none_o

 
 
 

Una conversazione con il filosofo Sebastiano Maffettone riscritta in forma di lettera. Il Coronavirus ha aumentato la consapevolezza della nostra fragilità. L’idea della vulnerabilità e della morte dell’intera umanità è distruttiva, ma può farci recuperare l’idea che siamo esseri umani che appartengono alla stessa specie.

Ultimo. . . sei il meglio! Poi mi domando come fa un .....
. . . . . . . . . . . . Noi siamo velli di BONA UGO .....
COMUNICATO STAMPA FORUM TOSCANO
REGIONE TOSCANA. .....
Mettetevela la mascherina, magari esteticamente ci .....
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
CULTURA E SPETTACOLO a cura di Giulia Baglini
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Appello di Frei Betto
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Nuova apertura


    Il Consiglio di Circolo Arci Migliarino è lieto di annunciare ai propri Soci la riapertura dei locali che avverrà il giorno 1 agosto con orario dalle ore 19 alla mezzanotte. Sabato e domenica compresi. L'orario potrà variare in caso di eventi. Informazioni su iniziative sulla pagina FB del Circolo.


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


#VecchianoSport #Calcio
none_a
di Marlo Puccetti
none_a
FC FORNACETTE CASAROSA
none_a
Dai monti al mare
none_a
nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Segnalo il degrado/ pericolo del campanile della chiesa di Migliarino Pisano. Andrebbe, perlomeno, messo in sicurezza.
San Giuliano Terme
La sinistra si unisce

9/4/2019 - 15:14


Stiamo vivendo una situazione politica e sociale molto difficile con un regresso dei valori e dei principi che consideravamo consolidati nella nostra società.
Gli accadimenti di violenza ed intolleranza di questi giorni sono il segnale ancora più evidente del decadimento politico molto forte che porta fomentare una guerra tra poveri pur di nascondere le responsabilità politiche di chi ha contribuito, negli ultimi anni, a portare avanti una politica di profonda divisione e diseguaglianza nel nostro paese così come a livello internazionale.
La retorica del "prima gli italiani" è l’evidente segnale di debolezza ed irresponsabilità di chi governa perché individua nel diverso la causa delle difficoltà che oggi milioni di cittadini si trovano ad affrontare, nascondendo così le vere responsabilità di chi ci ha portato in questa situazione.
Ad una situazione politica e sociale di questa portata, se davvero vogliamo invertire la tendenza per far tornare i cittadini ad essere protagonisti del loro futuro, la SINISTRA non può che dare una risposta alta che sappia mettere insieme persone e proposte per un futuro migliore.
Unirsi oggi, a sinistra, significa tornare a pretendere di sovvertire lo stato di cose presenti in chiave sociale, in nome e per conto di chi non ha voce e di chi purtroppo con la crisi é stato privato di tutto, certezze comprese. 
Unirsi significa assunzione di responsabilità verso chi si intende rappresentare, significa far prevalere il senso collettivo invece dell’interesse particolare, significa sapersi mettere al servizio delle idee, significa avere coscienza della appartenenza ad una comunità e non alla autoreferenziale. 
Solo cosi torniamo ad essere compresi da chi vogliamo rappresentare.
Questo è il senso politico che ha permesso alla sinistra di San Giuliano di avviare un percorso unitario con l'impegno e l'auspicio di ricostituire quella connessione sentimentale coi nostri cittadini per una proposta di cambiamento che vede il suo primo mattone nella aggregazione in "Sinistra Unita per un'altra San Giuliano" di spazi, idee ed organizzazioni.
Inoltre, con l’unità della coalizione di centro sinistra per le prossime elezioni amministrative, é stato posto un altro importante tassello.
Ma se vogliamo guardare al futuro dobbiamo costruire un percorso che sappia andare oltre la scadenza elettorale.
Avere raggiunto una unità nella coalizione é una condizione necessaria ma non sufficiente per determinare il cambiamento proprio perché le cose che vengono condivise in un programma di legislatura poi debbono essere attuate. Per questa ragione una Sinistra Unita , investita della forza elettorale del proprio popolo e delle classi che aspira a rappresentare, è una condizione basilare. La forza alla sinistra nella coalizione di centro sinistra
La proposta che portiamo ai cittadini di una coalizione unitaria, ma soprattutto di una maggiore unità a sinistra, uno dei rari esempi nel panorama regionale e nazionale dove a prevalere sono le divisioni, ci permetterà di intercettare il grido di dolore, le preoccupazioni che vengono dalla società e da cui potremo costruire un'alternativa a quelle proposte che stanno dando populisti e sovranisti di oggi.
Fare questo significa costruire una proposta politica alta sulla quale valga la pena di spendersi e di lottare per un comune più attento ai bisogni, più geloso della propria storia e delle proprie tradizioni, un comune attento al territorio e che osteggia le predazioni del capitale e del mattone. Un comune più umano, un comune più trasparente. 
Questo è quello che vogliamo fare attraverso la "Sinistra Unita per un'altra San Giuliano" .



 

 
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




10/4/2019 - 17:40

AUTORE:
Cittadino di San Giuliano

Quindi la Sinistra non si doveva unire? Non doveva coalizzarsi con il centro-sinistra?
Dunque San Giuliano deve andare alla Lega per Salvini?
Così non si "tradiscono" gli elettori di sinistra?

10/4/2019 - 12:58

AUTORE:
Lettore della VdS

....di cui "un Fabio" si autogongola davanti al suo pc è sintomo di chi si auto/annienta con il bla-bla in politichese.
Poi magari non contento e/o per farsi notare e far credere di essere in "dimolti" ri/interverrà con altro nome di fantasia.
La cattiveria insita delle minoranze infime si esprime così!
Alle volte quell'istinto li è stato più o meno nobile.
I cannoni spostati dal duce per far vedere a quel matto di Hitler che l'Italia fascista ne possedeva un fottio (di cannoni) e faceva il paio con chi sparava un colpo in trincea, poi si spostava di poco e ne sparava ancora ed ancora x far vedere che erin tanti.
Allo stato attuale i piddini (come li chiamate voartri in modo dispregiativo) sono: da 1 (uno) de vostri a 20 (venti di loro).
Sul web che è una piazza virtuale basta che 1 (uno) intervenga ripetutamente contro i 20 che vivaddio han da fare anche e soprattutto altre cose e...il polverone sollevato sembra che sommerga le buone ragioni; ma siccome non siamo ancora dominati dalla democrazia diretta (dalla Casaleggio Associati) e quindi le ragioni democratiche si son viste e si vedranno alla conta dei pippoli (seggi con presidente vero, scrutatori veri e voti veri) ed il dividi et impera si è visto per la prima volta in Liguria con la "povera" Paita innocente e massacrata dalle fake, dal Cofferati coglione che ha dato la vittoria al Toti di FI.
Poi è stata tutta una discesa e..
Nel mondo libero, i comunisti resistono sono dietro il filo spinato teso da Kim Jon un e...nel cuore dell'ultimo giapponesino/a bagnaiolo/a.

10/4/2019 - 12:14

AUTORE:
Un Fabio

Il mi povero nonno mi diceva sempre che anche le signorine che lavorano sul marciapiede hanno una funzione pubblica importante. Scaricano sessualmente le tensione dei repressi, aiutano i separati a sfogare i propri istinti, aiutano gli anziani a sentirsi per qualche istante un po' più giovani. Come argutamente scrive l'elettore di centrosinistra pur di contare di più di una beata m... è bene rinunciare a tutti i propri ideali politici, diventare una signorina di marciapiede, l'unica cosa che conta è avere la poltroncina che è espressione di potere, e Vecchiano ne è un fulgido esempio in negativo e purtroppo anche San Giuliano sembra indirizzata sulla stessa strada.
Forse finalmente si è capito che quel genere di individui che a livello locale e centrale hanno operato per ottenere questi privilegi devono essere mandati a casa. Il PD rinunciando a quel minimo di dignità che gli era rimasta, come un arca di Noè, ormai mezza affondata, imbarca tutto e più di tutto, senza provare il minimo di vergogna. Contenti voi, contenti tutti. Ho personalmente dubbi sulla contentezza dei sangiulianesi.

10/4/2019 - 10:35

AUTORE:
Elettore di centrosinistra

...che guardando verso Vecchiano la sinistra comunista sangiulianese nota che: Lara Biondi di RC ed il suo partito han "salvato" Vecchiano dai "sovranisti novi" e visto cosa stanno combinando i loro colleghi al governo della Nazione; RC ha fatto bene ad unirsi (come sempre) alla sinistra di IPV (Insieme Per Vecchiano) e che avere un assessorato importante espresso da RC è più utile che stare all'opposizione e...bada bene che avere un seggio quando si perdono le elezioni è più difficile, quindi Lara Biondi se dava retta alla cittadina di la dal Serchio, ora non contava una beata m...
Ed il "limbo" autoimposto 20 anni fa ai comunisti di SGT, dopo una generazione metà di loro son nuovi e non sanno neppure il motivo di quella baggianata fatta da ambo le parti per quel libercolo da presentare in un luogo sbagliato.

10/4/2019 - 10:18

AUTORE:
Cittadina di San Giuliano

Significa rinnegare quanto fatto sino ad oggi nei banchi dell'opposizione.
Significa tradire chi vi ha votato
Significa dare un colpo di spugna a tutti gli ideali personali e sposare quelli di un PD che con esiste più e cosa più grave ripartire da un Sindaco che ha fatto più danni della grandine.

Sinistra Unita ha solo paura del vento che cambia ma la Sinistra non cambia.