none_o


Bellissimo scritto il precedente, anche se (visione solo mia personale) ci vedo un po’ di politica nella penna.

C’è in paese uno scrittore, sì certo, politico anche lui, ma che insieme alla fede sinistra dà la mano destra al volontariato e insieme cuore e tempo e fatica e impegno:

Nedo Masoni.

Renzi ha fatto il furbo ma i furbi non fanno mai gli .....
Il saggio Andreotti diceva: “ Il potere logora chi .....
Sono contento che Renzi abbia fondato un nuovo partito. .....
Non mi sono mai sognato di voler attaccare personalmente .....
Intervista a Matteo Renzi
none_a
RICCARDO MAINI sempre Residente a MdA
none_a
di GIUSEPPE TURANI
none_a
di Renzo Moschini
none_a
Vecchiano 5 Stelle
www.vecchianoa5stelle.it
none_a
Governo Conte
none_a
"Guarisce da solo, anche ascoltando Iglesias".
none_a
LILIANA SEGRE, 89 anni oggi.
none_a
“Io lo vedo così”
none_a
Associazione La Voce del Serchio
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Solidarietà
none_a
Pisa, 21 settembre
none_a
Marina di Pisa
none_a
Calci
none_a
ASBUC Migliarino 21 settembre
none_a
Circolo Arci Filettole
none_a
San Giuliano Terme, 15 settembre
none_a
Cioccolato
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
  • AD ACCOGLIERE GLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI CALCI MOLTI SPAZI, AULE E GIARDINI RINNOVATI

      Suona la campanella

    Mancano tre giorni all’inizio della scuola e lunedì prossimo la campanella suonerà per i tanti alunni calcesani che potranno contare su aule, spazi comuni e giardini rinnovati e più sicuri...


di Bruno Pollacci
none_a
Parco di San Rossore, 14 settembre
none_a
Polisportiva Sangiulianese
none_a
Pappiana
none_a
Il Lonfo non vaterca né gluisce
e molto raramente barigatta,
ma quando soffia il bego a bisce bisce,
sdilenca un poco e gnagio s'archipatta.
È .....
Vendo FB FB johnson 5CV buone condizioni, bicilindrico, 2 tempi, gambo corto, elica 3 pale, anni 90, marcia avanti e indietro, serbatoio esterno .....
di Renzo Moschini
none_a
di Renzo Moschini
none_a
di Renzo Moschini
none_a
di Renzo Moschini
COME RIPARTIRE CON I PARCHI

12/4/2019 - 17:59

                COME RIPARTIRE CON I PARCHI


Negli ultimi mesi con il ministro Costa è ripresa una qualche attenzione e riflessione anche sui parchi. Nelle ultime settimane però il contesto si è improvvisamente  ingarbugliato portando alla ribalta situazioni sulle quali sono in corso polemiche anche inaspettate che rischiano appunto di complicare scelte e decisioni non più rinviabili. Si è partiti con il concerto di Jovanotti sulle Dolomiti che è subito approdato anche sulle spiagge della Versilia.
A inasprire le polemiche non solo con Messener ha contribuito anche il WWF che lo ha appoggiato e sostenuto e che ora sta cercando di uscire dai guai specie dopo la proposta di nominare la sua presidente Donatella Bianchi alla presidenza del Parco delle 5 Terre da tempo orfano.

Il compleanno dell’amico Franco Pedrotti è stata così anche una occasione oltre che per omaggiare il caro maestro per riproporre concezioni, tradizioni ed esperienze che hanno segnato il difficile percorso delle nostre aree protette. E l’aggravante è costituita proprio dalle situazioni oggi a rischio che riguardano lo Stelvio, le Dolomiti bellunesi, il Gran Paradiso, le zone terremotate, il Po. A cui va aggiunto l’Abruzzo dove la speculazione tiene sotto tiro mafioso il nostro parco storico, ma anche la Liguria che sta discutendo la sua legge regionale come aveva già tentato  il parlamento con la 394, per vedere come peggiorarla e penalizzare i suoi parchi regionali come quello di Montemarcello-Magra. Non parliamo degli 8000 Km di coste, del Santuario dei cetacei, delle aree protette marine dopo la bella  cura di Ronchi. Abbiamo avuto modo di parlarne recentemente con il libro dedicato a Bino Li Calzi perché ci sono cose che è bene non dimenticare specie di questi tempi.
Insomma oggi grazie anche ai concerti in programma tocchiamo con mano cosa ha significato per i nostri parchi avere rifiutato un appuntamento nazionale in cui istituzioni, ambientalismo, ricerca scientifica intorno allo stesso tavolo avrebbero dovuto e potuto finalmente mettere a punto una politica nazionale per i parchi senza più pretesti e scuse. Insomma per mettere sotto torchio non la legge ma i ritardi e le inadempienze politico gestionale. E’ questo anche l’argomento che come Gruppo di San Rossore abbiamo criticamente discusso a Pisa fine marzo. Discussione che vorremmo poter discutere anche con il ministero, le regioni, gli enti locali, le associazioni ambientaliste e ovviamente con i parchi e le altre aree protette.

Fonte: Renzo Moschini
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: