none_o


Mi è capitato di leggere su FB un post di Massimo Cerri sulla situazione del lago di Massaciuccoli. Una specie di lettera del lago stesso che rievoca i bei tempi passati quando questo posto era zona di caccia, di pesca e di svago per tutti i vecchianesi. Altri post a commento confermano questa visione dell’abbandono di questo luogo ricordando, con una vena nostalgica, gli anni in cui non vi era nessun tipo di vincolo.

Massimiliano Angori Sindaco
none_a
Massimiliano Angori Sindaco
none_a
Massimiliano Angori Sindaco
none_a
caro Ultimo, mai affermare di essere sicuri di qualcosa!. .....
. . . . . . . . . . . . non ricordo male si chiamava .....
. . . . . . . . . . . . . Einstein, non sono Newton, .....
Mi fa piacere che si ricordino persone che non sono .....
Rafforzare il legame caccia-agricoltura
none_a
CascinaOltre
none_a
Per Forza Italia: Roberto Sbragia
none_a
Vincenzo Marini Recchia
none_a
di Giancarlo Lunardi
none_a
“colpa di privatizzazione e ‘monocoltura’ balneare”
none_a
MATTEO SALVINI INCORONA ELENA MEINI
none_a
Maria Antonietta Scognamiglio
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
CULTURA E SPETTACOLO a cura di Giulia Baglini
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Appello di Frei Betto
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Nuova apertura


    Il Consiglio di Circolo Arci Migliarino è lieto di annunciare ai propri Soci la riapertura dei locali che avverrà il giorno 1 agosto con orario dalle ore 19 alla mezzanotte. Sabato e domenica compresi. L'orario potrà variare in caso di eventi. Informazioni su iniziative sulla pagina FB del Circolo.


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


#VecchianoSport #Calcio
none_a
di Marlo Puccetti
none_a
FC FORNACETTE CASAROSA
none_a
Dai monti al mare
none_a
nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Segnalo il degrado/ pericolo del campanile della chiesa di Migliarino Pisano. Andrebbe, perlomeno, messo in sicurezza.
di Antonello Zauri‎
LA FINE DI MATTEO SALVINI

21/3/2019 - 7:40

LA FINE DI MATTEO SALVINI

 

Il voto di oggi ha conclamato la fine di Matteo Salvini. Giuridicamente si è salvato dal processo per aver sequestrato, su suolo italiano, profughi di guerra e di fame, profughi che scappavano dalle torture e donne violentate con i figli in braccio che chiedevano un porto aperto. Ma umanamente Matteo Salvini, con il voto di oggi, si è autodistrutto.

Può darsi che il peggior Ministro degli Interni di sempre governi per altri vent'anni, mi auguro di no però è possibile. Nessuno però lo potrà più salvare dal giudizio della Storia.

La Storia non perdona, e quando quelli che lo acclamano oggi con la bava alla bocca si dissolveranno alla venuta di qualcuno di nuovo, a quel punto sull'orrido uomo che cantava "senti che puzza, scappano i cani, stanno arrivando i napoletani", resterà solo il giudizio impietoso della Storia. E sarà più o meno questo: Matteo Salvini, salito al potere tramite campagne elettorali pagate (anche) con i 49 milioni di euro che il suo partito ha fatto sparire, ha poi consolidato il suo potere umiliando i più deboli, i diseredati, le ultime ruote del carro sociale. La Storia ricorderà Matteo Salvini come un vile che saliva sulla ruspa per abbattere le baracche di chi non sapeva dove altro dormire, ma poi un giorno si fece salvare da un processo per sequestro di persona da gente pagata diecimila euro al mese.

Esattamente l'ignobile fine storica di Silvio Berlusconi, al potere per vent'anni e ancora attaccato all'osso, ma che dalla Storia verrà ricordato principalmente per essere stato un puttaniere ricco che evadeva le tasse e una volta assunse uno stalliere mafioso. 

In fondo alleato da sempre con quello che oggi si è fatto salvare dal processo a suo carico.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




21/3/2019 - 18:45

AUTORE:
senefaameno

se la storia tu la scrivessi te...altro che storia...come quando la storia la scriveva la pravda...una verità assoluta di sto c..zo

21/3/2019 - 18:13

AUTORE:
Giustino

...mi hai offeso chiamandomi bischero!
No! ho detto la verità, siei bischero davvero...sappilo!

21/3/2019 - 18:04

AUTORE:
Asdrubale

Caro Annibale, dovresti provare a interloquire scrivendo, piuttosto che richiedere una censura improbabile.
La Democrazia si regge anche sulle opinioni, mentre quello che scrivi rende di più l'idea e gli ideali di quel regime che alcuni a destra rimpiangono.
Se hai letto delle falsità, prova a sforzarti con la tastiera, e fai un bell'elenco... non ci sono falsità? E allora leggi e rileggi... e poi passa oltre.

21/3/2019 - 11:11

AUTORE:
ANNIBALE

E' difficile capire qual'é l'intento della redazione della Voce del Serchio nel pubblicare questo articolo di Antonello Zauri.
Ci si indigna per due poliziotti ad un gazebo della lega riportando ossessivamente le dichiarazioni di una esponente del PD e poi si continuano a pubblicare articoli che, a mio parere, non sono degni di alcuna attenzione ed anzi possono aizzare alcuni facinorosi ad atti violenti nei confronti dei sostenitori di Salvini. Accettare di riportare frasi come bava alla bocca, orrido uomo, vile, non credo che qualifichi positivamente un giornale che invece di contribuire a stemperare atteggiamenti estremamente aggressivi sembra compiacersi di gettare benzina sul fuoco, per fini politici. Se vi sono testate che privilegiano questi scribacchini credo che sarebbe un segno di grande intelligenza e di estrema sensibilità prenderne le distanze.
Ma forse è chiedere troppo ad un giornale che chiaramente pende, come la Torre, a sinistra.
Spero di non dover leggere più articoli di tale grettezza sulla VdS, anche se immagino già la risposta di qualche redattore : il giornale è nostro, ci pubblichiamo ciò che ci pare, se non ti sta bene non leggerlo.
Viva la democrazia!!!!!!!