none_o


A Pisa quest'anno ricorre il settantacinquesimo Anniversario della Liberazione da parte delle truppe alleate (2 settembre 1944): settantacinque anni non sono ancora un tempo remoto, tuttavia è esperienza comune che molti pisani - giovani e meno giovani per non parlare di quelli “d’adozione” - sembrano aver gettato nel dimenticatoio collettivo le memorie dei loro nonni.

Arpat Toscana
none_a
Migliarino
none_a
Pubblica Assistenza Migliarino
none_a
Sistena Nazionale per la Protezione dell'Ambiente
none_a
. . . . Sarvini e Dimaiol, compreso la senatrice Taverna .....
Purtroppo, tutto quello che serve a screditare l'avversario .....
. . . . . . . . . . . nell'immediato dopoguerra a .....
Dispiace vedere che la Voce pubblichi commenti imbecilli .....
Pisa Libreria Feltrinelli 29 marzo
none_a
Cinema Lumiere
none_a
Pisa, Presentazione del libro
none_a
Il Fortino,Marina di Pisa,23 marzo
none_a
Pontasserchio, 22 marzo
none_a
Vecchiano 29 marzo
Progetto Libri
none_a
Calci, 23 marzo
none_a
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Partite Pisa A.C.

    Si avvertono i Soci che il Circolo trasmetterà in chiaro tutte le  partite dell'Associazione Calcio Pisa, sia in casa che in trasferta. Prossima partita Piacenza-Pisa domenica 30 settembre. 


  • Circolo ARCI Migliarino

      Cercasi operatori

    Il  Circolo ARCI Migliarino che gestisce la Ludoteca Comunale in versione estiva presso l'Oasi Dunadonda cerca personale qualificato per il perido di luglio e di agosto. Gli interessati possono inviare una mail alla posta del Circolo   arcimigliarino@gmail.com. Vedi sotto.


  • ALLA CITTADINANZA DI MIGLIARINO

      04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30
    AVVISO DI ASSEMBLEA


    Il comitato A.S.B.U.C. di Migliarinoinvita tutti i cittadini della frazione a partecipare all’assemblea indetta presso la nuova sede ASBUC in via S. D’Acquisto n. 1 in Migliarino:     in prima convocazione per il giorno 30 Aprile 2018 alle ore 12.00,   in seconda convocazione per il giorno 04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30


Val di Serchio
none_a
2018/2019 fase interprovinciale.
none_a
Pappiana
none_a
Pisa Beach Soccer
none_a
Nel germoglio di un'amore
C'e' il sorriso
della vita
Ed il tremito dei sensi
Che prelude a nuovi voli

E' la
danza di una fiamma
Che accarezza .....
. . . . . . . . . . . . . . un fatto accaduto quando andavo ancora alle elementari e che ricordo ancora molto bene. . . . . . Ebbene nell'ultimo banco .....
A Lucca una mostra per disimparare il razzismo

13/3/2019 - 15:49


         A Lucca una mostra per disimparare il razzismo


MA CHE RAZZA DI RAZZA! PRATICAMENTE DIVERSI
A Lucca presentazione della mostra per le scuole per disimparare il razzismo
 
Una mostra sul razzismo, per disimparare il concetto che l’umanità possa essere divisa in razze. È il progetto di Unicoop Firenze dedicato agli studenti, ma aperto anche agli adulti, che è stato presentato questa mattina a Lucca con una conferenza stampa a cui hanno partecipato Ilaria Maria Vietina, assessora del Comune di Lucca con delega a politiche formative, politiche di genere e continuità della memoria storica ed Elisabetta Bruni, responsabile proposte educative Unicoop Firenze.
Il progetto, che rientra nelle proposte educative di Unicoop Firenze, è partito negli scorsi giorni e proseguirà fino al 19 marzo. Coinvolge 29 classi da tutta la Toscana, di cui 23 classi delle scuole secondarie di primo grado e 6 delle scuole secondarie di secondo grado per un totale di 627 ragazzi.
Le proposte educative di Unicoop Firenze sono percorsi che la cooperativa offre a alunni e studenti della Toscana, per sostenere nei più giovani modalità per sviluppare al meglio un’autonomia e un metodo per affrontare in maniera critica e consapevole le sfide della complessità.
Ma che razza di razza! Praticamente diversi è un percorso che parte dalla constatazione che la razza, pur essendo un falso dato scientifico, continua ad essere un concetto sociale a cui viene dato un significato discriminante. Nasce così la mostra interattiva ed itinerante, che si propone come strumento per disimparare il razzismo.
La mostra affronta i molteplici aspetti del razzismo da un punto di vista culturale e cognitivo, in un viaggio fra stereotipi e pregiudizi che giustificano la discriminazione e l’esclusione, che vengono mano a mano messi in discussione.

Attraverso giochi ed attività, ai ragazzi vengono proposti strumenti cognitivi per comprendere i meccanismi dei pregiudizi e degli stereotipi di tipo razzista, fino ad essere messi in grado di provare le condizioni di “profughi di un ordine economico ingiusto”, riprendendo la definizione di Alexander Langer.
La mostra comprende due percorsi. Il primo è Viaggio tra i pregiudizi, una simulazione in cui i ragazzi si ritroveranno migranti, ad affrontare tutti i problemi e le difficoltà di chi viene da lontano in un percorso empatico che permetterà loro di comprendere in modo immediato le condizioni e gli stati d’animo di quelli che noi definiamo genericamente gli altri.  Il secondo è Laboratorio di idee,  che parte dall’immaginario dei ragazzi sulla razza ed il razzismo per stimolare la riflessione e lo sviluppo di capacità critiche indispensabili per individuare le forme dissimulate di discriminazione presenti nel quotidiano.
“I temi dell’accoglienza e dell’inclusività vengono costantemente affrontati dalle proposte educative e la mostra e i laboratori di “Ma che razza di razza!” vanno in questa direzione. La modalità è sempre quella di offrire spunti di riflessione e prospettive alternative sulle tematiche con cui le nuove generazioni si confrontano quotidianamente”

 afferma Elisabetta Bruni, responsabile proposte educative Unicoop Firenze.


In allegato una immagine della mostra. 














Fonte: Serena Wiedenstritt Comunicazione Istituzionale Unicoop Firenze
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: