none_o

 
 
 

Una conversazione con il filosofo Sebastiano Maffettone riscritta in forma di lettera. Il Coronavirus ha aumentato la consapevolezza della nostra fragilità. L’idea della vulnerabilità e della morte dell’intera umanità è distruttiva, ma può farci recuperare l’idea che siamo esseri umani che appartengono alla stessa specie.

Massimiliano Angori Sindaco
none_a
Massimiliano Angori Sindaco
none_a
Angori Sindaco-Questa mattina un evento tragico a Marina di Vecchiano
none_a
Notizie dal Comune
none_a
Mettetevela la mascherina, magari esteticamente ci .....
Il negazionismo di alcuni politici è assimilabile .....
. . . . . . . . . . . . . per interesse fazioso o .....
A parte che in questo momento le cuffie sono uno strumento .....
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
CULTURA E SPETTACOLO a cura di Giulia Baglini
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Appello di Frei Betto
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Nuova apertura


    Il Consiglio di Circolo Arci Migliarino è lieto di annunciare ai propri Soci la riapertura dei locali che avverrà il giorno 1 agosto con orario dalle ore 19 alla mezzanotte. Sabato e domenica compresi. L'orario potrà variare in caso di eventi. Informazioni su iniziative sulla pagina FB del Circolo.


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


#VecchianoSport #Calcio
none_a
di Marlo Puccetti
none_a
FC FORNACETTE CASAROSA
none_a
Dai monti al mare
none_a
nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Segnalo il degrado/ pericolo del campanile della chiesa di Migliarino Pisano. Andrebbe, perlomeno, messo in sicurezza.
San Giuliano Terme, 17 maggio
Sesto appuntamento del festival MusikArte
Il primo violino della Scala Francesco Manara a Villa di Corliano

12/5/2019 - 16:24



Venerdi 17 Maggio alle ore 21, in occasione del sesto appuntamento del Festival Musicale Internazionale 2019, l'edizione più entusiasmante di sempre, ci sarà l'incontro con il primo violino dell’Orchestra del Teatro alla Scala di Milano, il violinista Francesco Manara, che si esibirà nella splendido Salone della  Villa di Corliano.


Ad organizzare il Festival le associazioni Fanny Mendelssohn, Dimore Storiche Italiane, La Voce del Serchio e Rossi Stewart di Abano Terme.
La realizzazione di questo concerto è stata resa possibile anche grazie al sostegno e contributo del Comune di San Giuliano Terme.

In cartellone un programma di grande spessore in cui spiccano la Partita in Re minore di J.S Bach e alcuni Capricci di Paganini.
Francesco Manara è laureato nei più importanti Concorsi (“Joachim” di Hannover, “Spohr” di Friburgo, ARD di Monaco, “Cajkovskij” di Mosca, “Paganini” di Genova) e, nel 1993, vince il Primo Premio al prestigioso Concorso Internazionale di Ginevra.

La sua carriera solistica che lo vede esibirsi in sale come il Teatro alla Scala di Milano, la Carnegie Hall di New York, il Mozarteum di Salisburgo, la Sala Cajkovskij di Mosca e con un centinaio di orchestre tra cui l’Orchestra della Suisse Romande, i Bayerische Runfunk, i la Tokyo Symphony, la Sinfonica Nazionale della RAI e, in più occasioni, la Filarmonica della Scala.

Nel 1998 ha debuttato al Lincoln Center di New York con il Concerto op. 61 di Beethoven e nel 2011 è stato invitato dalla Royal Philarmonic Orchestra per suonare a Londra il Concerto di Cajkovskij.
Nel 1992 è scelto da Riccardo Muti come primo violino solista dell’Orchestra del Teatro alla Scala, ruolo nel quale è stato invitato a suonare anche con l’Accademia di Santa Cecilia, la Bayerische Staatsoper di Monaco di Baviera e la Royal Concertgebouw Orchestra di Amsterdam, collaborando così con celebri direttori tra cui Abbado, Barenboim, Chailly, , Giulini, Harding, Maazel, Masur, Metha, Ozawa, Pappano, Prêtre, Rostropovich, Sinopoli e Temirkanov.
Intensa l’attività discografica dove spicca l’incisione con la Filarmonica della Scala diretta da Muti della Sinfonia Concertante di Mozart con il violista Danilo Rossi (Sony) e quella con i Cameristi della Scala delle 8 Stagioni di Vivaldi e Piazzolla (Musicom).
Suona un violino Giovanbattista Guadagnini del 1773.

Dopo il concerto degustazione offerta dall’Osteria all’Ussero.

Il Festival ha il patrocinio della Regione Toscana, della Provincia di Pisa della Camera di Commercio e Confcommercio di Pisa e dei Comuni di  San Giuliano Terme , Pisa, Calci e Vicopisano
Ha inoltre il contributo della Fondazione di Pisa, Unicoop Firenze e Mercatopoli di Pisa e Banca Popolare di Lajatico.


Per informazioni e prenotazioni contattare l’Associazione Fanny Mendelssohn.


Biglietto intero 18 Euro, Ridotto (soci Unicoop) 15 Euro.
Si consiglia di prenotare visto il numero limitato dei posti

Per informazioni (cell. 347 6371189 - 347 8509620)

e-mail: associazionefanny@gmail.com

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




18/5/2019 - 11:14

AUTORE:
Marion

Quello di ieri sera è stato l'ottavo appuntamento...passa sempre troppo presto il tempo! soprattutto quando la serata è così piacevolmente ricca.
La permanenza in villa è stata ottima, il salone egregiamente affrescato è stato onorato di accogliere un artista di tanta fama e talento e la platea così tanto assorta ed estasiata da sbalordire lo stesso protagonista.
Il silenzio, magico, ha dato i suoi frutti infatti il violinista ci ha premiati aggiungendo altri brani graditissimi al programma.