none_o

Servono forse convegni interminabili, ospiti illustri e location spaziali per ottenere partecipazione e divertimento? Servono mezzi illimitati, spazi dedicati, progetti faraonici per riunire persone e Associazioni per un progetto comune di alto livello? Talvolta, come è successo questo sabato, basta un piccolo spazio ed una piccola occasione per ottenere risultati eccellenti e oltre ogni aspettativa. 

. . . . . . . . . . . . . per nascondere la strizza. .....
Salvini era al governo nel posto che voleva, si è .....
E' una regola: due volte al mese, primo e terzo lunedì .....
A parte il fatto che appare assai singolare mandare .....
di Bruno Pollacci
none_a
Incontrati per caso
di Valdo Mori
none_a
Dal mondo
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Con le “De Soda Sisters”
none_a
Presentazione libro-24 gennaio
none_a
Confcommercio
none_a
Molina di Quosa, 25 gennaio
none_a
Pisa, 24 gennaio
none_a
Pisa
none_a
Pontasserchio, 16 gennaio
none_a
di Fabiano Corsini
none_a
CSI -Centro Sportivo Italiano
none_a
Le squadre di ValdiSerchio
di Marlo Puccetti
none_a
Le squadre di Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Le squadre di Val di Serchio
di Marlo Puc
none_a
Nella notte fredda e bianca
la Befana un poco arranca
urge ormai di farsi l'anca
e per questo sembra stanca.

Befanotto suo marito
è davvero inviperito
dice: .....
Buongiorno, abito in Via Paganini a Colignola, quotidianamente percorro le strade bianche nelle vicinanze fino ad arrivare ad Asciano, lungo i condotti. .....
di Moschini
none_a
Gli Amici di Pisa esprimono mo
none_a
di Renzo Moschini
none_a
A cura di Riccardo Maini
Comitato spontaneo “Rinnoviamo il centrodestra” Pisa

5/7/2019 - 19:08


Comitato spontaneo “Rinnoviamo il centrodestra” Pisa

Se il centrodestra si rinnova davvero, noi ci siamo !!! Nel momento più basso della parabola politica di Forza Italia, dopo una serie di insuccessi elettorali e di sondaggi a picco, accompagnati da una scarsa chiarezza dell’offerta politica, Silvio Berlusconi ha nominato Giovanni Toti e Mara Carfagna coordinatori del partito, col compito di

 

1) organizzare un congresso;

2) determinare la modalità per eleggere dal basso gli incarichi a tutti i livelli;

3) andare oltre i confini dell’attuale Forza Italia e recuperare i delusi, quelli che si erano allontanati, le formazioni civiche vicine al centrodestra; L’ iniziativa ha suscitato molto interesse, ha sollevato speranze, ma anche dubbi e incredulità.

E’ chiaro che si tratta di un percorso che potrà essere ostacolato da molti portatori di interessi precostituiti, quelli che forse preferiscono una lenta estinzione piuttosto che un coraggioso rinnovamento. Come pure è ipotizzabile che il rinnovamento possa essere vanificato di una strategia di cui stanno emergendo segnali preoccupanti, quella riassumibile come “un passo avanti e due indietro”, col rinvio delle decisioni a tempistiche remote e a procedure macchinose, volte a lasciare la macchina organizzativa di Forza Italia nelle mani di chi l’ha gestita fino ad ora.

Pur consapevoli di queste difficoltà, abbiamo seguito fin da subito con interesse l’iniziativa di Giovanni Toti per il rinnovamento del centrodestra, culminata nella convocazione della manifestazione del 6 luglio a Roma. In qualità di persone legate al centrodestra (amministratori, militanti, elettori e semplici simpatizzanti) vogliamo ribadire la nostra intenzione a prendervi parte attivamente, a condizione che non prevalga il tentativo di ricondurre tutta l’operazione ai vecchi schemi e ai vecchi volti: il nostro interesse per un centrodestra rinnovato va al di là della partita in corso all’interno di Forza Italia, e qualunque ne sia l’esito. Viceversa, il nostro impegno e la nostra presenza non potranno mancare – a cominciare dall’appuntamento del 6 luglio, se il percorso sarà chiaramente indirizzato verso una formazione:

1) che allarghi effettivamente e ampiamente la possibilità di partecipare ai processi decisionali e alla formazione della classe dirigente, e che diventi finalmente un vero partito/movimento contendibile;

2) che auspicabilmente alla fine del processo, portandosi dietro anche la storia di Forza Italia, ma non limitandosi ad essa, rispecchi anche nel cambio di denominazione la volontà di superamento dei confini attuali;

3) che sia ancorata al centrodestra con tutti e due i piedi, alleata affidabile della Lega, di Fratelli d’Italia e delle forze civiche, che tuttavia non si riduca a fungere da appendice o da satellite di altri, ma piuttosto ambisca ad essere una componente originale dello schieramento di centrodestra;

4) che sia espressione dei valori nazionali, liberali, popolari, riformisti e cristiani, propri della civiltà occidentale ed europea, anche in opposizione al nichilismo e al relativismo incombenti, e che metta al primo posto il ruolo della società aperta, la centralità della persona e della famiglia, la cultura dell’impresa, della sussidiarietà e della solidarietà;

5) che prepari per il paese una vera e ampia alternativa di centrodestra, per superare le alleanze occasionali ed eterogenee che hanno determinato l’attuale assetto governativo.

Pisa, 29 giugno 2019 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: