none_o

Gioia e picconate, abbracci e idranti, sbarre che si alzano e fiumane di vessati che sfociano nella libertà, l'euforico stordimento prodotto dall'onda d'urto del treno della Storia quando passa sferragliando e fischiando così sonoramente da rendere impossibile non accorgersene: la notte della caduta del Muro di Berlino, 30 anni fa, fu tutto questo e definirla 'storica' è quasi riduttivo. Era il 9 novembre del 1989. ..

Circolo ARCI Migliarino
none_a
Sezione Soci Coop Valdiserchio-Versilia
none_a
PUBBLICA ASSISTENZA S.R. PISA
none_a
Pubblica Assistenza Migliarino
none_a
Nella primavera del 2008 Rifondazione comunista, Partito .....
L’attuale deriva della crisi di sistema paese, .....
. . . . . . . . . . . ha avuto un enorme potenziale .....
Faccio ammenda volevo scrivere Cascina , ma non mi .....
Incontrati per caso
di Valdo Mori
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Cosa fare per evitare i fastidi causati dall'acaro autunnale
none_a
Incontrati per caso
di Valdo Mori
none_a
Pisaciclabilenotizie
none_a
ANIMALI CELESTI a Pisa
none_a
Parrocchia di Migliarino.
none_a
FIAB di Pisa.
none_a
Casanova di Terricciola, 9 novembre
none_a
Pisa, 30 novembre
none_a
Pisa, 7 novembre
none_a
Da Zero a Mille.
none_a
Val di Serchio
none_a
Val di Serchio
none_a
Cs campionato petanque
none_a
Situazione delle squadre della Val di Serchio
none_a
Il Lonfo non vaterca né gluisce
e molto raramente barigatta,
ma quando soffia il bego a bisce bisce,
sdilenca un poco e gnagio s'archipatta.
È .....
"Così a Dio piacque,
l'uovo da cielo cadde
e la gallina nacque!"
none_o
Papa Francesco contro il motto “Prima gli italiani”

29/5/2019 - 9:12

Per Bergoglio il trattamento riservato ai migranti sempre più spesso “rappresenta un campanello di allarme che avvisa del declino morale a cui si va incontro se si continua a concedere terreno alla cultura dello scarto”.
Nel giorno del trionfo della Lega di Matteo Salvini alle elezioni per il rinnovo del Parlamento Europeo Papa Francesco ha nuovamente lanciato un allarme riferendosi al modo in cui vengono trattati migranti e richiedenti asilo. Per il Pontefice il trattamento riservato loro sempre più spesso "rappresenta un campanello di allarme che avvisa del declino morale a cui si va incontro se si continua a concedere terreno alla cultura dello scarto". "Non si tratta solo di migranti; su questa via – spiega Bergoglio -, ogni soggetto che non rientra nei canoni del benessere fisico, psichico e sociale diventa a rischio di emarginazione e di esclusione".  Per questa ragione secondo Francesco "la presenza dei migranti e dei rifugiati – come, in generale, delle persone vulnerabili – rappresenta oggi un invito a recuperare alcune dimensioni essenziali della nostra esistenza cristiana e della nostra umanità, che rischiano di assopirsi in un tenore di vita ricco di comodità".

 Nel messaggio dedicato alla  Giornata mondiale del migrante e del rifugiato del 2019, che si celebrerà in prossimo 29 settembre, il Papa ha scritto: "Conflitti violenti e vere e proprie guerre non cessano di lacerare l'umanità; ingiustizie e discriminazioni si susseguono; si stenta a superare gli squilibri economici e sociali, su scala locale o globale. E a fare le spese di tutto questo sono soprattutto i più poveri e svantaggiati". "Le società economicamente più avanzate – aggiunge – sviluppano al proprio interno la tendenza a un accentuato individualismo che, unito alla mentalità utilitaristica e moltiplicato dalla rete mediatica, produce la ‘globalizzazione dell'indifferenzà".

 Secondo Bergoglio "il timore è legittimo, anche perché manca la preparazione a questo incontro". "Il problema è quando dubbi e timori condizionano il nostro modo di pensare e di agire al punto da renderci intolleranti, chiusi, forse anche – senza accorgercene – razzisti. E così la paura ci priva del desiderio e della capacità di incontrare l'altro, la persona diversa da me; mi priva di un'occasione di incontro col Signore". Per finire a chi si fa schermo dell'identità cristiana, ricorda che "la fede si dimostra con le opere di carità verso gli ultimi, anche stranieri" e che per un cristiano è contraddittorio affermare "prima io e il mio gruppo" perché nella logica di Cristo e del Vangelo "gli ultimi vengono prima".

 

Fonte: CRONACA ITALIANA 27 MAGGIO 2019 13:45 di Davide Falcioni
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




11/6/2019 - 21:00

AUTORE:
C d M

María Belén Rodríguez Cozzani, è argentina!

11/6/2019 - 20:36

AUTORE:
Marco

Mi pace Belen !

11/6/2019 - 9:34

AUTORE:
Cittadino del mondo

....come quel cazzabubbolo del fiurer...Siamo miscelati con i turchi, gli spagnoli, gli austriaci e si proviene tutto dall' Africa....ah già ma te unno sai!

11/6/2019 - 6:50

AUTORE:
Marco

È il tema , oggi aggiungerei anche prima di tutti quei cattolici da salotto , cristiani nell apparenza , ossequiosi a questo papa “ sociale ‘ teologò dell accoglienza . Si vorrei essere prima nei diritti di queste persone che rimangono quasi compiaciuti che in un seggio si copra il croato con il nastro adesivo perché lesivo neo confronti dei mussulmani . Questo non in Arabia Saudita ma in u seggio vicino a Firenze !

11/6/2019 - 0:33

AUTORE:
Informato qb

Quello che disse: se mi tolgono il vitalizio di 5.000 euro al mese, poi farò la fame.
Oggesummariasignore

“I vitalizi? I giornalisti continuano a parlare di queste minchiate e pirlate e non affrontano gli altri problemi del Paese”. E’ il j’accuse lanciato contro la stampa dall’ex leader di Democrazia Proletaria, Mario Capanna, ai microfoni de “La Zanzara”, su Radio24. Il politico, assieme ad altri 53 ex consiglieri regionali della Lombardia, ha fatto ricorso al Tar contro il taglio del 10% del vitalizio. “Chi contesta la mia scelta” – spiega Capanna – “dice ‘sciocchezzine’. Io la casta la combatto dal 17 novembre 1967. Prendo 5mila euro netti al mese, ma il problema non sono i 100 o 200 euro che mi verranno decurtati. Se però malauguratamente il Tar non ci desse ragione, si aprirebbe un precedente micidiale che riguarderebbe milioni di pensionati e di lavoratori. Così diventerebbe lecito intaccare i diritti acquisiti. Ma io sono certo che il Tar ci darà ragione”. E ribadisce: “Togliere il 10% ai vitalizi è un’operazione incostituzionale. Il vitalizio non è un privilegio, ma un diritto costituzionalmente garantito, e io non mi sento assolutamente un privilegiato. Quei due vitalizi me li sono meritati, anzi ho anche rinunciato a un terzo vitalizio, quello da parlamentare europeo”. E aggiunge: “Sto constatando il livello a cui è ridotto il giornalismo. Fa audience, titilla la pancia delle persone dire che siamo privilegiati. Usa la questione dei vitalizi come la focaccia di Cerbero di cui parlava Virgilio da dare in pasto alla gente per farla addormentare”. E al conduttore Giuseppe Cruciani che contesta le sue argomentazioni, chiede polemicamente: “Ho fatto il parlamentare, il consigliere regionale. Adesso secondo lei dovrei fare il barbone sotto un ponte?”

11/6/2019 - 0:05

AUTORE:
LdB..

Il PCI finì nel 1991, svolta della Bolognina. Dai fatti di Ungheria, 1956,alla Bolognina, 1991, passarono 35 anni. Anni duri, tragici, difficili, ma anche belli, importanti e formidabili, come scrisse Mario Capanna.

10/6/2019 - 23:30

AUTORE:
LdB..

Così è, lo dici te. Sappiamo tutti che il Partito Comunista Italiano è stato cosa diversa dai suoi omologhi ad Est. Non a caso le regioni dove si viveva meglio, e lo è tuttora, sono quelle che erano amministrate da giunte di sinistra. E per favore lascia stare Berlinguer, e soprattutto non lo accostare a Renzi, fai il bravo.
E comunque, o non hai letto o non hai capito quello che ho scritto, ma va bene ugualmente.
A proposito di ex comunisti, ne ho conosciuti tanti, ma dopo il 1991.
Prima non me ne ricordo, a parte il filosofo, ormai deceduto, Lucio Colletti...

ndr, Il muro di Berlino cascò il 9 novembre 1989

10/6/2019 - 19:03

AUTORE:
Marco

Il problema non è se ha ancora valore la parola comunista , certamente per chi lavorava alla saintgobain “o peggio ancora era a cassa integraZione permanente, o massimo dei massimi sindacalista della cgil, per questi soggetti è impossibile comprendere

10/6/2019 - 13:27

AUTORE:
Bruno della Baldinacca; ex comunista....

...fin dagli anni dell'impiccagione di Imre Nagj, dall'invasione sovietica dell'Ungheria e della Polonia.

Non a caso e per caso il comunismo è fallito "da tutte le parte".
L'ultima volta che "tentiedino" anche in Italia di mettere tutto in comune coinvolse anche il "Massimo nazionale" che in seguito "doventò" PdC con i voti di Mastella e il duo Cossiga&Cossutta ma non con un voto popolare come è successo a molti.
Il giovane Massimo "dice" che facesse esperimento in una comune; la moglie tua è anche mia e così i figlioli, poi, poi il tuo si ammala, ma non è il mio; vado a pescare ed il pesce che si slama è il tuo, non il mio e via e via.
Io lavoro alla Sangobè e con un servito di bicchieri che produco ci 'ompro una balla di grano, tre coniglioli e un preciutto (prosciutto, non una spalla rinseccolita come quelle vinte al gioo del porcellino).

Tutti gli stati comunisti sono falliti e Putin da buon comunista a capo de KGB, si è riciclato come il più ricco d'Europa al pari del suo amico Silvio Berlusconi che quando lo viene a trovà lo fa dormire nel suo lettone insieme al fido didù (pare).

Gisimping, disse ai cinesi comunisti: arricchitevi e... i suoi compagni comunisti stanno comprando mezza Africa, tutto il Milan, l'Inter e...Ugo sul ponte.

I simil comunisti all'acqua di rose han fatto i minibot argentini che il "compagno" Borghi vuol copiare per metterci alla fame come ha fatto Maduro; il Maduro che piace al duo DI-BA/Di-MA.

Kim Jon un è nella possibilità di distruggere il mondo con le suo bombe atomiche e parafrasando il compagno Stalin lo farebbe per il nostro bene,
Chiamalo comunismo se tu vuoi.

Già il compagno Enrico Berlinguer, non voleva il comunismo, ma elementi di socialismo... come Olof Palme e lo stesso Matteo Renzi.
Cosi è!

10/6/2019 - 12:04

AUTORE:
LdB..

Sinceramente non riesco a capire questa risposta, o meglio, la prima parte la capisco, anche se un po' datata e, a perer mio, fuori luogo. La seconda parte è in contraddizione con la prima. Credo che per una persona di sinistra ( comunista, socialista , marxista ecc. )sia normale essere daccordo sulle questioni elencate, su cui il Papa si è espresso. Dall' altra parte ci trovi la destra con tutte le sue sfaccettature.
Quanto al significato della parola Comunista ne ho trovati un paio : da Wikipedia,
"Il comunismo, termine derivato da «comune», a sua volta derivato[1] dal latino commūnis («comune», «pubblico» e «che appartiene a tutti», ma anche «neutrale», «imparziale» e «equilibrato»), anch'esso di molteplice significato, è un insieme di idee economiche, sociali e politiche accomunate dalla prospettiva di una stratificazione sociale egualitaria e che presuppone la comunanza dei mezzi di produzione e l'organizzazione collettiva del lavoro, spesso affiancando a questi fondamenti anche opzioni internazionaliste."
dalla Treccani
"comunismo Dottrina che, sulla base delle formulazioni teoriche di K. Marx e F. Engels, propugna un sistema sociale nel quale sia i mezzi di produzione sia i mezzi di consumo sono sottratti alla proprietà privata e trasformati in proprietà comune, e la gestione e distribuzione di essi viene esercitata collettivamente dall’intera società nell’interesse e con la piena partecipazione di tutti i suoi membri."

7/6/2019 - 7:54

AUTORE:
Marco

Per chi è comunista ( lo so molti non conoscono nemmeno il significato della parola ) combattere l’ingerenza della chiesa nelle politiche dello stato è la normalità , io lo facevo quando nel 1974 il giornale Lotta Continua pubblico un dossier dove si evinceva che alcune società vicine al Vaticano trafficavano armi , e lo faccio ora quando questa politica vaticana di accoglienza di massa tende alla destabilizzazione dei diritti dei lavoratori .

Messaggio di papa Francesco: sì allo ius soli e allo ius culturae” (Repubblica, 21 agosto); “Migranti, Papa Francesco: ‘la nazionalità va riconosciuta alla nascita’ ” (Rai news 21 agosto); “Papa Francesco: “Immigrati, i politici che fomentano la paura seminano violenza razzista” (Libero, 24 novembre). “Papa Francesco torna a chiedere lo ius soli, serve una legge più attinente al contesto sociale” (Il Messaggero, 27 settembre).

7/6/2019 - 1:42

AUTORE:
LdB

Più che sbagliare lavoro il Papa, mi sa che Marco ha sbagliato religione. Il Cristianesimo pone al centro del mondo l'uguaglianza, la tolleranza e il rispetto fra i popoli. Fu Gesù Cristo, ebreo, che scacciò i " mercanti " dal Tempio. Sono gli Uomini come Francesco che risvegliano le coscienze, te lo dice un mezzo ateo come il sottoscritto.

6/6/2019 - 9:16

AUTORE:
Tony

Questa poi è davvero esagerata! Il papa parla a tutti, non a caso fa il giro del mondo come portatore di pace, peccato che chi bacia il rosario non l'ascolti e sia mentalmente chiuso...ma aperto a seminare odio.
Neppure io ho rubato nulla all'Africa ma qualcuno lo sa fare molto bene è da tempo immemorabile che si ruba e si uccide in nome di qualche crociata religiosa ma l'unica crociata vera è quella del dio quattrino!

5/6/2019 - 13:02

AUTORE:
Marco

io non ho rubato nulla e non mi sento responsabile del saccheggio africano!
Se vengono a lavorare nei campi sfruttati ad 1 euro al giorno al sud , basta avere meno Mimmi Lucani è più ispettori del lavoro !
Le migrazioni bibliche sono generate per interessi economici e non fanno bene all Africa !
Poi un papa che parla solo ai diseredati del mondo , basta che siano mussulmani , qualcuno li dovrebbe ricordare che ha sbagliato lavoro
Buon proseguimento a tutti

5/6/2019 - 10:20

AUTORE:
Tony

Se ci si impadronisce delle della roba che non ci appartiene, caro Marco, mi sembra logico che poi le popolazioni oppresse cerchino di riscattarsi, anche perché l'esodo è biblico e viene da molto lontano.
Siccome poggi e buche fanno pari, anche chi ha la puzza sotto il naso ha dovuto convincersi che avvalersi del lavoro degli stranieri era necessario se non indispensabile per i lavori più massacranti o per badare ai vecchi infermi...siamo stati capaci da decenni di ospitarli e di affidargli la conduzione delle nostre case, in tanti casi di sfruttarli e magari anche sposarli...salvo poi volerli cacciare perché indesiderati...mah!
Comunque sia io detesto la violenza, l'indifferenza e l'ingiustizia...sarà perché mi sento discriminato ogni volta che ho bisogno di risolvere un problema, pur avendone diritto, in un ambiente in cui non sono conosciuto o magari raccomandato...l'ostilità è talmente palpabile che si respira insieme allo smog!

5/6/2019 - 0:48

AUTORE:
marco

dei tanti ( ma per fortuna non tantissimi ) satana che pensano di dare un senso alla loro infelice vita , nel proporre un integrazione multietnica impossibile .

2/6/2019 - 9:33

AUTORE:
Tony

Il fumo dei tanti satana che spargono odio inneggiando alla superiorità di una razza ...che non c'è...perché l'unica razza è quella umana, sta in tutti quei luoghi dove manca l'amore la carità la generosità la libera scelta le libertà e regna invece, dove si impone con la prepotenza e la forza dell'odio, la sopraffazione e la crudeltà.

2/6/2019 - 3:23

AUTORE:
Marco

Papa Paolo VI , questo papa odierno avvera la sua profezia ; il fumo di satana è entrato nel tempio di Dio !

1/6/2019 - 10:20

AUTORE:
Matè

Carissimo papa, e detto da me è tutto dire, sono diventato un tuo grande estimatore perché Tu incarni veramente lo spirito di San Francesco e attui la politica della cooperazione e della fratellanza, quella che è contraria ai paperoni di turno con panfili macchinoni ville vacanze lussuosissime e servitori e che si lamentano sempre perché temono di non evadere abbastanza.
Peggio ancora sono i mediocri, gli arpagoni, che possiedono poco ma che temono di perderlo perché sono convinti che tutto gli sia dovuto per il solo motivo di essere "itagliani"...egoisti ed arroccati in entrambi i casi sulla torre del castello di carta in cui vivono sono sempre sulla difensiva e da adesso anche armati!
Marco Politi ha scritto un libro che titola "La solitudine di Francesco" e spiega benissimo la tua posizione, chiara e netta, che infastidisce gran parte dell'apparato ecclesiastico e dei fedeli, che a me sembrano infedeli...comunque sia sei in pericolo come del resto lo sono stati gli altri papi troppo "sensibili"che ti hanno preceduto.