none_o

Con l’introduzione dei mini bond, comincia a chiarirsi la strategia economica della lega per il futuro del paese.
L’Idea è quella di liquidare i crediti di imposta con titoli di credito, senza scadenza e interessi, invece che in valuta reale, cioè appioppare ai creditori, carta straccia, al posto del dovuto, in pratica trasferendo il debito dallo stato ai privati...

Migliarino
none_a
Arpat Toscana
none_a
Pubblica Assistenza Migliarino
none_a
Arpat Toscana
none_a
Le ragazze della squadra azzurra, ai mondiali in Francia, .....
Nel disegno dell'architetto Donati commissionato dalla .....
Sulla pista ciclabile aggiungo che finisce nel nulla, .....
Pisa, 21 giugno
none_a
San Giuliano Terme, 30 giugno
none_a
Pisa, 19 giugno
none_a
Tirrenia, 17 giugno
none_a
Prossima gita in bici della Fiab
none_a
Pontasserchio
none_a
Libero Culto
none_a
ARCI Migliarino- 15 giugno
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Convocazione Assemblea Soci

    Ilo Circolo comunica che l' Assemblea ordinaria viene indetta in prima convocazione il 6 giugno ore 21,30, in seconda convocazioneil giorno 7 giugno alle ore 21,00 presso il Circolo Arci, via Mazzini 35.

    1) Relazione del Presidente

    2) Rendiconto annuale 2018

    Tutti i Soci sono invitati a partecipare.


  • Circolo ARCI Migliarino

      Partite Pisa A.C.

    Si avvertono i Soci che il Circolo trasmetterà in chiaro tutte le  partite dell'Associazione Calcio Pisa, sia in casa che in trasferta. Prossima partita Piacenza-Pisa domenica 30 settembre. 


  • ALLA CITTADINANZA DI MIGLIARINO

      04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30
    AVVISO DI ASSEMBLEA


    Il comitato A.S.B.U.C. di Migliarinoinvita tutti i cittadini della frazione a partecipare all’assemblea indetta presso la nuova sede ASBUC in via S. D’Acquisto n. 1 in Migliarino:     in prima convocazione per il giorno 30 Aprile 2018 alle ore 12.00,   in seconda convocazione per il giorno 04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30


Il c.t. Bertolini: "Difesa top"
none_a
Val di Serchio
none_a
«Come fa a essere italiana?»
none_a
Trofeo di S. Ubaldo di Petanque
none_a
Il Lonfo non vaterca né gluisce
e molto raramente barigatta,
ma quando soffia il bego a bisce bisce,
sdilenca un poco e gnagio s'archipatta.
È .....
CERCHIAMO UN TRATTORISTA CON ESPERIENZA ALLA GUIDA DELLE PRINCIPALI MACCHINE AGRICOLE.
AZIENDA AGRICOLA TENUTA ISOLA

DISPONIBILITA' FULL TIME
di Renzo Moschini
none_a
di Renzo Moschini
none_a
di Renzo Moschini
none_a
Renzi: "Alle politiche un nuovo centrosinistra"
Il trionfatore del 2014: "Alle Europee sostengo il Pd, poi ci si dovrà riorganizzare"

22/5/2019 - 9:22


Renzi: "Alle politiche un nuovo centrosinistra"

Il trionfatore del 2014: "Alle Europee sostengo il Pd, poi ci si dovrà riorganizzare"

Roma, 22 maggio 2019 - La prima domanda che faccio a Matteo Renzi è la più banale che si possa fare. Ma solo apparentemente, visto che lui è stato il trionfatore delle ultime elezioni europee e ora, queste prossime, le guarda stando in tribuna.

Senatore, come sta?
"Molto bene. La verità vera è che la qualità della mia vita è migliorata. Viaggio molto all’estero. Sto con la famiglia. Mi preparo alla maratona. Quanto alla politica, sono in pace con me stesso. Faccio il senatore, mi occupo del mio territorio. E quello che abbiamo fatto negli anni scorsi, soprattutto in materia economica, resta. E poi, paradossalmente, la cialtronaggine di chi ha preso il nostro posto fa capire a tutti la differenza tra loro e noi. Poi sono molto contento di dare una mano ai nostri sindaci, a cominciare dal mio amico Dario Nardella a Firenze: sono sicuro che avrà un risultato eccezionale".
Insomma lei vuol dirmi che aveva torto Andreotti a dire che il potere logora chi non ce l’ha?
"Mai mi permetterei di contraddire Andreotti, oltretutto nel centenario della nascita. Un giorno, quando ero presidente della Provincia di Firenze, venne a trovarmi. Guardò la poltrona del mio ufficio e mi chiese: ‘E questa di chi è?’. ‘È mia’, risposi. E lui: ‘Le do un consiglio: non la lasci mai’. Battute a parte, mi creda: io sto molto bene. Non sono certo di poter dire la stessa cosa per gli italiani, che invece secondo me stanno peggio di prima".
Insomma vuol farmi credere che non soffre la lontananza dal potere?
"‘Potere’ per me non è un sostantivo, è un verbo. È poter fare le cose. È poter servire il Paese. Ora è il tempo di altri, pensano loro al Paese".
Detto così, sembra che si affidi a chi sta governando adesso...
"Ovvio che no. Stanno distruggendo l’economia. Dico solo che adesso tocca a loro. Poi vedremo".
Ma come si spiega il passaggio dal trionfo alle Europee del 2014 alla situazione di oggi? In soli cinque anni...
"Dobbiamo abituarci a rovesci improvvisi, la politica di oggi è così. Al tempo della prima Repubblica, ad ogni elezione i partiti registravano scostamenti del 2-3 per cento. Oggi i capovolgimenti sono frequenti. Il 40,8 per cento del Pd del 2014 resterà nella storia, solo De Gasperi e poi Fanfani nel 1958 hanno fatto di meglio. E noi abbiamo ‘usato’ quei voti per far uscire l’Italia dalla recessione. Poi, il ricambio è fisiologico".
Anche Salvini arriverà al 40 per cento?
"Non credo proprio. Resterà molto lontano. Quanto a noi, i cicli si aprono e si chiudono. Vale per le squadre di calcio, vale per i grandi allenatori, vale anche per la politica. Ma penso che sia vicino il tempo in cui noi torneremo a vincere".
Ha detto due volte ‘noi’. Ma ‘noi’ chi? Che cosa intende per ‘noi’?
"Bella domanda".
Provi a rispondere.
"Allora. Il nostro Pd era un partito del 40 per cento. Lo è stato dalla vittoria alle Europee fino alla sconfitta al referendum. Che si vincesse o che si perdesse, si era comunque al 40 per cento. E credo che una parte – sottolineo: una parte – delle ragioni della sconfitta sia dovuta al fuoco amico della sinistra. Hanno fatto la guerra al Matteo sbagliato. E pur di riprendersi la ‘ditta’ e far fuori me, hanno consegnato il Paese alla destra più estrema e sovranista".
Non le è ancora andata giù, vero, questa storia del fuoco amico?
"È vero il contrario: sono un senatore del Pd e sto facendo campagna elettorale per il Pd. La nostra lealtà è fuori discussione. Ma è evidente che prima delle prossime politiche – non dopo le Europee: prima delle politiche – occorra riorganizzarsi. Bisogna guardare a un centro sinistra moderato, perché la nostra storia e tutto il mondo insegnano che le elezioni noi le vinciamo al centro, non a sinistra. Negli USA si vince con Biden, non con Sanders. Nel Regno Unito con Blair, non con Corbyn. E potrei fare molti altri esempi. Ma questo è un tema che ci porremo più avanti, quando sarà il momento".
Pensa insomma che un giorno si andrà oltre il Pd?
"Questa è una discussione che deve aprire Zingaretti. Da parte nostra il segretario ha avuto la massima collaborazione. L’unico fuoco amico contro Zingaretti è arrivato da sgangherate proposte dei suoi collaboratori più stretti, tipo aumentare gli stipendi dei parlamentari...".
Non le sembra che ci sia un fermento, insomma un movimento che spinge per un’alleanza Pd-M5S?
"C’è questa tentazione da parte di una corrente culturale nella società e di qualche aspirante ministro all’interno del Pd. Ma un’alleanza con i Cinque Stelle sarebbe una sciagura. Sarebbe la rivendicazione dell’incompetenza come sistema, come metodo, come valore. La Castelli che spiega l’economia a Padoan, Toninelli che spiega come si fanno i tunnel, Di Battista che parla di politica estera. E noi dovremmo allearci con questa gente?".
Lega e M5S quanto durano insieme?
"Mah. Mi lasci dire che trovo imbarazzante l’atteggiamento di Conte. È il principale responsabile dello sfascio politico istituzionale. Un governo dove si litiga sui decreti e si va avanti a colpi di selfie anche su dossier impegnativi come quello libico. E Conte che fa? Nulla. Sembra non abbia carattere. Per questo piace all’establishment : meglio uno che non ha carattere piuttosto che quelli col caratteraccio".
Non le piace proprio Conte?
"No. E peraltro ha detto una cosa enorme rivendicando di non essere né garantista né giustizialista. Ma si rende conto dell’accostamento? Il garantismo è un principio costituzionale, il giustizialismo è una malattia che porta all’odio e alla costruzione dei colpevoli a prescindere. Mi domando come abbia fatto uno così a insegnare diritto, a vincere il concorso da professore. Anzi, non me lo domando, sappiamo bene come è andata".
Che cosa succede secondo lei subito dopo le Europee?
"Secondo me niente. In questo governo dei selfie faranno finta di fare la pace. Il dramma verrà a ottobre, quando dovranno fare la legge di bilancio".
Non durano cinque anni?
"Ma va’! Alla prossima legge di bilancio vanno a sbattere. Soprattutto vanno a sbattere gli italiani. Già adesso vogliono togliere gli 80 euro. Il prossimo passo sarà aumentare l’IVA".
Ma come hanno fatto Di Maio e Salvini a convincere gli italiani, se secondo lei sono così incapaci?
"Hanno usato i social in modo spregiudicato e al di fuori da ogni regola etica. Affermo che Salvini ha speso una parte dei suoi 49 milioni sottratti agli italiani per costruire la sua macchina del consenso: perché non mi querela? E a Di Maio chiedo: ha mai creato finti profili sui social? Come mai sono nati migliaia di profili finti in tre ore – ad esempio – per chiedere l’impeachment di Mattarella? Ci vorrebbe una commissione parlamentare di inchiesta a tutela della libera informazione".
Se loro hanno vinto, sarà però anche perché Renzi ha sbagliato qualcosa. Ad esempio quel mostrarsi antipatico.
"Sì, ho fatto degli errori, come può succedere quando si prova a rivoluzionare un Paese. È evidente che nel mio operato non tutto ha funzionato. Prendo quegli errori come una lezione. Un bravo allenatore deve dire: ‘Io non perdo mai. O vinco, o imparo qualcosa’. Ma ho cercato il bene dell’Italia. E continuerò a farlo anche adesso dall’opposizione".



Fonte: MICHELE BRAMBILLA
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




24/5/2019 - 13:30

AUTORE:
sette tuo

il pd è del 2007. poi se lei pensa di fare delle supercazzole per buttarla in corner faccia pure tendendo ad accusare gente che ha preso degli zevirgola alle ultime elezioni contro milioni di voti persi come segretario e premier allora è segno che non c'è rimedio. mi auguro che nel pd non ragionino tutti così perché avrei piacere di rivotarlo visto che ci ho creduto. bona. Berlinguer citato in un post del genere mi fa tenerezza per lei. bona.

24/5/2019 - 13:24

AUTORE:
Enzo Rametti

.....dicendo bugie e inquinando la campagna con le fake news. Dovevano rivoluzionare tutto e tre anni dopo il Paese è fermo, in crisi, senza futuro. Puoi vincere un referendum con le menzogne ma poi il conto lo paga soprattutto la povera gente. Naturalmente sto parlando del Regno Unito #May

24/5/2019 - 13:09

AUTORE:
BdB

....fu raggiunto nel 2001 icon il 17% quando Matteo Renzi 'ndava a scola; poi Veltroni riportò il mio/suo partito al 34% quindi al doppio in percentuale ma non bastò perchè il fratello di Paolo Berlusconi ebbe il 38%.
Ergo da qui al 3.000 (tremila) avverranno anche altri cambiamenti ar seguro come dighino a Luca.

Se posso aggiungere: il cambiamento in peggio l'ho determinato anch'io con il mio voto primario per Bersani e per Giovanni detto Gianni Cuperlo e non per Matteo Renzi che inizialmente non conoscevo.
Se tanti "torsoli" come me che votarono due brocchi, avessero votato subito il cavallo di razza Renzo Mattei, non avremmo avuto il governo Monti accettato e sostenuto da Bersani perchè non volle andare al voto dopo la caduta disastrosa del governo Berlusconi-Fini-Salvini perchè il Bersani disse: non voglio vincere per governare sulle rovine di Berlusconi.
Con il senno di poi con Enzo Rametti avremmo vinto alla grande come per le Europee passate.

Salvini e Di Maio han votato NO alle riforme costituzionali di Napolitano-Maria Elena Boschi-Matteo Renzi; insieme a Bertinotti, Furfaro, Brunetta, Meloni, Bersani e...tanti sig. roba da chiodi che ancora non capiscono una cippa di quel che succede e succederà nella loro ciottolina quando vedranno aboliti i vantaggi per i lavoratori estesi dal Governo Renzi/Alfano.
No tassa sulla mia casa fatta con estremi sacrifici negli anni che soffrivo fame di un po di tutto, 960 euro in meno di tasse al mì figliolo, pensione non decurtata, canone RAI diminuito, 1 milione di posti di lavoro in più, 7 miliardi investiti nella scuola, non aver subito attentati per aver investito 1 euro in sicurezza e 1 in istruzione;il REI ed altri vantaggi per chi ne aveva diritto e bisogno.

Poi io purtroppo l'ho scoperto tardi il genio politico e lo statista racchiuso in quella "figura" facillerrima da prendere in giro, non era ed è serioso come un Enrico Berlinguer ma...meno "favatiepida" con lui il governo delle astensioni fatto da Giulio Androtti avveniva l'inverso.

Poi chi vivrà vedrà, il seme è stato gettato e se non sarà il babbo di Francesco Renzi a riportarci fra i grandi nel mondo, sarà Bernard Dika che ha compiuto da poco 21 anni o Anna Ascani che quando nasceva, Zingaretti era già membro della direzione del PCI e...Orlando il premiato? è già stato strabattuto 70 a 20 da Matteo Renzi.
bona

24/5/2019 - 12:17

AUTORE:
roba da chiodi

illustre della baldinacca, il pd al minimo storico e il paese nelle mani di salvini e di maio.
Non è sufficiente? peccato.

24/5/2019 - 9:37

AUTORE:
Bruno della Baldinacca elettore PD

...mi può elencare "i disastri" che sono stati fatti a me medesimo nei 1017 giorni del governo Renzi.
grazie.

24/5/2019 - 9:08

AUTORE:
roba da chiodi

ha detto che sostiene il PD. come se facesse un favore. fermatelo ma forse non siete più in tempo ha già rovinato tutto e troppi di voi.

24/5/2019 - 0:58

AUTORE:
LdB

Il " suo " Pd era al 25% preso da Bersani alle politiche del 2013. Alle Europee, che notoriamente non contano una " cippa " ( cit. da Renzi stesso.), grazie ai famosi 80 euro, arrivò al 40%. Nel referendum arrivò il Si al 40%, non il Pd. Bisogna puntare al centro per vincere ? Accomodati, poi non ti lamentare se vince la Lega. L' anno scorso, a Pisa, nei quartieri di S.Ermete e del Cep, dove il PCI aveva percentuali " bulgare", ha stravinto la Lega. Sarà un caso ? Eh già, bisogna vincere al centro, come ai Parioli...

22/5/2019 - 22:01

AUTORE:
Eva

Mamma mia che gufata !

22/5/2019 - 12:32

AUTORE:
Fausto

"Un’alleanza con i Cinque Stelle sarebbe una sciagura. Sarebbe la rivendicazione dell’incompetenza come sistema, come metodo, come valore.
La Castelli che spiega l’economia a Padoan, Toninelli che spiega come si fanno i tunnel, Di Battista che parla di politica estera.
E noi dovremmo allearci con questa gente?".