none_o

La storia degli Usi Civici è lontana nel tempo, quando chi non era nobile o faceva parte della grande famiglia ecclesiastica doveva lottare ogni giorno per sopravvivere alla povertà. Poter sfruttare una parte della altrui proprietà per piccole attività come quella di caccia, di raccogliere legna o erba rappresentava un diritto importante per quelle comunità che è arrivato, con alterne vicende, fino ai giorni nostri. I tempi sono cambiati e anche le problematiche.
Una piccola storia può essere utile per capire.

Mi sono commossa leggendo che presto la Via dei Molini .....
Ora nel lago c'è anche l'azolla caroliniana. . . ! .....
Spett. / le Redazione,

torno a contattarvi per .....
In Francia e Inghilterra la circolazione di coltelli, .....
Vecchiano è Volontariato
#tantifiliunasolamaglia


MEGLIO UN GLAP OGGI CHE UN GLU GLU DOMANI

Vecchiano è Volontariato
#tantifiliunasolamaglia


CREDO NEGLI ESSERI UMANI

Vecchiano è Volontariato
#tantifiliunasolamaglia


Comunità di relazioni, giustizia, solidarietà sociale e sostenibilità

il "Pontile 102"
none_a
"Dante, una terzina per volta"
di Stefano Benedetti
none_a
Parte l'estate di Molina mon amour
none_a
Villa di Corliano, 29 giugno
none_a
San Giuliano Terme, 27 giugno
none_a
S'inarca la notte
remota sopra i nostri pensieri
di stelle cosparsi.
Fuliggine d'astri e millenni ;si posa
sul dorso di lucciole ignare
che vagano .....
caro baffuto baffino ricorda che la fantasia se sfocia in diffamazione e calunnia quello e reato e non pregare la Santa Vergine a Roma davanti alla porta .....
none_o
l'opinione di Guelfo Guelfi (da fb)

7/7/2019 - 12:42

...Il dolore s’impadronisce dei nervi, quasi ti lacrimano gli occhi. anzi senza quasi: ti lacrimano gli occhi.

Passa.

Resta un segno, poi passa anche quello e del dolore nemmeno il ricordo. Non è possibile. Tutti questi balletti nelle file di qua, condannati dal fatto che il fronte opposto pare davvero inesorabilmente ampio e paurosamente volgare.

La maggioranza degli italiani si è consegnata a Matteo Salvini. Si lascia andare, si lascia dire, si lascia fare. Potrebbe essere che io non riesca a farmene una ragione e mi lascio facilmente confortare dal ricordo di quanti prima di me si trovarono spinti nei vagoni piombati, si videro cadere uno a fianco dell’altro nelle trincee a poca distanza le une dalle altre, patirono la fame ma soprattuto la videro soffrire ai propri cari. Come hanno potuto, come potremo?

Per me, lo voglio dire facile, piatto, la maggioranza degli italiani pur essendo capace di soccombere, di tacere, di fingersi in altro tempo e in altra storia, la maggioranza degli italiani non fa schifo come sembra. Va detto che c’è un pensare che tutto quel che si vede e che sappiamo non è che un punto, un passaggio, un momento del grande palinsesto della comune esistenza. Un luogo in cui è più facile pensare a scuotere la testa che ad annuire. il segno dei tempi si traccia tra chi pensa di insegnare ad altri quello che andrebbe fatto piuttosto che preoccuparsi di parare il tiro verso la propria porta.

È più facile chiudere i porti.

È più facile mettersi ad imprecare contro Odino.

Dare del Comunista, della troia, del corrotto.

Rende forti, come quello che si compiace di spendere due mila euro per convincere un altro a tuffarsi in acqua a bordo di una Vespa.

Chissà che divertimento, che libidine, che scarica di adrenalina.

Chissà che futuro. Tenere 52 persone a bordo di una barca a vela che ne aveva tratti in salvo 41. Li aveva imbarcati prelevandoli dalle onde, non dal pontile di club mediterranee. Quei 41 avevano ancora nelle orecchie le grida e negli occhi la disperazione di quanti lì accanto avevano perso la vita. Ma sulla costa più vicina a quella tragedia erano attesi da un Primo Vice Primo Ministro che ha aggiunto il suo carico. Ore d’attesa, tensione in presa diretta.

Ore moltiplicate perché si possa dire tutti: io c’ero.

Dove?

Lì accanto, sul divano!

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

8/7/2019 - 10:23

AUTORE:
Cosetta

Io non ci sto detto alla Sandro Pertini!
L'orrore che perpetua quotidianamente è troppo doloroso!
Mi sconvolgono quelle morti mi commuovono quei salvataggi mi indignano quegli insulti mi offendono quei comportamenti disumani e mi mortificano quegli atteggiamenti da ultras da stadio!
Se non sappiamo provare compassione neppure per chi soffre e rischia la vita e noi li lasciamo andare fra le braccia inclementi della morte apatici indifferenti fautori o protagonisti...allora non siamo che dei miserabili!