none_o


Bellissimo scritto il precedente, anche se (visione solo mia personale) ci vedo un po’ di politica nella penna.

C’è in paese uno scrittore, sì certo, politico anche lui, ma che insieme alla fede sinistra dà la mano destra al volontariato e insieme cuore e tempo e fatica e impegno:

Nedo Masoni.

. . . quando i fatti, o i dati, o le testimonianze. .....
. . . al secolo decimo/ nono quando per dirne una o .....
. . . . . . . . . . . è che questo signore ha il .....
Egr. sig democratico (a senso unico) credo che lei .....
“Io lo vedo così”
none_a
Associazione La Voce del Serchio
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Solidarietà
none_a
Molina di Quosa, 19 settembre
none_a
Pisa, 21 settembre
none_a
Pontasserchio
none_a
Marina di Pisa
none_a
Calci
none_a
ASBUC Migliarino 21 settembre
none_a
Circolo Arci Filettole
none_a
Vecchiano, 27 settembre
none_a
  • AD ACCOGLIERE GLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI CALCI MOLTI SPAZI, AULE E GIARDINI RINNOVATI

      Suona la campanella

    Mancano tre giorni all’inizio della scuola e lunedì prossimo la campanella suonerà per i tanti alunni calcesani che potranno contare su aule, spazi comuni e giardini rinnovati e più sicuri...


di Bruno Pollacci
none_a
Parco di San Rossore, 14 settembre
none_a
Polisportiva Sangiulianese
none_a
Pappiana
none_a
Il Lonfo non vaterca né gluisce
e molto raramente barigatta,
ma quando soffia il bego a bisce bisce,
sdilenca un poco e gnagio s'archipatta.
È .....
Vendo FB FB johnson 5CV buone condizioni, bicilindrico, 2 tempi, gambo corto, elica 3 pale, anni 90, marcia avanti e indietro, serbatoio esterno .....
di Renzo Moschini
none_a
di Renzo Moschini
none_a
di Renzo Moschini
none_a
Libri ed altro.
Le emozioni letterarie di Lily

23/7/2019 - 16:04


 
Andiamoci in macchina disse l‘Albertini a Vasco Do Santos …. D’altronde Barabba non sarebbe mai salito su un aereo.

Perché anche il viaggiatore (per esserlo non occorre inseguire mete lontane, è lo sguardo che fa la differenza) lo dice sempre che viaggiare in Europa vuol dire “strisciare“. E allora in macchina, passando fortunosamente su quello che fu ponte Morandi, tutta la Provenza negli occhi fino a Biarritz, in un giorno piovoso di marzo. La guardi dall‘alto delle sue falesie, avvolta in un pulviscolo oceanico e improvvisamente ti assale lo struggimento per un tempo passato elegante e letterario, saudade in anticipo. I Pirenei di corsa ed arrivi a Coimbra. La fortuna di trovare aperta a tarda sera la biblioteca joanina nella sua magnificenza di stucchi. Passare per i capricci gotici di Batalha e Alcobaca e terminare la giornata, intontiti da tanta bellezza, tra i vicoli e le case colorate di Obidos. Poi finalmente Lisa, Lisboa … Che è la città di “Pranzi di famiglia“  il libro di Romana Petri. La stessa autrice di “Ovunque io sia“ di cui “Pranzi di famiglia“ può in maniera particolare considerarsi il seguito. O meglio i cambiamenti, le rettifiche di prospettive di vita, i ricordi intrecciati al presente. Le evoluzioni o gli stagnamenti di rapporti di famiglia incasinati, feroci, stanchi, appassionati in brevi momenti. Un filo conduttore emotivo che passa da Maria do Ceu a Vasco (E tu che uomo sarai disse Ceuzinha a suo figlio Vasco). In mezzo tutti i morti, i vivi ed i risorti …

E sopra tutto l‘amore e la fascinazione per una città veramente speciale, in cui il lato umano e relazionale prevale su quello economico e competitivo. In questo libro la vocazione “paesana“ di Lisbona è sottolineata anche dagli ingredienti e dai cibi della sua cucina, morcela, chourico, formaggio di Alzeltao, burro all’aglio, caldeirada …

 Tutti gli elementi dei pranzi di una famiglia imperfetta, così come lo sono tutte. Con legami che oltrepassano la morte. L’asma di Vasco, accettata come un sacrificio dovuto a quella madre perduta. Tanto comunque lui lo sa, che così come l‘acqua che l’ama tanto e lo purifica, l‘Albertini con il suo stupefacente amore gli riporterà il respiro intero. Perché quando liberamente si ama il corpo diventa accessorio dell‘anima. È di contorno.
 
(Al Bairro Alto, davanti a Palacio Santa Caterina, c’è un affascinante ristorante “sociale“ dove si mangia gomito a gomito cibo “popolare“ e dove si paga a fine mese, vincendo in qualche modo la solitudine umana. Più in là ce n’è un altro, con le piastrelle bianche e nere e l‘arredamento anni “60, dove il bacalhau con i ceci si mescola al sorriso della padrona che chiama “mi amor“ mia figlia. Alla Pastelaria da Nita le pasteis sono fredde ma c’è sempre un cicaleccio rassicurante).

 

Non potrai mai essere solo a Lisbona.

Anche la saudade si condivide

 
 

    

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




24/7/2019 - 18:43

AUTORE:
P.G_

Ho letto tempo fa "Ovunque io sia" di Romana Petri e l'ho trovato straordinario, sia per la vicenda commovente che per l'ambientazione nella città di Lisbona che ho avuto il piacere di visitare qualche anno fa.
Consiglio a tutti le due cose, leggere il bel romanzo della Petri e andare, una volta, a visitare Lisbona, città misteriosa e affascinante dove convivono bellezza e decadenza, fascino antico e moderno e una buona cucina (ma bisogna essere amanti del baccalà!), gente tranquilla e accogliente e prezzi, se non ricordo male, moderati.