none_o

Gioia e picconate, abbracci e idranti, sbarre che si alzano e fiumane di vessati che sfociano nella libertà, l'euforico stordimento prodotto dall'onda d'urto del treno della Storia quando passa sferragliando e fischiando così sonoramente da rendere impossibile non accorgersene: la notte della caduta del Muro di Berlino, 30 anni fa, fu tutto questo e definirla 'storica' è quasi riduttivo. Era il 9 novembre del 1989. ..

Circolo ARCI Migliarino
none_a
Sezione Soci Coop Valdiserchio-Versilia
none_a
PUBBLICA ASSISTENZA S.R. PISA
none_a
Pubblica Assistenza Migliarino
none_a
Nella primavera del 2008 Rifondazione comunista, Partito .....
L’attuale deriva della crisi di sistema paese, .....
. . . . . . . . . . . ha avuto un enorme potenziale .....
Faccio ammenda volevo scrivere Cascina , ma non mi .....
Incontrati per caso
di Valdo Mori
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Cosa fare per evitare i fastidi causati dall'acaro autunnale
none_a
Incontrati per caso
di Valdo Mori
none_a
Parrocchia di Migliarino.
none_a
FIAB di Pisa.
none_a
Casanova di Terricciola, 9 novembre
none_a
Pisa, 30 novembre
none_a
Pisa, 7 novembre
none_a
Da Zero a Mille.
none_a
Circolo Il Fortino-Marina di Pisa
none_a
Lucca Comics & Games.
none_a
Val di Serchio
none_a
Val di Serchio
none_a
Cs campionato petanque
none_a
Situazione delle squadre della Val di Serchio
none_a
Il Lonfo non vaterca né gluisce
e molto raramente barigatta,
ma quando soffia il bego a bisce bisce,
sdilenca un poco e gnagio s'archipatta.
È .....
"Così a Dio piacque,
l'uovo da cielo cadde
e la gallina nacque!"
Pappiana
Andrea Moretti saluta i suoi tifosi

3/5/2019 - 17:52


Il Pappiana ha vinto la sua ultima partita casalinga del campionato di seconda categoria.

Come era scritto sulle locandine che per tutto l’anno hanno pubblicizzato le partite interne, la squadra ha salutato i propri tifosi.  

Ha   superato   per   2   a   0   il   Quiesa-Massaciuccoli.  

Questa   la   formazione 

Adriano   Cateni   portiere, capitano   Jari   Giuliacci,   vice   cap   Francesco   Danese,   Andrea    Grazzini,   Andrea   Bianco,   LeonardoFrascarelli,Cosimo   Andreotti,   Tommy   Vivaldi,   Antonio   Di   Bianco,   Diego   De   Cicco,   Tommaso Lelli,Simone Bargagna.Il capitano Jari Giuliacci, il veterano della squadra sa ben nascondere quando gioca di avere superato la soglia dei quarant’anni, è sempre un riferimento per i suoi compagni di gioco e un aiuto determinante anche negli allenamenti settimanali.

A 44 anni ha testa e gambe per dare ancora un suo valido contributo alle finalità che si sono imposti i vertici della società.
Nonostante  la   rosa  dei  giocatori   sia  stata   falcidiata  da   infortuni   e  giornate   di  squalifica   in  alcuni  casi eccessive, basti pensare alle cinque giornate inflitte a Luca Pacini, ridotte a quattro, per uno scontro con un calciatore avversario del San Giuliano che non è nemmeno uscito dal campo, continuando a giocare,  senza nessun certificato postumo che attestasse la gravità dell’atto.

Questa situazione precaria diventatapermanente per tutto il campionato ha penalizzato la squadra limitandone gli obiettivi prefissati a iniziocampionato.  

Le due reti una per tempo  sono state realizzate da Antonio Di Bianco e Diego De Ciccoormai conosciuti come i gemelli del gol.

Alla fine è stato salutato il Mister della squadra rossoblu Andrea Moretti che nella sua ultima partita sulcampo di Pappiana è stato applaudito dai presenti all’incontro.

Moretti lascerà definitivamente la società con l’ultima trasferta con l’Atletico Lucca di domenica prossima.

 

Nonostante il tentativo della società edel   suo   Presidente   Renzo   Gaspari   di   cercare   di   trattenerlo,   Moretti   ha   ritenuto   la   sua   decisione irrevocabile.

Nella cena di venerdì scorso che la società aveva offerto alla squadra Andrea Papini uno dei dirigenti aveva avuto parole di ammirazione verso l’allenatore tentando l’ultima carta per dissuaderlo.

Un allenatore   che   non   sarà   facile   rimpiazzare.  

Ha   portato   il   Pappiana   a   vincere   il   campionato   di   terza categoria per poi seguirlo in seconda con soddisfacenti risultati.

La virtù che ha caratterizzato Andrea,permetterà questa confidenza di chiamarlo per nome, è stata l’umanità che ha intriso il rapporto con i suoigiocatori.

Ogni volta che si arrabbiava con i suoi ragazzi era perché pretendeva di più da loro consapevoleche   potevano   dare   di   più.   I   suoi   richiami   sono   stati   anche   preziosi   insegnamenti   di   cui   farannosicuramente tesoro.

E’ giusto che ambisca a nuovi traguardi, se lo merita.

 

 Marlo Puccetti 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: