none_o

 
Si chiama Tappeto del mondo ed è il frutto del lavoro di tantissime donne che hanno aderito all'iniziativa dell'associazione i Colori della Pace di Stazzema, ovvero realizzare un tappeto coloratissimo. 

Si!
Certo che la mossa del cavallo di Enzo Rametti, .....
qualcuno sara' indottrinato ma lei e vicino al sacerdozio .....
Proibito ogni contraddittorio . Viva la demokrazia. .....
Il mio professore di filosofia ci diceva che l'ignoranza .....
Solidarietà
none_a
Incontrati per caso…
di Valdo Mori
none_a
"Io lo vedo così"
none_a
Incontrati per caso…
di Valdo Mori
none_a
Il Lonfo non vaterca né gluisce
e molto raramente barigatta,
ma quando soffia il bego a bisce bisce,
sdilenca un poco e gnagio s'archipatta.
È .....
CERCHIAMO UN TRATTORISTA CON ESPERIENZA ALLA GUIDA DELLE PRINCIPALI MACCHINE AGRICOLE.
AZIENDA AGRICOLA TENUTA ISOLA

DISPONIBILITA' FULL TIME
San Giuliano Terme
Cavalcaferrovia di Ripafratta, Anas ha già deciso di demolirlo, come da progetto nel Poc approvato

23/4/2019 - 13:29

Cavalcaferrovia di Ripafratta, Anas ha già deciso di demolirlo e c’è un progetto nel Poc approvato dal Consiglio comunale
 
Di Maio: “La destra che è al governo chieda piuttosto i soldi per il ponte di Ripafratta”
 
Il cavalcavia di Ripafratta sopra la linea ferroviaria Pisa-Lucca sarà abbattuto.

 

È quanto deciso da Anas, proprietaria dell’infrastruttura ormai in disuso e negli scorsi giorni tornata al centro delle cronache.

 

“Vale quanto già detto in passato: Anas ci ha confermato questa volontà in una nota dello scorso dicembre – fa sapere il sindaco di San Giuliano Terme Sergio Di Maio –. Ma seguiamo la vicenda da tempo e conosciamo le procedure da portare avanti con gli enti interessati, spesso più di uno.

Qui entra in gioco la conoscenza dell’amministrazione, che sta in equilibrio tra la conoscenza dei problemi e la consapevolezza che ci vuole tempo e impegno costante per risolverli, lavoro spesso svolto sottotraccia e in silenzio. In altre parole: cultura di governo.
Il candidato della destra dice di aver già interessato esponenti del governo. Ci farebbe piacere sapere chi. Insomma, che si impegni anche per il ponte di Ripafratta, che è aperto solo grazie a noi sindaci”.
 
“Poteva anche chiedere ai propri rappresentanti in consiglio comunale – spiega Iacopo Cambi, portavoce dalla coalizione di sinistra e centrosinistra – perché gli avrebbero potuto dire che da molto prima, all'interno del Poc, è stato proposto e approvato un progetto che prevede non solo l'abbattimento di quel ponte ma anche degli altri tre consecutivi (sul Brennero, sul fiume Ozzeri e di quello di collegamento). Tutto questo fa parte di un progetto di riqualificazione viaria e ambientale di tutta la parte nord della frazione.

Un progetto che permetterà di liberare il centro di Ripafratta dal passaggio a livello e le conseguenze che esso porta; superare le criticità del ponte sul Serchio in uso e, non meno importante, con la rimozione della sopraelevata, la riqualificazione ambientale della zona di Farneta.
Un progetto importante ambizioso e che deve vedere molte istituzioni pubbliche attive e coinvolte.

Si prodighi in questo senso, il candidato della destra, se gli riesce e se vuole esser utile a Ripafratta”.















 



 

   

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: