none_o

Se sul campo la guerra continua con le solite nefandezze sui nostri media nazionali appare sbiadita, superata da altri e più urgenti problemi, vecchi come il Covid e nuovi come la recente crisi politica. Oramai è un sottofondo e tranne per il pericolo Zaporizhzhia i nuovi morti e le nuove devastazioni attirano sempre meno l’attenzione dei media nazionali. Come i media anche la nostra psiche si adatta.

Angori Massimiliano
none_a
Massimiliano Angori
none_a
Massimiliano Angori
none_a
. . . era da pubblicare la presa per i fondelli fatta .....
Uno degli scambi di post più interessanti degli ultimi .....
Essere candidati non vuol dire essere eletti. Quest'anno .....
CHE VUOL DIRE: BRAVO BRUNO!
. . . . . . . . . . . .....


"Fra gli alberi" Opera pittorica di Patrizia Falconetti

di Matteo Renzi (a cura di BB, red VdS)
none_a
di Umberto Mosso (a cura di BB, red VdS)
none_a
di Renzo Moschini (a cura di Bruno Baglini, red VdS)
none_a
di Renato Brunetta ministro
none_a
Coordinamento regionale Forza Italia Toscana
none_a
Incontrati per caso…
di Valdo Mori
none_a
POSTE ITALIANE
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Io, Medico (dr. Pardini e altri)
none_a
Vicopisano
none_a
"Cinema Sotto le Stelle" a Calci
none_a
BUTI
none_a
ANIMALI CELESTI
teatro d’arte civile
none_a
COMITATO PER LA DIFESA DI COLTANO (PARCO MSRM)
none_a
Capita che ci si perde in tempi lontani, dove niente fiorisce spontaneamente.
Ma la vita vive lo stesso
In zone diverse, con ritmi diversi.
Avevo .....
ASSEMBLEA PUBBLICA ASBUC DEL 21 LUGLIO 2022
Ricordiamo che il 21 Luglio 2022 alle ore 20, 30 presso la Sala Consiliare del Comune di Vecchiano, sita .....
Confcommercio: “Mettono in ginocchio un distretto economico, ricorriamo ai legali”
Lugnano – Il Prefetto dice no al ponte alternativo!

27/3/2019 - 14:03

Lugnano – Il Prefetto dice no al ponte alternativo!
Confcommercio: “Mettono in ginocchio un distretto economico, ricorriamo ai legali”
 
Il 2 aprile convocata una nuova assemblea degli imprenditori
Pisa, 27 marzo 2019 - Ponte alternativo, è fumata nera. Il prefetto di Pisa ha respinto il progetto presentato da ConfcommercioPisa, dando di fatto via libera ai lavori di chiusura del ponte di Lugnano, così come già programmati dalla provincia di Pisa, lavori che prevedono almeno 14 settimane solo di chiusura totale.
“Una decisione inattesa e incomprensibile, che ci lascia sgomenti e che metterà in ginocchio l'economia di questo territorio” – denuncia risoluto il direttore Pieragnoli, a capo di una delegazione all'incontro in Prefettura, svoltosi martedì 26 marzo, che comprendeva il presidente dei commercianti di Lugnano Luigi Cecchi, il referente Luca Favilli, la rappresentante del direttivo Rachele Moretti: “il prefetto si è opposto al ponte alternativo, scartandolo a priori, per questo dovrà assumere la responsabilità di una decisione che inevitabilmente avrà ricadute molto negative sul lavoro di tanti imprenditori e lavoratori. Da parte nostra, come associazione, ci rivolgeremo prontamente ai nostri legali e chiameremo in causa prefetto e provincia su tutti i danni che ci saranno a partire dalla sua chiusura definitiva”.
“E comunque sia” – insiste Pieragnoli - “sicurezza per sicurezza, richiamiamo ad una ulteriore responsabilità il prefetto Castaldo e la provincia di Pisa, qualora il ponte della Botte, che versa in condizioni analoghe, dovesse peggiorare la propria tenuta, perché ulteriormente gravato del traffico dirottato da Lugnano, saranno loro gli unici responsabili”.
“Sin dall'inizio abbiamo detto che la sicurezza era la priorità, così come una priorità è la tenuta di un intero comparto economico che produce oltre 210 milioni di euro di fatturato e da lavoro a più di mille persone” - prosegue il manager di Confcommercio: “Tutto questo, evidentemente, per il prefetto, ovvero il massimo rappresentante governativo sul territorio, non conta proprio nulla! Per noi e per le imprese che rappresentiamo è un fatto di una gravità assoluta, considerando ancora che grazie all'impegno economico assunto dai comuni di Vicopisano e Cascina, oltre al risparmio della stessa Provincia di Pisa, avevamo quasi raggiunto il budget necessario per realizzare il ponte alternativo”.
Pieragnoli stigmatizza infine la posizione assunta dalla rappresentante dell'altra associazione nel corso del vertice in Prefettura: “E' stata a dir poco scandalosa. In quella che era una partita delicatissima e decisiva per centinaia di imprese, l'unica cosa che è riuscita a dire è stato di chiedere con quale sistema avevamo calcolato i 70 milioni di euro di perdita. Se questa è la rappresentanza degli interessi imprenditoriali portata avanti dall'altra associazione, allora meglio il nulla”.
Per condividere un piano di azione comune, Confcommercio ha indetto per Martedì 2 aprile, con inizio alle ore 14, una assemblea delle imprese, presso il Ristodancing Luna Verde nella zona industriale di Lugnano, via Masaccio 14-24 Vicopisano.
 
 
 
 


Fonte: Alessio Giovarruscio Comunicazione & Stampa Confcommercio Provincia di Pisa
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri