none_o

Ho assistito ad una interessante conversazione riguardo al problema della manifestazione novax del 20 giugno scorso. Qualche offesa è passata, qualche frase di troppo a mio giudizio è scappata ma certo è difficile esimersi dal classificare e definire una tale sconsiderata presa di posizione. L’articolo di giornale che riporta il fatto va giù duro e titola “La vittoria degli imbecilli: il 41% degli italiani non vuole vaccinarsi contro il Covid 19”.

Ci disse il prof. Raffaello Nardi: volete andare al .....
Come mai nel VIDEODRONE di Bocca di Serchio non è .....
. . . . . . . . . . . . . . . non capisco i virologi .....
Per i cinguettii mi riferivo semplicemente ai tweet .....
Incontrati per caso..
di Valdo Mori
none_a
Libri.
none_a
Incontrati per caso..
di Valdo Mori
none_a
le Eccellenze italiane dello spettacolo”
none_a
Bagno degli Americani
none_a
di
Bruno Pollacci
none_a
FIAB-Pisa
none_a
San Giuliano Terme, 5 luglio
none_a
Cascina, 4 luglio
none_a
Tirrenia, 4 luglio
none_a
Villa di Corliano, 29 giugno
none_a
Pontasserchio, 28 giugno
none_a
  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


  • Circolo ARCI MIgliarino

      Chiusura del Circolo

    Il Circolo ARCI Migliarino comunica ai propri soci che il bar resterà chiuso dalla data odierna (10.3) fino al 3 di aprile 2020. La riapertura sarà condizionata dalle disposizioni successive riguardo alla diffusione della malattia in ambito nazionale.


FC FORNACETTE CASAROSA
none_a
Dai monti al mare
none_a
camp estivi
none_a
di Marlo Puccetti
none_a
nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Segnalo il degrado/ pericolo del campanile della chiesa di Migliarino Pisano. Andrebbe, perlomeno, messo in sicurezza.
di Renzo Moschini
Una Toscana pasticciona tra riforme istituzionali e candidature

24/7/2019 - 20:35

 Una Toscana pasticciona tra riforme istituzionali e candidature elettorali.
Che ‘le autonomie’ su cui si sta litigando con tanto di minacce di crisi di governo abbiano ben poco a che fare con la Costituzione e i problemi irrisolti del Titolo V, del Referendum, della legge Del Rio dovrebbe risultare chiaro anche a non esperti costituzionali. Anche dall’Unione Europea in questi giorni è venuto un chiaro invito alle regioni perché trovino nel loro operato un chiaro punto di unione e di intesa con lo Stato. Con l’aggiunta che le province devono uscire da questo limbo conseguente la legge Del Rio.
Che un riforma istituzionale con caratteri federalisti che non andò in porto perché non si trovarono adeguate ripartizioni nelle competenze tra Stato regioni ed enti locali e noto, ma va aggiunto che soprattutto non si riuscì a definire valide sedi e strumenti per gestire unitariamente e concordemente il tutto; a partire dalla Conferenza Stato-Regioni. Il Referendum prevedeva addirittura una penalizzazione delle Regioni nelle loro competenze programmatorie e una ‘premiazione’ in quelle burocratico-amministrative.
Che oggi in materie come quelle ambientali le nostre istituzione –nessuna esclusa- annaspino accrescendo i nostri guai già oltre misura, è sotto gli occhi di tutti. Ma chi ne discute e in quali sedi? Siamo il paese che tutela la minore percentuale di superfici marine, abbiamo inquinamenti micidiali, erosione coste etc etc ma andiamo in tilt per la gestione di un porto. Insomma dove c’è bisogno di collaborare, decidere insieme e concordemente le cose non girano ancora per il verso giusto.
Basta andare e vedere documenti, proposte e confronti delle istituzioni e delle forze politiche degli anni scorsi per rendersi conto che gli attuali litigi non hanno nulla a che fare con le esigenze del paese.
E qui entra in ballo anche il dibattito politico in corso in regioni –come la Toscana- dove si andrà non prestissimo  al rinnovo.
Del programma che non può non riguardare innanzitutto anche i problemi a cui abbiamo accennato –tanto per fare un esempio- anche qui sono finite a Firenze competenze locali specialmente provinciali, che complicano anche aspetti semplici se non banali.
In compenso sono in corso manfrine per le future candidature con le più strane ipotesi; candidati sindaci toscani perché il candidato poi sia fiorentino, come se si votasse non per la regione Toscana ma per Firenze.
Ecco perché bisognerebbe che a dirigere e gestire la politica toscana fosse il partito regionale e non qualche Lotti di turno.
Renzo Moschini

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: