none_o

Parimenti all’amico Maini anche io faccio deroga al principio di non uscire più sulla Voce se non quando l’argomento è eccezionalmente importante. E questo video lo è! Il professor Galimberti spiega tutto, e con grande chiarezza. Un’ occasione per capire il particolare momento storico in cui viviamo. Da ascoltare per riflettere.
 

Pubblica Assistenza Migliarino
none_a
Arpat Toscana
none_a
Pubblica Assistenza Migliarino
none_a
Arpat Toscana
none_a
. . . . . . . . . . . . . Draghi c'è! . . . . . .....
Una partita al cardiopalma quella degli under 21 con .....
Le ragazze della squadra azzurra, ai mondiali in Francia, .....
Nel disegno dell'architetto Donati commissionato dalla .....
Un colpo al cerchio ed uno alla botte? mavvedrai!
none_a
Di Barbara Palombelli (a gentile richiesta)
none_a
Di Luca Barbuti
none_a
Di Franco Marchetti
none_a
Nodica, 4-7 e 11-14 luglio
none_a
Le mosse dei militari per danneggiare Renzi
none_a
MATTEO RENZI

ENRICO LETTA

PD
none_a
di Stefano Ceccanti; costituzionalista e dep.Pi
none_a
Polisportiva Sangiulianese
none_a
Consulta del Volontariato San Giuliano Terme
none_a
POSTE ITALIANE
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Convocazione Assemblea Soci

    Ilo Circolo comunica che l' Assemblea ordinaria viene indetta in prima convocazione il 6 giugno ore 21,30, in seconda convocazioneil giorno 7 giugno alle ore 21,00 presso il Circolo Arci, via Mazzini 35.

    1) Relazione del Presidente

    2) Rendiconto annuale 2018

    Tutti i Soci sono invitati a partecipare.


  • Circolo ARCI Migliarino

      Partite Pisa A.C.

    Si avvertono i Soci che il Circolo trasmetterà in chiaro tutte le  partite dell'Associazione Calcio Pisa, sia in casa che in trasferta. Prossima partita Piacenza-Pisa domenica 30 settembre. 


  • ALLA CITTADINANZA DI MIGLIARINO

      04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30
    AVVISO DI ASSEMBLEA


    Il comitato A.S.B.U.C. di Migliarinoinvita tutti i cittadini della frazione a partecipare all’assemblea indetta presso la nuova sede ASBUC in via S. D’Acquisto n. 1 in Migliarino:     in prima convocazione per il giorno 30 Aprile 2018 alle ore 12.00,   in seconda convocazione per il giorno 04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30


Polisportiva Sangiulianese
none_a
Il c.t. Bertolini: "Difesa top"
none_a
Val di Serchio
none_a
«Come fa a essere italiana?»
none_a
Il Lonfo non vaterca né gluisce
e molto raramente barigatta,
ma quando soffia il bego a bisce bisce,
sdilenca un poco e gnagio s'archipatta.
È .....
CERCHIAMO UN TRATTORISTA CON ESPERIENZA ALLA GUIDA DELLE PRINCIPALI MACCHINE AGRICOLE.
AZIENDA AGRICOLA TENUTA ISOLA

DISPONIBILITA' FULL TIME
di Renzo Moschini
none_a
di Renzo Moschini
none_a
di Renzo Moschini
none_a
San Giuliano Terme
Gabriele Santoni: perché il 26 maggio voterò per Sinistra Unita

22/5/2019 - 14:23

 
Gabriele Santoni è stato assessore alla cultura, sindaco di San Giuliano dal 1995 al 2004, responsabile provinciale del coordinamento antimafia e assessore provinciale.
 
In molti mi chiedono come voterò a queste elezioni. Potrei cavarmela dicendo: “contro razzismo e fascismo di ritorno”.

 
Da tempo ho fatto un passo indietro, come suggerisco a chi per troppi anni è stato in prima fila. Il tempo va veloce e spesso non è facile adeguare le categorie di riferimento a certi cambiamenti. Amo però San Giuliano e sono schierato dalla parte di sempre: La Sinistra. 
 
Voterò per Sergio Di Maio. In questi tempi complicati e non facili per un amministratore, secondo me ha fatto bene e poi è un amico e una persona onesta e questo mi rassicura.
 
Pur fra mille perplessità e al netto delle “rabbie” personali di ciascuno, credo che il Centro-Sinistra unito che affonda le radici nella storia di queste terre sia l’unica proposta possibile.
 
Poi aggiungo convinto, pur conoscendo molte persone presenti nelle liste a sostegno del sindaco uscente, alcune delle quali amiche da sempre a cui auguro un buon successo personale, che non posso non votare dove mi batte il cuore. Sosterrò con convinzione il simbolo rosso della Sinistra Unita e la sua “corona”, che ancora mi piace.
 
E a tutti quelli sinceramente di sinistra che in questi anni hanno storto la bocca per mille ragioni vere e forse hanno girato la testa da un’altra parte, dico di tornare a votare la lista di Sinistra, perché non possiamo permetterci di non avere rappresentanze in Consiglio Comunale che considerino “ultimi e penultimi insieme” un bene comune da difendere.
 
Questa è la motivazione più forte che mi sorregge, insieme all’antifascismo e l’antirazzismo.
 
Qualche giorno fa l’Associazione Nazionale Partigiani Italiani di San Giuliano Terme ha intitolato il parco del partigiano a Uliano Martini. 
 
Me lo ricordo come fosse ora il funerale di Uliano, nel 1995, ad Asciano nella palestra. Un paio di mesi dopo diventai Sindaco e come avevo promesso in campagna elettorale gli intitolai la biblioteca.
 
La sua biografia è conosciuta da tutti e non c’è bisogno di ricordarla qui, voglio però raccontare una storia che è diventata leggenda.
 
A San Giuliano negli anni Sessanta Uliano ha fatto l'assessore. Per un periodo si occupò di sostegno alle famiglie indigenti. Il "welfare” si dice oggi. 
 
Un anno, poco prima di Natale, era stato incaricato di consegnare una decina di pacchi ad alcune famiglie, ritenute al di sotto della soglia di sopravvivenza. "Sostegno alle famiglie povere" c’era scritto senza giri di parole, sulla voce di bilancio. In quei pacchi c'era di tutto, dal panettone alla biancheria. Perfino un cappotto per il capo-famiglia, come allora usava individuare sui documenti amministrativi.
 
Quando Uliano si trovò di fronte i selezionati, realizzò che i pacchi erano uno in meno di quelli che sarebbero serviti. All'ultimo che entrò nella stanza non aveva niente da dare e allora regalò il suo cappotto.
 
Proprio così, Uliano si privò del suo cappotto personale e tornò a casa in bicicletta, nel pieno dell'inverno, con addosso la sola giacca.
 
L’uomo pensava sempre a chi stava peggio di lui. Non era benestante, ma se la passava di certo meglio di quei signori che aveva seduti davanti a sé e questo era bastato per fare quel nobile gesto diventato leggenda.  Erano lontani “i tempi degli ultimi contro i penultimi”, appunto!
 
Se proprio devo sognare un futuro per le mie terre, lo vorrei con l’autorevole severità e la “leggerezza” di Uliano Martini. Un amministratore francescano, partigiano, antifascista e comunista che ha vissuto tutta la vita dalla parte degli ultimi. Un padre esigente, colto e gentile, una guida sicura a cui guardare.
 
Ecco allora che con la “leggerezza” di uno dei miei scrittori più amati, voterò la lista della Sinistra Unita a sostegno del Sindaco Di Maio.
 
Gabriele Santoni

 
 

 


 

 

 

 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




25/5/2019 - 8:59

AUTORE:
Enio

Una storia al futuro è la parola d'ordine ed il programma di Sinistra Unita per un'Altra San Giuliano ripreso dalla coalizione che ha come candidato a sindaco Sergio Di Maio. Una Storia al Futuro significa apertamente un rinnovamento dei programmi e degli amministratori rispetto alla stessa passata amministrazione di Di Maio. Ma una Storia al Futuro non significa affatto rompere con le radici della sinistra del passato. In questo senso il ricordo di Uliano Martini fatto da Gabriele Santoni è una pietra miliare: l'episodio del cappotto significa che la sinistra deve innanzitutto stare dalla parte degli ultimi. Lo ha detto anche Fiorella Mannoia che alle europee vota La Sinistra e non più 5 Stelle.

24/5/2019 - 23:31

AUTORE:
Un amico

Farsi consegnare da Uliano
il suo cappotto personale
Indossare, non lasciare nell’armadio,
la puzza di naftalina fa male
Ogni cambio di stagione controllo generale,
difendere dalle tarme, riparare,
stendere all’aria, ripulire
C’è sempre un cappotto da riconsegnare
tra le cose da non dimenticare

24/5/2019 - 23:26

AUTORE:
Yuri

Proiettiamoci nel futuro quello che e' passato e' passato.
Basta con fascismo comunismo e quant'altro.
Io credo che il mondo sia cambiato radicalmente a 360 gradi e dobbiamo avere una mentalità propositiva riguardo alla situazione attuale.
I politici nazionali, provinvinciali e territoriali del passato ormai si facciano da parte nella politica del domani.
I loro consigli non servono aime' più a nessuno.
Bona

24/5/2019 - 9:25

AUTORE:
BdB elettore vecchianese di IPV

Anche il "disastroso" Bertinotti ha riconosciuto di aver sbagliato tutto riconoscendo che il comunismo a fallito e a vincere è stata la liberaldemocrazia (e non sempre perché siamo in regime democratico).
La, oltre cortina, nei paesi cosiddetti socialisti il comunismo vinceva sempre con il 98,05% poi, poi han dato la via al'Ozzeri ed eccoti Orban &.

Esempio vicinissimo: il Comune di Vecchiano è governato da anni con l'apporto determinante di Rifondazione Comunista, di SEL e PRI.
RC ha avuto nella passata legislatura l'Assessore e vice sindaco Federico Meini ed un consigliere Cerri Massimo.
Nella vigente legislatura RC ha l'Assessore Lara Biondi molto attiva e...pare molto soddisfatta della scelta del suo partito di non essere stato la causa di far perdere la guida del comune alle sinistre unite da molto tempo.
Sel a differenza del disastroso comportamento nazionale dove vinse alla Camera dei Deputati con Italia Bene Comune insieme a Bersani, poi si dissociò dal governo Letta per far posto a FI e SC.
A Vecchiano invece ha il giovane e valente vice sindaco Del Zoppo Lorenzo e una consigliera Sara Agostini.

A SGT con suo il "punto e accapo" Sergio di Maio è riuscito a tappar le buche fatte dai "politici più politici di lui medesimo" ed anch'io che a quel tempo ero "ortodosso in politica" scoraggiavo l'amico Sergio già un anno prima la discesa in campo.
...poi ricordo benissimo il suo appello al voto al PD in tal di oggi 5 anni fa e dimostrò di essere; dei quattro candidati a sindaco provenienti dal PD, quello vero e fu vincente sia come voti e come programma serio di ripresa non politichese.
L'unità della sinistra gioverà certamente per il buon governo prossimo sangiulianese; Vecchiano docet.

Chi voleva chiappar Buti (come Enrico Rossi) che prima elogiò portando ad esempio durante la festa della vittoria di Insieme Per Vecchiano (IPV) lo stare insieme per il buon governo, poi dette vita ad un altro partito prima delle elezioni politiche e che fu causa principale della consegna dell'Italia tutta al governo del contratto e della recessione con taglio di pensioni anche medie e la promessa di un "Robinudde" al contrario togliere ai poveri per darlo ai ricchi.
Ora il buon Enrico Rossi si è pentito e peggio di lui han fatto altri parlamentari che votarono si in Parlamento per le riforme Costituzionali, per poi votare no al referendum.
Quindi trastullarsi nelle ripicche che portano spesso al non voto o voto utile alle destre come quello dato dai quattro partiti delle sinistre a Ingroia la volta scorsa restando fuori dal Parlamento per poi lamentarsi?
Chi è cagion del suo male, pianga se stesso.

24/5/2019 - 9:02

AUTORE:
Ste

Naturalmente ciascuno è libero di votare come crede, ma Cascina e Pisa dovrebbero dirci qualcosa a noi di sinistra. Non facciamoci del male!

24/5/2019 - 9:01

AUTORE:
Sandra

La Sinistra c'è, è unita e innovatrice nei programmi e nelle candidature : non a caso la lista si chiama SINISTRA UNITA PER UN'ALTRA SAN GIULIANO. Basta leggersi i programmi della lista e della coalizioni e si può verificare la concretezza delle proposte soprattutto per le fasce più deboli. E per il rinnovamento basta sapere che nessuno degli ex assessori è stato candidato e farà parte della nuova giunta. In questi giorni ho trovato tanti e tante che per la prima volta la voteranno.

24/5/2019 - 0:18

AUTORE:
Marco

si sicuramente mi sto sbagliando e sergio di maio e' un ottimo sindaco , io non lo voterò perché ritengo che i suoi 5 anni siano stati anni di ragionierato , si un sindaco che ha gestito il comune come una società
priva di idee su futuro , una società destinata a fallire perché strutturata solo sull'oggi.
non ho visto un rilancio di un territorio , interventi destinati ad abbassare il prelievo fiscale, nessuna politica a sostegno dei giovani,
lasciamo perdere poi il sociale , completamente declinato sul tema immigrazione e rom , privo di contenuti sulla disabilità e emergenza abitativa.
Certo la situazione debitoria pregressa era di un comune in fallimento , ma lui ne è stato compartecipe visto il ruolo .
Ma poi la cosa che mi fa inorridire è questa sua totale trasversalità del consenso ricercato da tutte le parti e con tutte le categorie immaginabili. No Stefano la sinistra e' una cosa seria e secondo me in queste elezioni non e' rappresentata da questa coalizione.
buonaserata e vedremo lunedì .

23/5/2019 - 8:39

AUTORE:
Stefano

Marco ti stai sbagliando alla grande. A San Giuliano la destra, come a Pisa e Cascina, non passerà. Qui a San Giuliano non sono stati fatti gli errori che il PD ed altri hanno fatto a Pisa e Cascina. In particolare è per me, elettore di sinistra, condivisibile la scelta fatta da Sinistra Unita per San Giuliano. Battere la destra e rinnovare, a partire dai programmi, la maggioranza che ha come candidato a sindaco Di Maio è stata la strategia vincente della Sinistra Unita. Io che alle politiche ho votato 5 Stelle voterò questa lista, ancora più convinto dopo il bell'articolo di Gabriele Santoni.

23/5/2019 - 0:19

AUTORE:
Elettore

Gabriele Santoni vota la sua lista che è di coalizione.
Se vuoi far perdere il Comune per la prima volta alla sinistra unita sangiulianese perchè si è coalizzata (come ha fatto la Lega) per tentare di vincere.
Tu stai a casa e così oltre Di Maio mandi a casa Santoni e compagnia e così la Lega dopo Cascina e Pisa fa cappotto.
bona

22/5/2019 - 23:28

AUTORE:
La mia storia nel futuro

Da elettore di sinistra voterò Di Maio, è un voto necessario per non far vincere la destra di Salvini. Questo per me è già tanto. E voterò come Gabriele, perché quella è la mia storia e vorrei proiettarla nel futuro.

22/5/2019 - 21:59

AUTORE:
Marco

Santoni fa fare anche a me un tuffo nel passato , arrivando al suo decennio di sindaco e a quello del suo successore Panattoni , ora seguendo la campagna elettorale di maio nel 2014 non posso dimenticare quanto velatamente ( eufemismo ) ha preso le distanze da ambedue le gestioni precedenti , criticandone l’operato per la posizione debitoria lasciata . Ora anche santoni dopo Barbuti e Parducci appoggia di maio ! Io indeciso costantemente nella vita di tutti i giorni dopo questa dichiarazione ho acquisito una certezza , da elettore di sinistra , no non voterò di
Maio !
Buonaserata

22/5/2019 - 19:15

AUTORE:
Alessandro

Leggere apre i ricordi anche lontani, ancora vivi e per me, indimenticabili,di un uomo. La coerenza, data dalla vita reale,vera,tragica provata sulla propria pelle. Integro e leale con il proprio ideale, mai prevaricatore. Tutti i giorni vedo i suoi segni dipinti per me ancora presenti.Non me la vogliate, stento fortemente nel riconoscere tutto questo.

22/5/2019 - 15:33

AUTORE:
Lorenzo

Fino a stamani sapevo con certezza che non avrei votato per la destra ma francamente ero incerto sul voto. Sono stato e sono tuttora un sostenitore della sinistra ma sono anche profondamente deluso dalla politica del PD e soprattutto di Renzi. Nelle argomentazioni di Gabriele Santoni a sostegno della SINISTRA UNITA PER L'ATRA SAN GIULIANO e soprattutto nel meraviglioso ricordo di Uliano Martini mi sono ritrovato in pieno. Anche io domenica 26 maggio voterò per la SINISTRA UNITA PER L'ALTRA SAN GIULIANO.