sinistra dà la mano destra al volontariato e insieme cuore e tempo e fatica e impegno:

Nedo Masoni.

Renzi ha fatto il furbo ma i furbi non fanno mai gli .....
Il saggio Andreotti diceva: “ Il potere logora chi .....
Sono contento che Renzi abbia fondato un nuovo partito. .....
Non mi sono mai sognato di voler attaccare personalmente .....
Intervista a Matteo Renzi
none_a
RICCARDO MAINI sempre Residente a MdA
none_a
di GIUSEPPE TURANI
none_a
di Renzo Moschini
none_a
Vecchiano 5 Stelle
www.vecchianoa5stelle.it
none_a
Governo Conte
none_a
"Guarisce da solo, anche ascoltando Iglesias".
none_a
LILIANA SEGRE, 89 anni oggi.
none_a
“Io lo vedo così”
none_a
Associazione La Voce del Serchio
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Solidarietà
none_a
Pisa, 21 settembre
none_a
Marina di Pisa
none_a
Calci
none_a
ASBUC Migliarino 21 settembre
none_a
Circolo Arci Filettole
none_a
San Giuliano Terme, 15 settembre
none_a
Cioccolato
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
  • AD ACCOGLIERE GLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI CALCI MOLTI SPAZI, AULE E GIARDINI RINNOVATI

      Suona la campanella

    Mancano tre giorni all’inizio della scuola e lunedì prossimo la campanella suonerà per i tanti alunni calcesani che potranno contare su aule, spazi comuni e giardini rinnovati e più sicuri...


di Bruno Pollacci
none_a
Parco di San Rossore, 14 settembre
none_a
Polisportiva Sangiulianese
none_a
Pappiana
none_a
Il Lonfo non vaterca né gluisce
e molto raramente barigatta,
ma quando soffia il bego a bisce bisce,
sdilenca un poco e gnagio s'archipatta.
È .....
Vendo FB FB johnson 5CV buone condizioni, bicilindrico, 2 tempi, gambo corto, elica 3 pale, anni 90, marcia avanti e indietro, serbatoio esterno .....
di Renzo Moschini
none_a
di Renzo Moschini
none_a
di Renzo Moschini
none_a
none_o
Il Festival finisce fra le polemiche.

11/2/2019 - 12:39

Il Festival finisce fra le polemiche. A sorpresa Vince Mahmood pseudonimo di Alessandro Mahmoud un cantante che nelle cinque serate nessuno aveva mai inserito nella terna finale e non era mai stato preso in considerazione.

Al secondo posto “Ultimo” che per la cocente delusione ha lasciato direttamente il palco dell'Ariston ed è stato l'unico cantante assente a Domenica In; terzi gli inossidabili Volo. Molti cantanti che si sono presentati al pubblico hanno ricevuto grossi apprezzamenti e scroscianti applausi fino alla standing ovation come è accaduto a Loredana Berté e ai Volo.

Cristicchi un poeta della canzone si è presentato con un testo che richiama al senso della vita, il livornese Nigiotti nella canzone ha ricordato il nonno con parole che hanno fatto emozionare, Irama che ha catalizzato l'attenzione con la ragazza dal cuore di latta sulla violenza familiare. Un festival di buon livello con una Virginia Raffaele bravissima.

Quando ha cantato sui tempi di un disco che scorreva sotto la puntina del grammofono ha raggiunto il top nonostante ciò  è rimasta sacrificata dall'essere anche presentatrice. Bravo anche Claudio Bisio anche se non si è capita bene la sua partecipazione, il suo ruolo è stato sempre stato complementare. Scontato il successo di Claudio Baglioni che in questa edizione del festival ha ben distribuito la sua presenza fra Presentatore e cantante.

I “Volo” con il loro stile tutto italiano non hanno indovinato l'anno giusto per ripresentarsi dopo la vittoria nel 2015 perché il festival di questa edizione è stato una sorpresa. Dispiace che Sanremo abbia avuto sentori politici. E' chiaro che la canzone non aveva lo spessore per vincere ma il momento contingente ha favorito il ragazzo milanese con madre sarda e padre egiziano.

Si parla giustamente da tempo che la multi etnia arricchisce la società italiana ed è vero; con la vittoria di Mahmood si è voluto dimostrare come un ragazzo nato da madre italiana e padre straniero sia riuscito a vincere il festival di Sanremo, tempio della canzone italiana per eccellenza. Per  rispondere a certe scelte ritenute sbagliate del governo e soprattutto del Ministro dell'interno in materia di immigrati c'erano altri contesti e altre piazze,  non si doveva condizionare un risultato che ha penalizzato cantanti con testi migliori tra cui si può annoverare la canzone di “Ultimo”.

Un'edizione del festival da archiviare in fretta liberandoci al più presto dei condizionamenti sociali che hanno vanificato il lavoro di molti autori di canzoni che si sono visti spazzare via da persone che hanno cavalcato il disagio sociale del momento.
 

Fonte: Marlo Puccetti
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




13/2/2019 - 11:14

AUTORE:
Lettore

Che siamo ormai oltre la frutta è talmente evidente che vengono i brividi per lo sconcerto!
Ma da quando le più alte cariche dello stato si mettono a occuparsi del festival e si scambiano "colorite" espressioni di offese e insulti vari con persone più o meno note!?
Ma smettetela e andate a lavorare seriamente per risolvere i problemi di questo tartassato paese visto che avete promesso di migliorarlo agli elettori che vi hanno creduto e votato!!
Tirarla sulla caciara è un espediente vecchio come il mondo!!!

12/2/2019 - 0:03

AUTORE:
Maria De Cesaris

Post di risposta di chef Rubio a Salvini che dice che sarebbe stato meglio se Sanremo lo avesse vinto Ultimo:
“Io dico che non ce capisci’n caz*** né de musica né de politica né de donne né de vita né de cibo… non vali un caz** insomma, e non perdi occasione per dimostrarlo”, è stata la risposta inviata via social del famoso chef. Dell’Italia e degli italiani non ti interessa nulla perché vuoi solo giocare al Risiko dei subumani. Sei Ultimo”

11/2/2019 - 14:17

AUTORE:
Remolabarca&guidolavespa

Se è per questo anche la Berté e Arisa non si sono presentate perché arrabbiata la prima e amareggiata la seconda, ma non mi sembra corretta la loro reazione...la Venier dispiaciuta s'è prostrata nel richiamarla all'ordine e alcuni giornalisti opinionisti critici e quant'altro dicevano che alla Berté sarebbe dovuta andare di diritto la vittoria o il premio alla carriera...io questo lo trovo delirante.
Di premi ne sono stati assegnati parecchi ma a dar manforte a tutti ce ne volevano tre volte tanto!
Una cosa ieri pomeriggio l'ho imparata che quasi tutti si credono migliori degli altri e non solo aspirano al primo premio ma lo pretendendo...cari cantanti per forza si fa l'aceto, dicevano i vecchi, ma ora nemmeno più quello!