none_o

 

La ricostruzione e il racconto con tanti ricordi, la rivolta dell'acqua questa volta non portatrice di vita ma di morte. Il pianto di una Nazione e..."al posto del campanile una scala a chiocciola", quella di Giovanni Michelucci.
 

Officine di Comunità
none_a
PUBBLICA ASSISTENZA S.R. PISA
none_a
Pubblica Assistenza Migliarino
none_a
Arpat Toscana
none_a
Non cià (senza la "h") capito niente vero? e come .....
Mi perdonerà sig. Baglini, se le rispondo dopo un .....
. . . . . . . . . . . una efficace protezione per .....
Vede caro lei, il problema non è usare uno pseudonimo, .....
Cosa fare per evitare i fastidi causati dall'acaro autunnale
none_a
Incontrati per caso
di Valdo Mori
none_a
"Io lo vedo così"
none_a
Libri ed altro.
none_a
  • AD ACCOGLIERE GLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI CALCI MOLTI SPAZI, AULE E GIARDINI RINNOVATI

      Suona la campanella

    Mancano tre giorni all’inizio della scuola e lunedì prossimo la campanella suonerà per i tanti alunni calcesani che potranno contare su aule, spazi comuni e giardini rinnovati e più sicuri...


Il Lonfo non vaterca né gluisce
e molto raramente barigatta,
ma quando soffia il bego a bisce bisce,
sdilenca un poco e gnagio s'archipatta.
È .....
Vendo FB FB johnson 5CV buone condizioni, bicilindrico, 2 tempi, gambo corto, elica 3 pale, anni 90, marcia avanti e indietro, serbatoio esterno .....
none_o
Arselle e pomodoro?

30/6/2019 - 18:21

 
Gastrea è la musa dell’ottava arte, l’enogastronomia. Da lei ispirato, l’autore ci conduce in un viaggio insolito al centro del mondo della cucina.
Partendo da una passione particolare per l’arte del mangiare (e bere) bene e da una personalissima e spiccata sensibilità, l’autore  ci svelerà strada facendo, anche aiutandosi con brevi racconti a tema, i segreti per vivere al meglio il nostro incontro con il cibo: i classici errori da evitare, gli ingredienti che non dovrebbero mai mancare in dispensa, gli abbinamenti tradizionali e quelli meno conosciuti, i vini che dovremmo saper accompagnare alle diverse pietanze serviti alle giuste temperature.
Il tutto per cucinare con gusto e consapevolezza, e godersi dei bei momenti insieme intorno a una tavola apparecchiata.
 
Questa la prefazione di “Gastrea e la tavola di domani” di Giovanni Lodovici edito da Polistampa nel novembre 2016.

Nella primavera di quell’anno Giovanni aveva pronto il volume, ma aveva bisogno di una foto particolare, una foto di un giacchiatore che lanciava la sua rete in Bocca di Serchio.
Strano per un novantenne fiorentino, direttore generale di una grande casa di liquori, amico dell’avvocato, amico e collaboratore della mitica enoteca Pinchiorri di Firenze, nipote di una dama di corte della regina Margherita, cercare una foto di quel genere.
Non molto però quando, indirizzato a casa mia da un’amica di un ufficio del comune di Vecchiano al quale Lodovici si era rivolto, ebbi modo di conoscere questa straordinaria persona.
Lui aveva passato intere giornate d’estate a tirare il giacchio in Bocca di Serchio, ma quelle giornate di pesca erano di tantissimi anni fa, quando pensava a tutto men che scrivere un libro.
 
Gli trovai una sistemazione in un accogliente ambiente nella tenuta ed è cominciata una calda amicizia fra cene e racconti e pescate (non col giacchio) insieme ad il suo giovane nipote.
Son passati tre anni, ora Giovanni dice che essere entrato nel suo diciannovesimo lustro lo imbarazza, ma la salute è ottima, gli amici ci sono e allora: “se mi passa un doloretto alla spalla si va a tirare il giacchio”!
 
Questo lungo preambolo per arrivare ad un fatto capitato due anni fa in una di quelle serate conviviali.
Consentitemi una premessa con questa sua ricetta tratta dal libro.
 
"Ma a voi piace veramente che vi portino gli spaghetti alle arselle con quell’ammasso interminabile di gusci che, per levarli tutti, sei costretto poi a mangiare la pasta fredda e senza contare inoltre la non poca noiosità di sporcarsi le mani? Ma non sarebbe tanto più logico, comodo e igienico che l’eliminazione dei gusci fosse fatta in cucina durante la cottura? Posso assicurarvi che quella specialità risulta almeno tre volte più sublime (sublime lo è già anche con i gusci) senza quell’incomodo; la scodella sembra divenuta più vasta e puoi dosare a tuo piacimento ogni forchettata, sia della pasta che dei frutti. E, per piacere, non venite a raccontarmi che quei gusci costituiscono la prova che non sono vongole di scatola perché, se fosse cosi, sarei io a preoccuparmi, pensando a quali ristoranti frequentate!
L’ideale sarebbe poter programmare in anticipo l’esecuzione di questo delizioso primo e essere quindi in grado di prenotare l’acquisto delle arselle; con questo accorgimento dovremmo poter disporre (fatta salva l’onesta del fornitore) di vongole fresche ma, soprattutto, vive.   Preferibile prenotare le vongole piccole, arselle o anche lupini, che sono, in genere, quelle non di allevamento. Si lavano, si buttano in padella, si tappa e si cuoce per 7/8 minuti; si toglie il coperchio, si rigirano bene e a lungo, ancora 3/4 minuti, si chiude il gas.
Appena la temperatura lo permette, si eliminano i gusci, stando molto attenti a non disperdere il liquido interno; si trasferiscono quindi, liquido e vongole, in un contenitore a parte.
In padella versare abbondante extravergine di fattoria, 2 spicchi di aglio divisi a metà e privati dell’anima; appena l’aglio ha assunto il solito colore marrone chiaro e non oltre, si elimina; si versano le vongole e il liquido con sale e peperoncino e si prosegue la cottura per 3/4 minuti; si buttano gli spaghetti tolti molto al dente e si chiude il gas; si spande sopra prezzemolo tritato, si rigirano ancora e subito in tavola nella stessa padella".

 
Rimettiamoci a tavola ora.
Tutti d’accordo sullo sgusciare le arselle, aglio peperoncino prezzemolo ma… mancano i pomodorini!
Non l’avessi mai detto!
Giovanni si alzò di botto, buttò il tovagliolo sulla tavola, allungò il braccio con l’indice puntato alla porta e urlò: ”vai viaa!”
Poi, alla terza bottiglia di ottimo pinot fresco e ovviamente delle sue vigne, tutto ritornò in perfetta sintonia.
 
Giovanni, sei un fenomeno, ma a Migliarino le arselle si mangiano “ar pumodoro!”
Poi, insisti insisti arrivò a permettere qualche ciliegino o pachino, ma pochi pochini!
La prossima estate mi ci metto io ai fornelli!
 
Giovanni è ritornato oggi a Firenze con la sua auto sportiva… guidando lui ovviamente!

 
 

    
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




2/7/2019 - 10:11

AUTORE:
Gioiva

Carissimo Giovanni sono più che d'accordo con te che gli spaghetti sono sublimi se le arselle sono state precedentemente sgusciate e se i pomodorini sono pochissimi anche se pachini...