none_o

Ho assistito ad una interessante conversazione riguardo al problema della manifestazione novax del 20 giugno scorso. Qualche offesa è passata, qualche frase di troppo a mio giudizio è scappata ma certo è difficile esimersi dal classificare e definire una tale sconsiderata presa di posizione. L’articolo di giornale che riporta il fatto va giù duro e titola “La vittoria degli imbecilli: il 41% degli italiani non vuole vaccinarsi contro il Covid 19”.

Landini sono circa 10 anni che lo propone, sul modello .....
. . . come da proposta renziana:
l'elezione di un .....
. . . . . con i suoi riferimenti verso Berlinguer .....
Sono stati fatti tanti studi e molti convegni sulle .....
Bruno Pollacci
Direttore dell'Accademia d'Arte di Pisa
none_a
Di Guido Solvestri
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Incontrati per caso..
di Valdo Mori
none_a
Convention Bureau di Firenze
none_a
Molina di Quosa, 11 luglio
none_a
Tirrenia, 12 luglio
none_a
Maigret sulle Mura
none_a
Tirrenia
none_a
Pisa, 9 luglio
none_a
Pontasserchio, 10 luglio
none_a
Molina di Quosa, 11 luglio
none_a
  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


  • Circolo ARCI MIgliarino

      Chiusura del Circolo

    Il Circolo ARCI Migliarino comunica ai propri soci che il bar resterà chiuso dalla data odierna (10.3) fino al 3 di aprile 2020. La riapertura sarà condizionata dalle disposizioni successive riguardo alla diffusione della malattia in ambito nazionale.


FC FORNACETTE CASAROSA
none_a
Dai monti al mare
none_a
camp estivi
none_a
di Marlo Puccetti
none_a
nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Segnalo il degrado/ pericolo del campanile della chiesa di Migliarino Pisano. Andrebbe, perlomeno, messo in sicurezza.
AVIS, CRI, FRATRES e Pubblica Assistenza
Emergenza sangue.

3/5/2019 - 19:40


Emergenza sangue: appello a tutti i donatori e cittadini.

Emergenza sangue nella nostra città!

In queste ultime settimane il nostro ospedale e il sistema sanitario regionale sta patendo una importante carenza di donazioni di sangue che mette a dura prova la sua piena operatività e funzionalità. Da tempo nella nostra regione ed anche nella nostra zona vi è una costante diminuzione del numero di donazioni nonostante l’impegno senza sosta delle Associazioni di Volontariato che operano nel settore della donazione di sangue (AVIS, CRI,FRATRES e Pubblica Assistenza) e del Centro Trasfusionale per accrescere la cultura della donazione e sensibilizzare soprattutto nei più giovani. Lo scopo è anche quello di poter, per quanto possibile, organizzare e programmare le donazioni per avere adeguate disponibilità di sangue intero, plasma e piastrine per garantire l’effettuazione degli interventi chirurgici programmati, dei trapianti di organi e delle trasfusioni. Far fronte inoltre ai bisogni di alcune particolari tipologie di pazienti come ad esempio quelli oncologici e oncoematologici utilizzando al meglio le scorte di ogni singola tipologia. Donare sangue è semplice, sicuro e non nuoce alla salute del donatore. Per farlo è sufficiente recarsi presso il Centro Trasfusionale del nostro ospedale di Cisanello, nella prima visita verrà fatto un primo prelievo di sangue ed un colloquio con un medico trasfusionista che verificherà l’idoneità alla donazione; dopo alcuni giorni se non emergeranno problematiche la persona potrà fare la sua prima donazione recandosi nuovamente presso il CentroTrasfusionale e auspicabilmente continuare poi con regolarità la sua opera di donazione. Tutti questi passaggi verranno resi più semplici e veloci se le persone, potenziali e future donatrici e donatori, si rivolgeranno ad una delle Associazioni sopra menzionate, che attraverso l’apposita applicazione “AgenDona” potranno provvedere direttamente a prenotare la data e l’orario della prima visita e delle successive donazioni ottimizzando l’accesso dei donatori al Centro Trasfusionale. Per questo CRI, FRATRES e Pubblica Assistenza di Pisa rispondono all'appello del Centro Trasfusionale di Cisanello - aggiungendosi a quanto già fatto nei giorni scorsi da AVIS - invitando a gran voce tutti i propri donatori attivi ad andare a donare per evitare il blocco di alcune attività nel nostro ospedale e come in occasione anche di recenti emergenze di protezione civile e simili fanno appello alle coscienze di tutti i cittadini che sono in buona salute e che hanno tra i 18 ed i 65 anni affinché avviino il percorso per divenire donatori. Antonio Cerrai di CRI, Mirella Giannessi di Fratres e Daniele Vannozzi di Pubblica Assistenza ricordano che il Centro Trasfusionale rimarrà aperto anche domenica 5 maggio 2019 dalle ore 8 alle ore 11 e che è possibile contattare:

CRI Pisa Via Panfilo Castaldi, 256121 OSPEDALETTO (Pisa)Tel. 050 983575   http://www.cripisa.it

FRATRES Pisa, via Cisanello 4 Telefono 366 3664344 – 345 1734633 E- mail: donatorisanguefratres.pi@tin.it – gruppopisa@fratres.eu

Pubblica Assistenza S.R. Pisa Via Italo Bargagna, 2 56124 Pisa Telefono 800 500580 Email: donatorisangue@papisa.it http://www.papisa.it

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




4/5/2019 - 9:31

AUTORE:
Donatore avis

Sono donatore avis da più di 20 anni e negli ultimi anni ho riscontrato un notevole peggioramento dei tempi di attesa per la donazione. La sala prelievi è piena di poltrone vuote mentre fuori i donatori aspettano anche più di un'ora perché gli operatori sono 2-3 e, nonostante cerchino di fare il possibile, non possono certo fare miracoli.
Ho sentito più di qualche donatore dire che avrebbe provato in altri ospedali o addirittura smesso.
Forse è anche per questo che le donazioni a Cisanello sono in calo