none_o

Riprendiamo con piacere la ricerca di storie e leggende del nostro territorio. Dopo Villa Alta e Ripafratta, approfondiamo questa volta i misteri dei fantasmi della Villa di Corliano.Sono numerose le ipotesi sui fenomeni paranormali che si manifesterebbero a Corliano; la  leggenda più conosciuta è quella del fantasma di Teresa Scolastica della Seta Gaetani Bocca che, secondo tradizione, si manifesterebbe solo nelle notti di luna piena...

Arpat Toscana
none_a
Alma Pisarum choir
none_a
Convocazione Assemblea ordinaria Soci
none_a
ARCI Migliarino-Sabato 18
none_a
Quando si mostra un simbolo, sia religioso che laico, .....
mostrare un rosario che la falce e il martello
Vorrei sottoporre all'attenzione dei lettori di questo .....
Ma perché un fate una bacheca e ci schiodate dentro .....
Uno sguardo dal Serchio
none_a
POSTE ITALIANE: a poste vita il PREMIO GOVERNANCE
di capital finance
none_a
A cura di Maini Riccardo
none_a
Libri ed altro
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Convocazione Assemblea Soci

    Ilo Circolo comunica che l' Assemblea ordinaria viene indetta in prima convocazione il 6 giugno ore 21,30, in seconda convocazioneil giorno 7 giugno alle ore 21,00 presso il Circolo Arci, via Mazzini 35.

    1) Relazione del Presidente

    2) Rendiconto annuale 2018

    Tutti i Soci sono invitati a partecipare.


  • Circolo ARCI Migliarino

      Partite Pisa A.C.

    Si avvertono i Soci che il Circolo trasmetterà in chiaro tutte le  partite dell'Associazione Calcio Pisa, sia in casa che in trasferta. Prossima partita Piacenza-Pisa domenica 30 settembre. 


  • ALLA CITTADINANZA DI MIGLIARINO

      04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30
    AVVISO DI ASSEMBLEA


    Il comitato A.S.B.U.C. di Migliarinoinvita tutti i cittadini della frazione a partecipare all’assemblea indetta presso la nuova sede ASBUC in via S. D’Acquisto n. 1 in Migliarino:     in prima convocazione per il giorno 30 Aprile 2018 alle ore 12.00,   in seconda convocazione per il giorno 04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30


Nel germoglio di un'amore
C'e' il sorriso
della vita
Ed il tremito dei sensi
Che prelude a nuovi voli

E' la
danza di una fiamma
Che accarezza .....
Per una grande unità antifascista in Italia e in Europa

Mai come oggi dal dopoguerra si presenta in Italia e in Europa un così agguerrito e composito .....
di Renzo Moschini
none_a
Dal 24 al 26 maggio
none_a
di Renzo Moschini
none_a
di ERNESTO TROTTA
II POTERE DELL'EQUIVOCO

15/4/2019 - 20:54

II POTERE DELL'EQUIVOCO


Non si può essere partito di lotta e al tempo stesso partito di governo. Non si può lottare contro la casta e essere casta. 

Vi ricordate il “partito di lotta e di governo”?
Bizzarra ed immaginifica allocuzione: è andata di moda molti anni fa e, malgrado il passare del tempo, mantiene a tutt’oggi un fascino indiscutibile, tant’è che “a volte ritorna”, come gli zombie di Stephen King.
Lotta e governo, insieme, c’è tutto, la quadratura del cerchio, la pietra filosofale, il moto perpetuo, l’alchimia, gli estremi che si toccano, il “gelo che ti dà foco”, l’alfa e l’omega, si lotta e si governa.
Che brividi di soddisfazione!
Non so chi sia stato l’autore di un così affascinante e sintetico ossimoro: ricordo che si usava per il PCI del compromesso storico, s’è usato nell’Ulivo e nella mitica Unione di Prodi (bei tempi, professore, altro che “partito dei ricchi”, eravamo “di lotta e di governo”!), però è adatto anche oggi alle contorsioni politiche di Lega e 5stelle, che ambiscono a giocare tutte le parti in commedia (ultrà e questurino, centro sociale e centro di potere, giudice e avvocato, …); tutte le volte insomma che mancano le idee, che manca la determinazione, e allora ci provo ma non so se insisto, mi impegno senza compromettermi troppo.
Ha un suo fascino, non c’è dubbio, proprio come le grandi illusioni appena ricordate.
Purtroppo, la suggestione è alta ma le conseguenze a volte possono essere drammatiche, e anche comiche.
Ministri che partecipano al Consiglio la mattina e il pomeriggio manifestano in piazza contro il Governo, oppure potenti che attizzano il malcontento, dimenticando che sarebbe loro compito contrastarlo e smorzarlo, oppure che maledicono la casta essendo casta essi stessi; partiti che vorrebbero stare dappertutto ed in realtà oscillano senza progetti tra la voglia di rappresentare, anche sobillare, la protesta e la necessità di mettere davvero le mani nei meccanismi del potere, che come si sa è roba pericolosa.
Voglia di opposizione, libera e creativa, mentre ti tocca governare, con tanto di responsabilità, sai che palle!
In realtà è infantilismo allo stato puro.
La democrazia è un sistema duale: o stai al governo o stai all’opposizione; o sei maggioranza o sei minoranza. Tutto insieme non si può e soprattutto non si deve. Altrimenti è consociativismo, ovvero un’allegra ammuina dove nessuno si prende la responsabilità di nulla e tutti possono tenere i piedi in tutte le scarpe che vogliono. Basterebbe solo non lamentarsi che nulla cambia e che tutto va come al solito …! È però una tentazione irresistibile: troppo comodo è criticare e troppo faticoso invece è gestire una realtà spesso scomoda, fastidiosa, anche maleodorante.
Un partito politico, in forza della Costituzione è uno strumento per “per concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale” (art. 49). Determinare, non influenzare, e nemmeno condizionare.
Se ti fa schifo governare non sei un partito, sei un’associazione qualsiasi; se vuoi solo cavalcare la protesta, prendi atto che al Governo ci sono altri, che fanno quello che LORO ritengono opportuno.
Se invece vuoi cambiare il mondo, devi fartene una ragione: devi prenderti la responsabilità di governare, e prima ancora devi diventare maggioranza, almeno relativa (a seconda dei sistemi elettorali).
Scorciatoie non ce n’è.
O mendichi qualche briciola con il consociativismo, o ti rassegni a non contare nulla, imbozzolato in una minoranza tanto rigorosa quanto inconcludente, o ti attrezzi per convincere tanta gente che sei più capace degli altri e che hai più idee e migliori progetti.
Però la tentazione è forte, sia a sinistra che a destra, con la differenza che a destra sono sufficientemente cinici e spregiudicati da non porsi tanti problemi e sfruttare l’equivoco, finché dura; a sinistra invece ci facciamo del male, perché qualcuno ci crede davvero e va allegramente incontro ai disastri che abbiamo visto più volte. Né lotta né governo: solo malanimo e irrilevanza.
Sarebbe ora di crescere e accettare una volta per tutte che il potere comporta responsabilità di scelta, capacità di mediare, generosità, anche fantasia, per andare avanti, e non nostalgia del tempo in cui i mulini erano bianchi e le bandiere erano rosse.

Fonte: ERNESTO TROTTA
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: