none_o


Il 16 luglio 1969 il lancio dell’Apollo 11, una delle più grandi imprese di esplorazione spaziale mai avvenute. Mezzo secolo tra storie, ricordi e promesse di ritorni

Arpat Toscana
none_a
ASBUC Migliarino
none_a
Pubblica Assistenza Migliarino
none_a
Arpat Toscana
none_a
Leggo sul Fatto Quotidiano, tramite la sezione giornali .....
Da cosa l'ha 'ndovinato il nome Bruno?
Sicuramente non è la segnaletica di una volta l'ho .....
In quanto a segate Ultimo non lo batte nessuno. Chiede .....
"Io lo vedo così"
none_a
"Io lo vedo così" (il mondo)
Una nuova Rubrica per tutti
none_a
Incontrati...per caso
di Valdo Mori
none_a
Dio arriverà all'alba - Alda Merini
none_a
  • ALLA CITTADINANZA DI MIGLIARINO

      04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30
    AVVISO DI ASSEMBLEA


    Il comitato A.S.B.U.C. di Migliarinoinvita tutti i cittadini della frazione a partecipare all’assemblea indetta presso la nuova sede ASBUC in via S. D’Acquisto n. 1 in Migliarino:     in prima convocazione per il giorno 30 Aprile 2018 alle ore 12.00,   in seconda convocazione per il giorno 04 MAGGIO 2018, alle ore 18.30


Migliarino
none_a
Migliarino, 3 luglio
none_a
Milano e Cortina hanno vinto
none_a
di Fausto Bomber
none_a
Il Lonfo non vaterca né gluisce
e molto raramente barigatta,
ma quando soffia il bego a bisce bisce,
sdilenca un poco e gnagio s'archipatta.
È .....
CERCHIAMO UN TRATTORISTA CON ESPERIENZA ALLA GUIDA DELLE PRINCIPALI MACCHINE AGRICOLE.
AZIENDA AGRICOLA TENUTA ISOLA

DISPONIBILITA' FULL TIME
A cura di Riccardo Maini
Comitato spontaneo “Rinnoviamo il centrodestra” Pisa

5/7/2019 - 19:08


Comitato spontaneo “Rinnoviamo il centrodestra” Pisa

Se il centrodestra si rinnova davvero, noi ci siamo !!! Nel momento più basso della parabola politica di Forza Italia, dopo una serie di insuccessi elettorali e di sondaggi a picco, accompagnati da una scarsa chiarezza dell’offerta politica, Silvio Berlusconi ha nominato Giovanni Toti e Mara Carfagna coordinatori del partito, col compito di

 

1) organizzare un congresso;

2) determinare la modalità per eleggere dal basso gli incarichi a tutti i livelli;

3) andare oltre i confini dell’attuale Forza Italia e recuperare i delusi, quelli che si erano allontanati, le formazioni civiche vicine al centrodestra; L’ iniziativa ha suscitato molto interesse, ha sollevato speranze, ma anche dubbi e incredulità.

E’ chiaro che si tratta di un percorso che potrà essere ostacolato da molti portatori di interessi precostituiti, quelli che forse preferiscono una lenta estinzione piuttosto che un coraggioso rinnovamento. Come pure è ipotizzabile che il rinnovamento possa essere vanificato di una strategia di cui stanno emergendo segnali preoccupanti, quella riassumibile come “un passo avanti e due indietro”, col rinvio delle decisioni a tempistiche remote e a procedure macchinose, volte a lasciare la macchina organizzativa di Forza Italia nelle mani di chi l’ha gestita fino ad ora.

Pur consapevoli di queste difficoltà, abbiamo seguito fin da subito con interesse l’iniziativa di Giovanni Toti per il rinnovamento del centrodestra, culminata nella convocazione della manifestazione del 6 luglio a Roma. In qualità di persone legate al centrodestra (amministratori, militanti, elettori e semplici simpatizzanti) vogliamo ribadire la nostra intenzione a prendervi parte attivamente, a condizione che non prevalga il tentativo di ricondurre tutta l’operazione ai vecchi schemi e ai vecchi volti: il nostro interesse per un centrodestra rinnovato va al di là della partita in corso all’interno di Forza Italia, e qualunque ne sia l’esito. Viceversa, il nostro impegno e la nostra presenza non potranno mancare – a cominciare dall’appuntamento del 6 luglio, se il percorso sarà chiaramente indirizzato verso una formazione:

1) che allarghi effettivamente e ampiamente la possibilità di partecipare ai processi decisionali e alla formazione della classe dirigente, e che diventi finalmente un vero partito/movimento contendibile;

2) che auspicabilmente alla fine del processo, portandosi dietro anche la storia di Forza Italia, ma non limitandosi ad essa, rispecchi anche nel cambio di denominazione la volontà di superamento dei confini attuali;

3) che sia ancorata al centrodestra con tutti e due i piedi, alleata affidabile della Lega, di Fratelli d’Italia e delle forze civiche, che tuttavia non si riduca a fungere da appendice o da satellite di altri, ma piuttosto ambisca ad essere una componente originale dello schieramento di centrodestra;

4) che sia espressione dei valori nazionali, liberali, popolari, riformisti e cristiani, propri della civiltà occidentale ed europea, anche in opposizione al nichilismo e al relativismo incombenti, e che metta al primo posto il ruolo della società aperta, la centralità della persona e della famiglia, la cultura dell’impresa, della sussidiarietà e della solidarietà;

5) che prepari per il paese una vera e ampia alternativa di centrodestra, per superare le alleanze occasionali ed eterogenee che hanno determinato l’attuale assetto governativo.

Pisa, 29 giugno 2019 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: