none_o


Il precedente articolo di Franco Gabbani sul Castello di Vecchiano e la Chiesa di Santa Maria ha riscontrato un successo di lettura senza precedenti, con oltre 1400 letture sulla Voce e 1000 utenti singoli che lo hanno raggiunto su Facebook nella pagina dell'Associazione.

Ovviamente non conosciamo le letture su altre pagine su cui è stato condiviso, ma questi dati indicano con chiarezza il gradimento nei confronti dei temi storici del territorio.

Interesse dimostrato anche da Agostino Agostini, che ci ha proposto alcuni argomenti correlati.

ci sarebbe da ridere.
Le ultime dichiarazioni del .....
Cantava la Caselli, è proprio il caso.
Purtroppo .....
. . . . se si dà potere a forze di destra filofasciste. .....
In 10 giorni Marco Travaglio ha guadagnato più che .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Associazione ambientalista - LA CITTÀ ECOLOGICA APS
none_a
di Umberto Mosso
none_a
di Bruno Pollacci
Direttore dell'Accademia d'Arte di Pisa
none_a
Primo Levi#Auschwitz #PrimoLevi #ebrei #campidiconcentramento #giornatadellamemoria
none_a
L'amore è amore
senza se e senza ma
Raggiungerlo
è l'aspirazione
più ambita
desiderata
sentita
a cui tende
ogni creatura. . .
pur essendo .....
BG. sono un nuovo abitante di migliarino
abito in via mazzini a meta tra il mobilificio e la chiesa . a qualsiasi ora la velocita sulla strada e'molto .....
Caf Acli Pisa e Patronato Acli.
ACLI E IIS GALILEI-PACINOTTI INSIEME PER IL LAVORO DEI GIOVANI

11/3/2019 - 18:32

ACLI E IIS GALILEI-PACINOTTI INSIEME PER IL LAVORO DEI GIOVANI
 
Prosegue il progetto di Alternanza Scuola Lavoro delle Acli Pisane con l’istituto tecnico commerciale tra formazione e affiancamento agli sportelli Caf Acli Pisa e Patronato Acli.
Il 5 marzo presentazone della ricerca IREF “Il ri(s)catto del presente” su giovani e lavoro. 
 
 
Pisa, 04 marzo 2019 - Da una recente ricerca ACLI Toscana – Iref emerge che due dei temi cruciali per la nostra Regione sono quelli dell’occupabilità dei giovani (soprattutto dei millennials) e dello sviluppo da parte di quest’ultimi di competenze spendibili sul mercato del lavoro. In soli otto anni, infatti, i disoccupati toscani nella fascia d’età compresa tra 15 e 24 anni sono più che raddoppiati, passando dal 14.6% del 2008 al 34% del 2016, segnando quindi un incremento del 132% tra i due periodi. Fanno inoltre riflettere i dati dell’Osservatorio Sociale Regionale che stima 89.000 NEET (ragazzi che non studiano né lavorano) presenti in Toscana, quasi un quinto dei 15-29enni nel 2016. Motivo principale delle mancate assunzioni di giovani è la non idoneità degli aspiranti all’impiego ai requisiti ritenuti essenziali dai datori di lavoro, diventa perciò fondamentale che il sistema educativo sia attrezzato per fornire alle nuove leve della società adeguati strumenti per affrontare il mondo del lavoro.
 
Per questo Acli Pisa grazie a Caf Acli Pisa e Patronato Acli, in collaborazione con l’I.I.S Galilei-Pacinotti hanno da tempo avviato una proficua collaborazione nella realizzazione di progetti di alternanza scuola-lavoro, offrendo la possibilità a 3 classi (3°A AFM, 3°A RIM e 4°A SIA) per un numero totale di 46 ragazzi di anni 16/17 di poter applicare quanto studiato a scuola in ambito lavorativo affiancando operatori esperti in materia.
Le attività realizzate in questi percorsi prevedono l’esercizio nella compilazione modelli 730, Unico, Isee o altre pratiche fiscali o che attengono al sistema di tutele assistenziali e previdenziali.
 
La parte pratica è preceduta da una preparazione tecnico formativa oltre a prevedere alcuni appuntamenti di formazione generale in tema di lavoro, come l’iniziativa che si è svolta lo scorso 5 marzo  con l’incontro degli studenti con il ricercatore IREF Gianfranco Zucca, autore de “Il Ri(s)scatto del presente”, in tema di Giovani e Lavoro. La ricerca, commissionata dalle Acli Nazionali, è il ritratto di una generazione nativa precaria, disposta a lavorare in deroga ai diritti tradizionali, con un’idea inedita del sindacato e delle tutele, capace in alcuni casi di aggirare le penalizzazioni subite nel mercato del lavoro. Il volume confronta il punto di vista di tre diversi gruppi di under30: i figli degli immigrati, i ragazzi che sono andati a lavorare all’estero (gli Expat) e quelli che invece sono rimasti in Italia; condizioni giovanili diverse, comunque sospese tra il ricatto della precarietà e tentativi di riscatto professionale.
 
<>
 
 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri