none_o


A Pisa quest'anno ricorre il settantacinquesimo Anniversario della Liberazione da parte delle truppe alleate (2 settembre 1944): settantacinque anni non sono ancora un tempo remoto, tuttavia è esperienza comune che molti pisani - giovani e meno giovani per non parlare di quelli “d’adozione” - sembrano aver gettato nel dimenticatoio collettivo le memorie dei loro nonni.

Arpat Toscana
none_a
Migliarino
none_a
Pubblica Assistenza Migliarino
none_a
Sistena Nazionale per la Protezione dell'Ambiente
none_a
. . . . Sarvini e Dimaiol, compreso la senatrice Taverna .....
Purtroppo, tutto quello che serve a screditare l'avversario .....
. . . . . . . . . . . nell'immediato dopoguerra a .....
Dispiace vedere che la Voce pubblichi commenti imbecilli .....
Pisa Libreria Feltrinelli 29 marzo
none_a
Cinema Lumiere
none_a
Pisa, Presentazione del libro
none_a
Il Fortino,Marina di Pisa,23 marzo
none_a
Pontasserchio, 22 marzo
none_a
Vecchiano 29 marzo
Progetto Libri
none_a
Calci, 23 marzo
none_a
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Partite Pisa A.C.

    Si avvertono i Soci che il Circolo trasmetterà in chiaro tutte le  partite dell'Associazione Calcio Pisa, sia in casa che in trasferta. Prossima partita Piacenza-Pisa domenica 30 settembre. 


  • Circolo ARCI Migliarino

      Cercasi operatori

    Il  Circolo ARCI Migliarino che gestisce la Ludoteca Comunale in versione estiva presso l'Oasi Dunadonda cerca personale qualificato per il perido di luglio e di agosto. Gli interessati possono inviare una mail alla posta del Circolo   arcimigliarino@gmail.com. Vedi sotto.


  • ALLA CITTADINANZA DI MIGLIARINO

      04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30
    AVVISO DI ASSEMBLEA


    Il comitato A.S.B.U.C. di Migliarinoinvita tutti i cittadini della frazione a partecipare all’assemblea indetta presso la nuova sede ASBUC in via S. D’Acquisto n. 1 in Migliarino:     in prima convocazione per il giorno 30 Aprile 2018 alle ore 12.00,   in seconda convocazione per il giorno 04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30


Val di Serchio
none_a
2018/2019 fase interprovinciale.
none_a
Pappiana
none_a
Pisa Beach Soccer
none_a
Nel germoglio di un'amore
C'e' il sorriso
della vita
Ed il tremito dei sensi
Che prelude a nuovi voli

E' la
danza di una fiamma
Che accarezza .....
. . . . . . . . . . . . . . un fatto accaduto quando andavo ancora alle elementari e che ricordo ancora molto bene. . . . . . Ebbene nell'ultimo banco .....
di Renzo Moschini
Il Pd ora può rimettere mano all’ambiente

5/3/2019 - 16:19

Il Pd ora può rimettere mano all’ambiente
L’ampia fiducia a Zingaretti conferma che dal Pd ci si aspetta ora finalmente un cambio di marcia e di strada. L’ambiente è sicuramente tra gli aspetti, stando anche alle recenti dichiarazioni di Mattarella, che hanno la priorità e non solo perché importanti leggi non vengono attuate e rispettate con un ritorno allarmante dell’abusivismo, grazie anche ai condoni. Pure  altre leggi e politiche hanno pesanti effetti sull’ambiente dalle acque alla montagna, dall’agricoltura agli assetti istituzionali. Già il referendum avrebbe dovuto per i promotori ‘punire’ le regioni, del  cui ruolo si è ora tornati a discutere tra non poche polemiche. La legge Delrio con ‘l’area vasta’ (che resta un mistero), ha di fatto liquidato le province che nella programmazione anche ambientale avevano svolto un ruolo importante. Si aggiunga il forzato accorpamento dei piccoli comuni.
Il Pd a partire dal Parlamento –vedi i vari tentativi di liquidare la legge sui parchi, per fortuna non arrivati in porto- ha brillato per conformismo e latitanza come possiamo vedere anche in regioni come la Toscana che pure è stata spesso un modello di riferimento.
E di questo discuteremo il 20 marzo alla Leopolda dove spero si riesca finalmente a costituire un punto di riferimento regionale e locale. Come dimenticare, ad esempio, che in alcuni dibattiti sulle Apuane -e non solo i Parrini  di turno- si permisero di sfottere indecorosamente personalità come Asor Rosa. E come dimenticare che l’assessora Marson fu sottoposta a pressioni che lei denunciò rinunciando a qualsiasi ipotesi di conferma. E si trattò delle  Apuane dove del piano del parco si iniziò a discutere, non ricordo più quanti anni fa, con Roberto Gambino, il maggior pianificatore di parchi e aree protette. Non meno assurda la situazione pisana dove abbiamo perso il comune e abbiamo il Parco di San Rossore sotto tiro, e non solo in Versilia, dove il Pd non mette mai becco. Io cominciai con i segretari provinciali di parecchi anni fa a proporre la istituzione di un gruppo di lavoro. Niente da fare. Spero che questa sia la volta buona.
Renzo Moschini

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: