none_o


In questo nuovo articolo di Franco Gabbani viene trattato un argomento basilare per la società dell'epoca, la crescita culturale della popolazione e dei lavoratori, destinati nella stragrande maggioranza ad un completo analfabetismo, e, anzi, il progresso culturale, peraltro ancora a livelli infinitesimali, era totalmente avversato dalle classi governanti e abbienti, per le quali la popolazione delle campagne era destinata esclusivamente ai lavori agricoli, ed inoltre la cultura era vista come strumento rivoluzionario. 

. . . altrimenti in Italia tutto il potere centrale .....
Sei fuori tema. Ma sappiamo per chi parli. . .
. . . non so se sono in tema; ma però partito vuol .....
Quelle sono opinioni contrastanti, il sale della democrazia, .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
Nei tuoi occhi languidi
profondi, lucenti
piccolo mio
inestimabile tesoro
vedo il futuro
il tuo
il presente
quello del tuo babbo
il passato
quello .....
Nel paese di Pontasserchio la circolazione è definita "centro abitato", quindi ci sono i 50km/ h max

Da dopo la Conad ci sono ancora i 50km/ h fino .....
A Lucca una mostra per disimparare il razzismo

13/3/2019 - 15:49


         A Lucca una mostra per disimparare il razzismo


MA CHE RAZZA DI RAZZA! PRATICAMENTE DIVERSI
A Lucca presentazione della mostra per le scuole per disimparare il razzismo
 
Una mostra sul razzismo, per disimparare il concetto che l’umanità possa essere divisa in razze. È il progetto di Unicoop Firenze dedicato agli studenti, ma aperto anche agli adulti, che è stato presentato questa mattina a Lucca con una conferenza stampa a cui hanno partecipato Ilaria Maria Vietina, assessora del Comune di Lucca con delega a politiche formative, politiche di genere e continuità della memoria storica ed Elisabetta Bruni, responsabile proposte educative Unicoop Firenze.
Il progetto, che rientra nelle proposte educative di Unicoop Firenze, è partito negli scorsi giorni e proseguirà fino al 19 marzo. Coinvolge 29 classi da tutta la Toscana, di cui 23 classi delle scuole secondarie di primo grado e 6 delle scuole secondarie di secondo grado per un totale di 627 ragazzi.
Le proposte educative di Unicoop Firenze sono percorsi che la cooperativa offre a alunni e studenti della Toscana, per sostenere nei più giovani modalità per sviluppare al meglio un’autonomia e un metodo per affrontare in maniera critica e consapevole le sfide della complessità.
Ma che razza di razza! Praticamente diversi è un percorso che parte dalla constatazione che la razza, pur essendo un falso dato scientifico, continua ad essere un concetto sociale a cui viene dato un significato discriminante. Nasce così la mostra interattiva ed itinerante, che si propone come strumento per disimparare il razzismo.
La mostra affronta i molteplici aspetti del razzismo da un punto di vista culturale e cognitivo, in un viaggio fra stereotipi e pregiudizi che giustificano la discriminazione e l’esclusione, che vengono mano a mano messi in discussione.

Attraverso giochi ed attività, ai ragazzi vengono proposti strumenti cognitivi per comprendere i meccanismi dei pregiudizi e degli stereotipi di tipo razzista, fino ad essere messi in grado di provare le condizioni di “profughi di un ordine economico ingiusto”, riprendendo la definizione di Alexander Langer.
La mostra comprende due percorsi. Il primo è Viaggio tra i pregiudizi, una simulazione in cui i ragazzi si ritroveranno migranti, ad affrontare tutti i problemi e le difficoltà di chi viene da lontano in un percorso empatico che permetterà loro di comprendere in modo immediato le condizioni e gli stati d’animo di quelli che noi definiamo genericamente gli altri.  Il secondo è Laboratorio di idee,  che parte dall’immaginario dei ragazzi sulla razza ed il razzismo per stimolare la riflessione e lo sviluppo di capacità critiche indispensabili per individuare le forme dissimulate di discriminazione presenti nel quotidiano.
“I temi dell’accoglienza e dell’inclusività vengono costantemente affrontati dalle proposte educative e la mostra e i laboratori di “Ma che razza di razza!” vanno in questa direzione. La modalità è sempre quella di offrire spunti di riflessione e prospettive alternative sulle tematiche con cui le nuove generazioni si confrontano quotidianamente”

 afferma Elisabetta Bruni, responsabile proposte educative Unicoop Firenze.


In allegato una immagine della mostra. 














Fonte: Serena Wiedenstritt Comunicazione Istituzionale Unicoop Firenze
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri