none_o

Parimenti all’amico Maini anche io faccio deroga al principio di non uscire più sulla Voce se non quando l’argomento è eccezionalmente importante. E questo video lo è! Il professor Galimberti spiega tutto, e con grande chiarezza. Un’ occasione per capire il particolare momento storico in cui viviamo. Da ascoltare per riflettere.
 

Pubblica Assistenza Migliarino
none_a
Arpat Toscana
none_a
Pubblica Assistenza Migliarino
none_a
Arpat Toscana
none_a
Una partita al cardiopalma quella degli under 21 con .....
Le ragazze della squadra azzurra, ai mondiali in Francia, .....
Nel disegno dell'architetto Donati commissionato dalla .....
Sulla pista ciclabile aggiungo che finisce nel nulla, .....
Un colpo al cerchio ed uno alla botte? mavvedrai!
none_a
Di Barbara Palombelli (a gentile richiesta)
none_a
Di Luca Barbuti
none_a
Di Franco Marchetti
none_a
Nodica, 4-7 e 11-14 luglio
none_a
Le mosse dei militari per danneggiare Renzi
none_a
MATTEO RENZI

ENRICO LETTA

PD
none_a
di Stefano Ceccanti; costituzionalista e dep.Pi
none_a
Polisportiva Sangiulianese
none_a
Consulta del Volontariato San Giuliano Terme
none_a
POSTE ITALIANE
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Convocazione Assemblea Soci

    Ilo Circolo comunica che l' Assemblea ordinaria viene indetta in prima convocazione il 6 giugno ore 21,30, in seconda convocazioneil giorno 7 giugno alle ore 21,00 presso il Circolo Arci, via Mazzini 35.

    1) Relazione del Presidente

    2) Rendiconto annuale 2018

    Tutti i Soci sono invitati a partecipare.


  • Circolo ARCI Migliarino

      Partite Pisa A.C.

    Si avvertono i Soci che il Circolo trasmetterà in chiaro tutte le  partite dell'Associazione Calcio Pisa, sia in casa che in trasferta. Prossima partita Piacenza-Pisa domenica 30 settembre. 


  • ALLA CITTADINANZA DI MIGLIARINO

      04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30
    AVVISO DI ASSEMBLEA


    Il comitato A.S.B.U.C. di Migliarinoinvita tutti i cittadini della frazione a partecipare all’assemblea indetta presso la nuova sede ASBUC in via S. D’Acquisto n. 1 in Migliarino:     in prima convocazione per il giorno 30 Aprile 2018 alle ore 12.00,   in seconda convocazione per il giorno 04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30


Polisportiva Sangiulianese
none_a
Il c.t. Bertolini: "Difesa top"
none_a
Val di Serchio
none_a
«Come fa a essere italiana?»
none_a
Il Lonfo non vaterca né gluisce
e molto raramente barigatta,
ma quando soffia il bego a bisce bisce,
sdilenca un poco e gnagio s'archipatta.
È .....
CERCHIAMO UN TRATTORISTA CON ESPERIENZA ALLA GUIDA DELLE PRINCIPALI MACCHINE AGRICOLE.
AZIENDA AGRICOLA TENUTA ISOLA

DISPONIBILITA' FULL TIME
di Renzo Moschini
none_a
di Renzo Moschini
none_a
di Renzo Moschini
none_a
di Fulvia Ferrero
"il confronto Primarie del centrosinistra a SkyTg24"#voglioilconfronto

15/2/2019 - 12:56

#voglioilconfronto AMICI, è ORA DI MOBILITARSI PER LE PRIMARIE, diamo una mano a Giachetti/Ascani che stanno chiedendo a gran voce IL CONFRONTO TV, ma zingaretti fa lo gnorri, perchè, cosa teme? e dunque chiediamo anche noi, i militanti tutti, COME è STATO FATTO IN PASSATO "il confronto Primarie del centrosinistra a SkyTg24"#voglioilconfronto

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




18/2/2019 - 10:54

AUTORE:
Martino

...ieri da Martina dalla Annunziata.
“Un partito si guida e non si comanda”.
Una evidente critica alla conduzione di Renzi.
Se non ricordo male non si sono mai fatte tante direzioni per discutere come durante la segreteria Renzi.
È del tutto evidente, almeno per me, che al termine della discussione chi ha vinto il congresso - con il 70% dei voti - aveva tutto il diritto, con la sua maggioranza di cui Martina faceva parte, di realizzare il proprio programma.
Se guidare il partito significa fare ogni giorno caminetti per mettere d’accordo tutti anche su cosa mangiare a colazione, preferisco chi porta avanti le proprie idee con determinazione. Che per Martina significa “comandare”, per me avere una chiara linea politica.
Molto più grave e indice di protervia, secondo me, sottrarsi al confronto congressuale come sta facendo Zingaretti.
Mi chiedo se coloro che sostengono Martina, identificando la sua candidatura come la naturale prosecuzione della segreteria Renzi, non avvertano un minimo di imbarazzo.
Non ho il problema perché il mio voto andrà a Roberto Giachetti.

18/2/2019 - 7:16

AUTORE:
Amico di BoboGiak

IL CORAGGIO DEL CONFRONTO NON PUO’ DARSELO CHI NON CE L’HA
Quando fondammo il PD non volevamo fare un nuovo partito, ma un partito nuovo e tra i principi ai quali ci ispirammo c’era quello del “limite della politica”, secondo il quale non ci sono nemici da annientare, ma solo avversari da battere con le regole della democrazia. Significava bandire il cinismo, la furbizia, la malafede e l’opportunismo, perché nessun fine è positivo se raggiunto con questi mezzi. Non si trattava di “buonismo”, ma di voler restare umani per far si che la società lo fosse. Significava avere fiducia in se stessi e dare coraggio per meritare la fiducia degli altri.
Rifiutare il confronto pubblico, come fa Zingaretti, è un atto di disprezzo nei confronti degli avversari che tratti come nemici, motivare il rifiuto con la mancanza di tempo è da cinici, evitare il confronto perché potrebbe dare un vantaggio all’avversario è una furbizia che copre insicurezza e debolezza politica, non volersi misurare in un contraddittorio pubblico tradisce malafede, scambiare l’opportuno con l’opportunismo dimostra inaffidabilità. In definitiva significa non avere coraggio né fiducia in se stessi e negli altri.
Che garanzie di unità, democrazia e trasparenza darebbe Zingaretti se fosse eletto dopo aver rifiutato di misurarsi con gli altri a viso aperto? Darebbe solo la certezza di aver abbandonato i caratteri distintivi del PD, per omologarlo alla corrente di un cattivo metodo politico ormai diffuso fuori dal PD favorendone il definitivo sopravvento non solo nel partito, ma nel Paese.