none_o

 
Si chiama Tappeto del mondo ed è il frutto del lavoro di tantissime donne che hanno aderito all'iniziativa dell'associazione i Colori della Pace di Stazzema, ovvero realizzare un tappeto coloratissimo. 

. . . è andato fuori dal seminato!
La direzione .....
Difficile non sghignazzare davanti ai comportamenti .....
Ma se:
. . . Renzi avesse fatto eleggere i suoi avvocati .....
. . . . . . . . . . . . sono poco affidabili e che .....
Solidarietà
none_a
Incontrati per caso…
di Valdo Mori
none_a
"Io lo vedo così"
none_a
Incontrati per caso…
di Valdo Mori
none_a
Il Lonfo non vaterca né gluisce
e molto raramente barigatta,
ma quando soffia il bego a bisce bisce,
sdilenca un poco e gnagio s'archipatta.
È .....
CERCHIAMO UN TRATTORISTA CON ESPERIENZA ALLA GUIDA DELLE PRINCIPALI MACCHINE AGRICOLE.
AZIENDA AGRICOLA TENUTA ISOLA

DISPONIBILITA' FULL TIME
di Renzo Moschini
L’AMBIENTE RESTA INDIETRO

3/6/2019 - 21:01

L’AMBIENTE RESTA INDIETRO


Il voto europeo da noi a differenza che in altri paesi non ha premiato l’ambiente. Il successo dei Verdi in quei paesi consentirà di arginare il sovranismo. In Italia si registrano alcune significative novità ma i ritardi, le inadempienze, i gravi errori governativi e parlamentari ma anche delle regioni ci hanno talmente penalizzati da non riuscire ad avvalerci dei finanziamenti comunitari non più del 32%.
Ma Salvini probabilmente non lo sa.
La critica ai verdi è di dire troppi no.
In effetti di no ne sono arrivati non pochi neppure dalle altre forze politiche comprese quelle di sinistra e del Pd che per lungo tempo non ha avuto in agenda l’ambiente.
Bisogna però esser chiari su questo punto.
Oggi le politiche ambientali non possono essere riproposte come in passato. Un comparto a se. Oggi devono farsi carico in ugual misura di quelle economiche e sociali. Vale per quelle marine, costiere, del paesaggio, della agricoltura, della montagna  ect.
Ci si è chiesti perché anche i territori più pregiati come quelli dei parchi nazionali e regionali sono in secca, senza piani previsti dalla legge da anni e in molti casi pure senza presidenti e direttori.
Dovrebbe essere ormai abbastanza chiaro che le scelte ambientali anche in parco devono integrarsi, raccordarsi alle altre.
Per questo i parchi e le altre aree protette devono coinvolgere di più e meglio le istituzioni le quali a cominciare dai comuni e dalla malmesse province devono collaborare di più.
Oggi questa collaborazione si fortemente indebolita in molti fino a sparire.
Anche da qui passa quel programma politico di cui parla Zingaretti.

Fonte: Renzo Moschini
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: