none_o


Bellissimo scritto il precedente, anche se (visione solo mia personale) ci vedo un po’ di politica nella penna.

C’è in paese uno scrittore, sì certo, politico anche lui, ma che insieme alla fede sinistra dà la mano destra al volontariato e insieme cuore e tempo e fatica e impegno:

Nedo Masoni.

LA faziosità di qualcuno, abitante a MDA, è evidente .....
Innanzi tutto devo ringraziare tutti i vari commentatori .....
. . . quando i fatti, o i dati, o le testimonianze. .....
. . . al secolo decimo/ nono quando per dirne una o .....
Lista -Uniti per Calci-
none_a
di Guglielmo Maccione
none_a
PD struttura territoriale di Pisa
none_a
Intervista a Matteo Renzi
none_a
RICCARDO MAINI sempre Residente a MdA
none_a
di GIUSEPPE TURANI
none_a
di Renzo Moschini
none_a
Vecchiano 5 Stelle
www.vecchianoa5stelle.it
none_a
“Io lo vedo così”
none_a
Associazione La Voce del Serchio
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Solidarietà
none_a
San Giuliano Terme, 22 settembre
none_a
San Giuliano Terme, 25-26 settembre
none_a
Molina di Quosa, 19 settembre
none_a
Pisa, 21 settembre
none_a
Pontasserchio
none_a
Marina di Pisa
none_a
Calci
none_a
ASBUC Migliarino 21 settembre
none_a
  • AD ACCOGLIERE GLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI CALCI MOLTI SPAZI, AULE E GIARDINI RINNOVATI

      Suona la campanella

    Mancano tre giorni all’inizio della scuola e lunedì prossimo la campanella suonerà per i tanti alunni calcesani che potranno contare su aule, spazi comuni e giardini rinnovati e più sicuri...


di Bruno Pollacci
none_a
Parco di San Rossore, 14 settembre
none_a
Polisportiva Sangiulianese
none_a
Pappiana
none_a
Il Lonfo non vaterca né gluisce
e molto raramente barigatta,
ma quando soffia il bego a bisce bisce,
sdilenca un poco e gnagio s'archipatta.
È .....
Vendo FB FB johnson 5CV buone condizioni, bicilindrico, 2 tempi, gambo corto, elica 3 pale, anni 90, marcia avanti e indietro, serbatoio esterno .....
di Renzo Moschini
none_a
di Renzo Moschini
none_a
di Renzo Moschini
none_a
none_o
Poveri piccoli pipinistrelli!

25/7/2019 - 19:09


 
La preghierina
 
O Dio der tetto e ppoi delle soffitte,
le beschie ‘or capo fitto di pelame
fa ch’un s’attacchin e restin nell’ugname
e fall’arègge’ e fall’anco sta zitte!
 
Fa’ ar mondo di zonzale gran piename
e ll’aria sia di mosche fitte fitte;
leva ‘velle ‘he prima s’erin scritte
tu che lla natura ciai a rreame!
 
Fa’ ‘r piacè’ di scassà’ dalla ‘artella
er nome che mmi rovina ‘r desinà’,
e cerca ‘varcosartro con la “strella”.

Io ‘un ce la faccio più a ssopportà’
nemmanc’un gocciolino di franella
cor coso sur davanti ...alla mi’ metà!

 
 

 
La preghierina
 
Un giovine pipistrello rivolge una supplica al suo Dio che, logicamente, non può dimorare se non nelle soffitte o sotto i tetti, luoghi prediletti da questi animaletti notturni.
Data la caratteristica posizione di riposo dei chirotteri, tutti sapete che dormono pendoloni con le zampette attaccate a vecchi travicelli od altre sporgenze del sottotetto, siamo noi umani che sembriamo ai loro occhi stare capovolti e quindi è molto preoccupato per la nostra precaria posizione (fall’arègge’).
Dice poi che siamo inoltre molto rumorosi per le sue delicate orecchiette e siamo anche pericolosi perché (si dice!) i nostri capelli resterebbero impigliati alle piccolissime unghie che sono sulle articolazioni delle loro ali (ugname).
Se poi al mondo, per un qualsiasi motivo, ci dovessero rimanere solamente poche bestie, queste dovrebbero essere solo le zanzare (zonzale) e le mosche e non certamente gli uomini.
Un’altra cosa che la bestiola chiede, e che sembra gli stia moltissimo a cuore, è che dai libri di zoologia (dalla ‘artella) sia levato (scassà’), o quantomeno cambiato, il nome dato alla sua compagna.
Se lui è un PIPI-strello, maschietto dunque, non gradisce affatto amoreggiare (franella) con una femminuccia che si chiama PIPI-strella, una con lo stesso suo attributo genitale, quindi, sul davanti!

Fra curiosità e natura
 
E mentre cercano rifugio
una membrana per i rimpiccioliti arti
si stende imprigionando le braccia in tenue velo.
Come abbiano perduto la vecchia figura
le tenebre celano.
Non su penne si librano,
ma su trasparenti ali;
e quando tentano di parlare
emettono una voce sottile
sproporzionata al corpo,
lamentandosi con sommessi squittii.
In luoghi coperti, non nei boschi abitano,
e detestando la luce di notte volano,
il nome prendendo dall’ora vespertina.
 
Ovidio, nelle sue Metamorfosi, riportava la storia della trasformazione in pipistrelli delle tre figlie del re di Orcomeno, Minia.
Le tre giovani, Leucippe, Arsippe e Alcitoe, non intendevano venerare il dio Dionisio che, adirato, cercò prima di convincerle con prodigi attinenti al suo culto, (vino che cadeva dal soffitto, viti che nascevano dalle stoffe della casa, tamburelli che suonavano) e poi con ruggiti di belve e un terremoto che fece tremare il palazzo.
Le donne impazzirono dalla paura, uccisero e dilaniarono il figlio di una di loro e corsero sulla montagna per unirsi alle altre seguaci del dio, le Menadi, ma furono scacciate e tramutate in pipistrelli.
Ovidio dice che presero il nome dall’ora vespertina, infatti il nome latino di questo animaletto è “vespertilio”, da “vesper”, crepuscolo.
Era anche chiamato “nottola”, “vespertilione”, “vispistrello” e non ha mai goduto di popolarità e simpatia anche se è utilissimo all’uomo per l’enorme quantità di insetti nocivi che mangia.
Esopo in una favola narrava che, durante la guerra fra gli uccelli ed i quadrupedi, il pipistrello si alleava, ad ogni battaglia, con la parte che stava vincendo finché, scoperto, fu condannato a vivere solo la notte per la vergogna.
In un’altra favola invece elogiava la sua furbizia nell’occasione di una sua caduta a terra. Afferrato da una donnola, che dichiarò odiare tutti gli uccelli, il pipistrello si salvò giurando di essere un topo e, quando fu catturato da una seconda donnola che odiava invece i topi, riuscì a salvare di nuovo la pelle giurando di essere un uccello.
Veniva crudelmente inchiodato vivo sulle porte degli ovili, delle case, dopo avergli fatto fare tre giri intorno agli edifici e, in Francia, bruciato vivo per scaramanzia.
Solamente in oriente, nell’antica Cina, il pipistrello gode di una fama tale che la stessa parola, o carattere, “fu”, che lo indica, è la stessa di “felicità”. Cinque pipistrelli disposti a stella indicano le “cinque felicità”: ricchezza, longevità, tranquillità, culto della virtù e buona morte.
Il grande Leonardo da Vinci, sebbene abbia dato le ali da chirottero alla sua meravigliosa “macchina volante”, non amava i pipistrelli che erano, secondo un simbolismo medievale, sinonimo di lussuria.

Dice Leonardo:
“Il palpistrello per la sua sfrenata lussuria non osserva alcuno universale modo di lussuria, anzi maschio con maschio, femmina con femmina, sì come a caso si trovano insieme, usano il loro coito”.
 
Anche Dante ce l’aveva con il nostro amico. Fino ai suoi tempi i diavoli avevano avuto ali di aquila, come gli angeli, ma all’Alighieri venne in mente di descrivere Lucifero con questi attributi:

Sotto ciascuna uscivan due grand’ali,
quanto si convenìa a tanto uccello:
vele di mar non vid’io mai cotali.
Non avean penne, ma di vispistrello
era lor modo; e quelle svolazzava,
sì che tre venti si movean da ello….
 
Povero animaletto, con mani dal pollice opponibile alle altre dita come gli umani, femmine con il flusso mestruale periodico e mammelle pettorali come le donne, maschi con il pene pendente come gli uomini, il bisogno di tutti di stare sotto un tetto; e noi si deve aver paura e cercare di scacciare un essere simile?
Chi si ricorda della piccola chiusura degli scurini delle finestre di un tempo?
Era un pezzetto di legno fatto a goccia allungata e imperniato sul vertice più acuto, tanto che in posizione di riposo cadeva giù come un pipistrello nella sua posizione di sonno. Si chiamava “nottolo”, dal nome dell’animale che somigliava, abbinando il nome anche all’ uso che ne si faceva durante la notte.
Sono venuto a conoscenza in questi giorni di un importantissimo studio fatto da un pisano, Pietro Rossi, a proposito delle ricerche sul metodo di volo dei pipistrelli.
Il Rossi, il 2 gennaio del 1794, fece costruire nel giardino dell’Orto Botanico di Pisa un chiuso di rete dove mise una serie di fili di spago appesi al soffitto e dove liberò un pipistrello cieco ed uno sano.
Ambedue gli animali non urtavano nei fili.
Il 7 gennaio il pipistrello cieco fuggì da un buchino nella rete.

 
 

    
Fonte: Tratto da: Da bosco e da riviera, Lo zoo a rimpiattarello di Umberto Micheletti edito in proprio
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: