none_o

 

La ricostruzione e il racconto con tanti ricordi, la rivolta dell'acqua questa volta non portatrice di vita ma di morte. Il pianto di una Nazione e..."al posto del campanile una scala a chiocciola", quella di Giovanni Michelucci.
 

La verità fa male a chi si nasconde.
Poi, forse, .....
Scrive il sig. Francesco T:
Sa benissimo anche lei .....
Sarei curioso di sapere dove ha vissuto, lei, con .....
. . . abitante sempre a MdA.
La sig. ra. Lucia ebbe .....
Incontrati per caso
di Valdo Mori
none_a
"Io lo vedo così"
none_a
Libri ed altro.
none_a
Incontrati per caso
di Valdo Mori
none_a
  • AD ACCOGLIERE GLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI CALCI MOLTI SPAZI, AULE E GIARDINI RINNOVATI

      Suona la campanella

    Mancano tre giorni all’inizio della scuola e lunedì prossimo la campanella suonerà per i tanti alunni calcesani che potranno contare su aule, spazi comuni e giardini rinnovati e più sicuri...


Il Lonfo non vaterca né gluisce
e molto raramente barigatta,
ma quando soffia il bego a bisce bisce,
sdilenca un poco e gnagio s'archipatta.
È .....
Vendo FB FB johnson 5CV buone condizioni, bicilindrico, 2 tempi, gambo corto, elica 3 pale, anni 90, marcia avanti e indietro, serbatoio esterno .....
Cascina, 11 luglio
Mostra "La bellezza e la diversità delle culture dei popoli"

9/7/2019 - 14:16


La bellezza e la diversità delle culture, delle tradizioni, dei popoli nel pianeta, la bellezza e la diversità dello straniero, è il tema, oggi più che mai attuale, della mostra del fotografo Matteo Rossini che si inaugura giovedì 11 luglio da Pasta & Vino osteria a Cascina fino al 11 settembre. 


Il fotografo, girando per il Nepal, il Marocco, l'India, il Giappone, ha immortalato una diversità di colori, costumi, architetture, tradizioni, abiti, strumenti, incomparabilmente altri rispetto a quelli occidentali, europei ed italiani, eppure stregonescamente belli, suadenti.  


Oltre alle immagini sulla parte orientale del mondo, Rossini abbina nella mostra anche la città che meglio incarna la contaminazione tra Oriente e Occidente, che è storicamente Venezia.

 

La città lagunare è infatti un crogiolo di culture, tradizioni e stili che si sono contagiati, mescolati, sovrapposti, arrivando a creare quell'unicum architettonico e artistico mondiale che conosciamo. 


L'Osteria Pasta & Vino, che ospita questa 13° mostra d'arte, iniziata un anno fa, abbinerà, come di consueto, un piatto fatto appositamente in dialogo al tema dell'esposizione fotografica, ovvero, riferendosi a Venezia, lo stoccafisso alla veneziana con pepe Rimbas, presidio Slow Food. 


Matteo Rossini è un fotografo attivo a Pisa, con varie collaborazioni con Piaggio Spa, Gruppo Pretto Ponsacco e Fiaip: nel suo portfolio si ricorda una serie di pubblicazioni di prestigio sul patrimonio storico artistico, nello specifico una dedicata al ciclo di affreschi tardo trecenteschi dell'Oratorio di San Giovanni Battista a Cascina e un'altra dedicata ai bassorilievi dello scultore Biduino nella chiesa due-trecentesca dei Santi Ippolito e Cassiano. 


In allegato, alcune immagini della mostra di Matteo Rossini   


  

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: